Apri il menu principale
Effigie di Simone VI di Montfort

Simone VI di Montfort (aprile 1240Siena, 1271) o Simon de Montfort "il giovane", è stato un nobile inglese, secondo figlio di Simone V di Montfort (1208-1265), sesto conte di Leicester e conte di Chester e di Eleonora Plantageneto, figlia del re Giovanni Senzaterra.

Come tutti i suoi fratelli Simone aiutò il padre Simone V di Montfort durante la "seconda guerra dei baroni" contro la monarchia di suo zio, Enrico III, e per far rispettare le disposizioni di Oxford. Il 5 aprile 1264 subì una sconfitta contro le truppe realiste mentre era a Northampton e fu fatto prigioniero. Ma già il 14 maggio suo padre vinse nella battaglia di Lewes contro il re, che a sua volta fu fatto prigioniero. Il giovane Simon da allora in poi, con il fratello maggiore Enrico fu sotto la custodia di sua cugina e il principe ereditario Edoardo delegato, mentre il padre era diventato sovrano de facto del Regno d'Inghilterra. Ma il 28 maggio 1265 Principe Edoardo fuggì dalla prigionia e fu in grado di mettere insieme un esercito di baroni filo-monarchici. Simon portò il suo esercito nelle marche di confine gallesi per rinforzare suo padre, che era già in lotta contro i loro avversari. Il giovane Simon fu lento a condurre le proprie forze da Londra, così loro e le loro bandiere furono catturate dal principe Edoardo, il quale usò poi le bandiere per trarre in inganno gli avversari. Il 31 luglio fece l'errore di accampare le sue truppe di fuori delle mura del castello di Kenilworth, di questo ne approfittò il principe Edoardo nella notte per un attacco a sorpresa. Le truppe di Simon vennero messe in fuga, nella ritirata fu catturato con lui il Conte di Oxford Hugh de Vere; riuscì poi a sfuggire alla sicurezza del castello attraversando a nuoto il lago di mezzo. Anche il suo vessillo cadde nelle mani del principe, e questo nella successiva battaglia di Evesham del 4 agosto contribuì ad avvantaggiare i realisti.

Suo padre e suo fratello maggiore Enrico morirono nella battaglia di Evesham nel mese di agosto 1265. Il giovane Simone giunse a Evesham appena in tempo per vedere la testa di suo padre in cima a una picca. Simon si rifugiò resistendo diversi mesi a Kenilworth all'assedio,[1] e la loro resistenza si dimostrò molto difficile da schiacciare.[2]

In seguito tentò di sollevare una ribellione nel Lincolnshire, ma questa si spense lentamente verso Natale del 1265.

La resa alle truppe reali fu concordata con il Dictum di Kenilworth del 1266, attraverso l'intervento del legato del Papa[3], consentendo tra l'altro ai familiari sopravvissuti di lasciare il paese diretti in Francia.

Giunto in Francia nel 1266 era intenzione di Simone mobilitare i seguaci di suo padre a una rinnovata lotta contro il re Enrico III. Tuttavia, dopo che la maggioranza dei baroni inglesi si era riconciliata nel 1267 (Statuto di Marlborough) con il re, l'attuazione di una tale impresa era disperata. Con il fratello, Guido, Simon si unì a Carlo d'Angiò nella conquista del principe francese del sud Italia, chiamato dal Papa contro i ghibellini. I fratelli combatterono nella vittoriosa battaglia di Tagliacozzo (23 agosto 1268) contro gli Hohenstaufen di Corradino di Svevia. Entrambi si stabilirono nel Regno di Sicilia, dove era salito a trono il re Carlo I d'Angiò.

Nel marzo del 1271, i fratelli Simone e Guido appresero della presenza del loro cugino Enrico di Almain, figlio di Riccardo di Cornovaglia, a Viterbo. In quel periodo erano in città anche il re Filippo III di Francia e Carlo I d'Angiò, re di Sicilia, per il Concilio tenuto per eleggere un nuovo papa. Insieme al suocero di Guido, i fratelli fecero irruzione il 13 marzo durante la messa nella chiesa di San Silvestro (ora Chiesa del Gesù). Sguainarono le spade e uccisero Enrico mentre egli si aggrappava all'altare chiedendo pietà invano, per vendicare la morte del padre e del fratello a Evesham. Non furono puniti per l'omicidio, ma vennero scomunicati dal papa per aver consumato un così efferato delitto in un luogo consacrato, il che ha ritardato la simpatia per loro in Inghilterra. Simone morì in quello stesso anno per febbre toscana[4] a Siena, «maledetto da Dio, vagabondo e fuggiasco».

Indice

NoteModifica

  1. ^ Prestwich (1988), pp. 52–3.
  2. ^ Powicke (1947), pp. 531–2.
  3. ^ Ottobuono Fieschi successivamente divenne Papa, come Adriano V; Powicke (1947), pp. 526–8.
  4. ^ il Virus Toscana, infezione trasmessa da Pappataci.

BibliografiaModifica

  • (EN) Powicke, F. M. (1947), King Henry III and the Lord Edward: The Community of the Realm in the Thirteenth Century, Oxford: Clarendon Press.
  • (EN) Frederick Maurice Powicke (1953), The Thirteenth Century: 1216-1307, Oxford: Clarendon Press. ISBN 0-19-285249-3.
  • (EN) Frederick Maurice Powicke: Ways of medieval life and throught: essays and addresses (1949)
  • (EN) Prestwich, Michael (1988), Edward I, London: Methuen London ISBN 0-413-28150-7.
  • (EN) Margaret Wade Labarge, Simon de Montfort, London, Eyre & Spottiswoode, 1962
  • (EN) J. R. Maddicott, Simon de Montfort, (Cambridge University Press, 1996)
  • Parte del presente testo proviene dall'undicesima edizione della Encyclopædia Britannica (1911), oggi di pubblico dominio: Chisholm, Hugh, ed (1911). Encyclopædia Britannica (11ª ed.). Cambridge University Press.
  • (EN) William Henry Blaauw, The Barons War: Including the Battles of Lewes and Evesham, 2ª Ed.; Baxter and Son; 1871
  • Guillaume de Nangis, Gesta Philippi Regis Franciæ, hrsg. von M. Daunou inRecueil des Historiens des Gaules et de la France (RHGF), vol. XX (Paris, 1840), pag. 484-485

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica