Apri il menu principale

Sindh

provincia pakistana
(Reindirizzamento da Sind)
Sindh
provincia
سندھ, سنڌ
Sindh – Stemma Sindh – Bandiera
Sindh – Veduta
Localizzazione
StatoPakistan Pakistan
Amministrazione
CapoluogoKarachi
GovernatoreIshrat-ul-Ibad Khan
Territorio
Coordinate
del capoluogo
24°04′12″N 67°03′00″E / 24.07°N 67.05°E24.07; 67.05 (Sindh)Coordinate: 24°04′12″N 67°03′00″E / 24.07°N 67.05°E24.07; 67.05 (Sindh)
Superficie140 914 km²
Abitanti35 470 648 (2009)
Densità251,72 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+5
ISO 3166-2PK-SD
Cartografia
Sindh – Localizzazione
Sito istituzionale

Il Sindh (o Sind) (Sindhi: سنڌ; Urdu: سندھ), vasto 135 300 km², costituisce una delle quattro province del Pakistan, la seconda più popolosa (30,4 milioni), ed è la patria del popolo Sindhi autoctono, dei profughi immigrati dall'India nel 1947 e di varie altre etnie.

Geografia fisicaModifica

Le regioni limitrofe sono il Belucistan ad ovest e nord, il Punjab a nord, il Rajasthan (India) ad est e il Mar Arabico e il Gujarat (India) a sud. Le lingue principali sono il Sindhi e l'Urdu.

La città principale è la capitale Karachi (24 milioni di abitanti), dove si concentrano gli immigrati indiani e che fu capitale del Pakistan fino al 1958 (vi era nato Mohammad Ali Jinnah). Un'altra grande città è Hyderabad, l'antica capitale del Sindh. Zulfikar Ali Bhutto e la figlia Benazir Bhutto sono originari di Larkana. Il Sindh conta 23 distretti.

StoriaModifica

L'origine del nome è nel sanscrito Sindhu che significa "fiume", ed è il nome del fiume Indo. Da tale nome deriva anche il toponimo "India" per il tramite del persiano Hind, che perde la "s" iniziale. Nello Shrimad Bhagavatam è menzionato come parte di Abhirrdesh (regno Abhira)[1]. In passato esistevano due regioni in quest'area: Sindh ad ovest, che si estendeva fino alla città di Multan, e Hind (India moderna) ad est.

Fu conosciuto con diversi nomi nel passato: gli Assiri (già nel VII secolo a.C.) lo conoscevano come Sinda, i Persiani come Abisind, i Greci come Sinthus, i Romani come Sindus, i Cinesi come Sintow, mentre per gli Arabi era il Sind.

SocietàModifica

Lingue e dialettiModifica

Nella provincia di Sindh si parla l'urdu che è la lingua ufficiale del Pakistan, il sindhi che è la lingua autoctona e circa 27 400 persone parlano la lingua goaria. L'alfabeto utilizzato da tutte e tre le lingue è quello arabo modificato.

DistrettiModifica

CuriositàModifica

Nel 1842 il Generale Charles James Napier conquistò la regione per conto dell'Impero britannico. Dato che i suoi ordini erano solo quelli di placare delle rivolte ma di propria iniziativa la conquistò, dovette spedire una missiva a Londra per giustificare il proprio comportamento: in essa si limitò a scrivere l'espressione latina "Peccavi" ("ho peccato") che, tradotta in inglese, diventa "I have sinned", che viene letta allo stesso modo di "I have Sindh" ("Io ho il Sindh"). La cosa fu molto apprezzata in patria, dove la conquista fu vista di buon occhio e la rivista Punch ritrasse il Generale vittorioso durante la battaglia con la parola Peccavi ad ornamento della vignetta.[3]

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN128261350 · LCCN (ENn88193625 · GND (DE4055082-5 · BNF (FRcb12067912v (data) · WorldCat Identities (ENn88-193625
  Portale Pakistan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Pakistan