Apri il menu principale
Sinfonia n. 4
CompositoreRalph Vaughan Williams
Tonalitàfa minore
Tipo di composizionesinfonia
Epoca di composizione1931 - 1934
Prima esecuzione10 aprile 1935 a Londra
PubblicazioneLondra nel 1935
DedicaArnold Bax
Durata media32 min
Organico3 flauti (il terzo anche ottavino), 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti (in si bemolle), clarinetto basso (in si bemolle), 2 fagotti, controfagotto, 4 corni (in fa), 2 trombe (in do), 3 tromboni, tube, timpani, triangolo, rullante, piatti, grancassa, archi
Movimenti

La Sinfonia n. 4 in fa minore è una sinfonia di Ralph Vaughan Williams.

A differenza delle prime tre sinfonie di Vaughan Williams, non gli è stata dato un titolo, affermando che era da intendersi come pura musica, senza alcuna ispirazione incidentale o esterna.

Diversamente da molte composizioni precedenti di Vaughan Williams, la sinfonia mostra una durezza di suono. Lo stesso compositore una volta osservò su questo, "Non sono affatto sicuro che adesso questo mi piaccia. Tutto quello che so è che è quello che volevo in quel momento". Il compositore britannico Sir William Walton apprezzò molto il lavoro, parlando di essa come "la più bella sinfonia dai tempi di Beethoven." Solo due sinfonie di Vaughan Williams finiscono con veemenza, la nº 4 e la nº 8.

L'opera fu eseguita il 10 aprile 1935 dalla BBC Symphony Orchestra condotta da Adrian Boult. La prima registrazione, realizzata due anni più tardi, vide il compositore stesso dirigere la stessa orchestra in quella che si rivelò l'unica registrazione commerciale di una delle sue sinfonie. Fu pubblicata su dischi a 78 giri nel Regno Unito dall'HMV e negli Stati Uniti dalla RCA Victor, e ristampata su LP e CD.[1]

La prima negli Stati Uniti avvenne il 19 dicembre 1935 con Artur Rodziński e la Cleveland Orchestra. La prima esecuzione americana ad essere sopravvissuta sotto forma di registrazione fu la trasmissione del 14 marzo 1943 con la NBC Symphony Orchestra diretta da Leopold Stokowski. Fu l'unica volta che diresse il lavoro e la sua performance è stata distribuita in CD dalla Cala Records.

Indice

StrutturaModifica

L'opera è in quattro movimenti con il terzo e il quarto collegati:

  1. Allegro
  2. Andante moderato
  3. Scherzo: allegro molto
  4. Finale con epilogo fugato: allegro molto

Un'esecuzione in media dura 32 minuti.

Dissonanza dall'inizio del primo movimento:

 

Motivo germinale che si sviluppa oltre la dissonanza iniziale:

 

Motivo costruito di quarti (battute 14-15):

 

RegistrazioniModifica

La quarta è l'unica sinfonia di Vaughan Williams ad aver avuto più registrazioni da direttori non britannici che da quelli britannici. L'elenco dei direttori comprende Dimitri Mitropoulos e Leonard Bernstein, entrambi con la New York Philharmonic. È stata registrata anche da André Previn, Leonard Slatkin, Paavo Berglund, Gennadij Roždestvenskij e Bernard Haitink. I direttori d'orchestra britannici che hanno registrato il lavoro oltre al compositore stesso includono Sir Malcolm Sargent (con la BBC Symphony Orchestra) Sir Adrian Boult, Vernon Handley, Paul Daniel, Richard Hickox e Sir Andrew Davis, oltre a Leopold Stokowski nella trasmissione 'live' in tempo di guerra di cui sopra. Nel 2011 l'Oregon Symphony l'ha eseguita e registrata per Music for a Time of War.[2]

L'affermazione di Peggy Glanville-HicksModifica

La sua allieva, la compositrice australiana Peggy Glanville-Hicks, affermò che prese in prestito il tema d'apertura del primo movimento dalla sua Sinfonietta per piccola orchestra in re minore (1935), e che a sua volta la mutò nuovamente per la sua opera The Transposed Heads (1953). Glanville-Hicks non completò la Sinfonietta fino a tre mesi dopo la prima della sinfonia di Vaughan Williams, ma lei stava scrivendo al tempo stesso la composizione della sinfonia.[3]

NoteModifica

  1. ^ Vaughan Williams conducts Vaughan Williams [from Amazon website]. Retrieved 2011-07-10.
  2. ^ Music for a Time of War, su AllMusic, Rovi Corporation. URL consultato il 13 novembre 2012.
  3. ^ Victoria Rogers, The Music of Peggy Glanville-Hicks, p. 30. Retrieved 11 May 2016
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica