Apri il menu principale

Sistema trilitico

struttura architettonica
Sistema trilitico a Stonehenge

Un sistema trilitico o trilite (dal greco tri = tre + lithos = pietra) è una struttura formata da due elementi disposti in verticale (piedritti) e un terzo appoggiato orizzontalmente sopra di essi (architrave), a formare una sorta di porta. È una struttura coprente una minima luce.

Il trilite è una struttura architettonica semplice, piuttosto comune nei monumenti megalitici composti da tre elementi megalitici e venne usata soprattutto nel periodo Calcolitico. Il vantaggio è quello di generare forze spingenti solo verso il basso e quindi di non essere soggette a spinte laterali; gli svantaggi sono legati alla limitatezza della distanza tra i megaliti. L'architrave spinge il suo peso sui piedritti ed essi per sostenerlo lo scaricano sul suolo. Se la luce (lo spazio Tra i due piedritti) è troppo ampia l'architrave cede, per non sprofondare invece si mette la fondazione.

Fra gli esempi preistorici più celebri dove si trovano sistemi trilitici, si possono citare Stonehenge, i templi di Malta e la porta dei Leoni a Micene.

I Greci antichi usavano il sistema trilitico (lo preferivano all'arco, anche se talvolta utilizzavano anche quest'ultimo), per cui esso è alla base degli ordini architettonici classici, dove i sostegni verticali sono rappresentati dalla colonna (composta di base, fusto e capitello) e quello orizzontale dall'architrave.

Il sistema trilitico è uno dei sistemi costruttivi più antichi della storia.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica