Sistemi ettometrici di Napoli

1leftarrow blue.svgVoce principale: Trasporti a Napoli.

I sistemi ettometrici di Napoli, gestiti dall'ANM, sono un sistema di dieci impianti utilizzati per il collegamento delle zone collinari della città Partenopea.

Le infrastruttureModifica

Comprende 4 funicolari, 4 ascensori e 2 impianti di scale mobili. L'utilizzo degli ascensori e delle scale mobili è gratuito[1].

Le funicolariModifica

 
Funicolare Montesanto

Funicolare di ChiaiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Funicolare di Chiaia.

La funicolare di Chiaia collega la Stazione Vanvitelli della linea 1 della metropolitana, con il quartiere Chiaia. È stata aperta nel 1889 ed è la più antica funicolare napoletana. Nel suo percorso sono attive quattro fermate (compresi i capolinea). La pendenza massima è del 29,18%.

Funicolare di MontesantoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Funicolare di Montesanto.

La funicolare di Montesanto collega il Vomero con il centro storico di Napoli. È stata aperta nel 1891. Nel suo percorso sono attive tre fermate (compresi i capolinea). La pendenza media è del 20,84%.

Funicolare CentraleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Funicolare Centrale.

La funicolare Centrale collega la Stazione Vanvitelli della linea 1 della metropolitana con piazzetta Duca d'Aosta. È stata aperta nel 1928. Nel suo percorso sono attive quattro fermate (compresi i capolinea). La pendenza media è del 12%.

Funicolare di MergellinaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Funicolare di Mergellina.

La funicolare di Mergellina collega l'omonimo borgo con la collina di Posillipo. È stata aperta nel 1931. Nel suo percorso sono attive cinque fermate (compresi i capolinea). La pendenza media è del 16%, mentre la pendenza massima è del 46%.

Gli ascensoriModifica

Ascensore ActonModifica

L'ascensore Acton collega Piazza del Plebiscito con la sottostante via Ferdinando Acton. La portata è di 7 persone per volta.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ascensore Acton.

Ascensore della SanitàModifica

L'ascensore della Sanità collega il ponte della Sanità e i contigui corso Amedeo di Savoia e via Santa Teresa degli Scalzi con l'omonimo rione. La portata è di 8 persone per volta.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ascensore della Sanità.

Ascensore ChiaiaModifica

L'ascensore Chiaia collega via Nicotera con Via Chiaia. La portata è di 15 persone per volta.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ascensore Chiaia.

Ascensore VentaglieriModifica

L'ascensore Ventaglieri collega la zona del parco dei Ventaglieri a Montesanto con il corso Vittorio Emanuele è entrato in funzione il 28 agosto 2014.[2][3]

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ascensore Ventaglieri.

Scale mobili intermodaliModifica

Scale mobili intermodali del VomeroModifica

Dall'ottobre 2002 un sistema di 3 scale mobili intermodali urbane tra Piazza Fuga e Via Alessandro Scarlatti, unisce in un unico nodo di interscambio:

Tre rampe di scale mobili che costeggiano le scale fisse di Piazza Fuga e via Scarlatti rendono più agevole la circolazione pedonale per chi è diretto nella zona di San Martino, verso i principali siti di interesse storico-artistico (Certosa e Castel Sant'Elmo), alla sommità del quartiere Vomero.

Scale mobili intermodali del Parco VentaglieriModifica

Dall'agosto 2014 un sistema di 10 scale mobili collocate a valle del Parco Ventaglieri, collega la zona di Montesanto con la parte alta del quartiere in Piazza Gesù e Maria e Piazza Mazzini.

La prossimità immediata con i principali mezzi di trasporto concentrati in questo nodo strategico (Funicolare di Montesanto, la Linea 2 Metropolitana e le linee Cumana e Circumflegrea) completa l'offerta di servizi finalizzati a migliorare la mobilità.

Impianti dismessiModifica

Funicolare VesuvianaModifica

Tra i primi impianti di questo genere ad essere costruito in Europa, fu inaugurata nel 1880 per collegare la zona della basilica di Pugliano con l'Osservatorio del Vesuvio e l'omonimo cratere. Era considerata uno dei simboli di Napoli tra la fine del XIX e l'inizio del XX Secolo. Più volte modificata e ripetutamente danneggiata dalle eruzioni del vulcano, venne quasi completamente distrutta dopo l'eruzione del 1944. Nel 1947, su parte del vecchio tracciato fu costruita una seggiovia, ma anche quest'ultima venne dismessa e abbandonata nel 1984.

Funivia di PosillipoModifica

La Funivia, aperta nel 1940 durante la Mostra delle Terre d'Oltremare, collegava Viale Kennedy (nel quartiere di Fuorigrotta) con via Manzoni (nel quartiere di Posillipo). Dopo la distruzione da parte delle truppe naziste durante la seconda guerra Mondiale, l'impianto venne ricostruito nel 1950 e rimase in servizio regolare per soli 9 anni, dal 1952 al 1961. Le strutture vennero gradualmente smantellate quasi del tutto nei decenni seguenti.

Ascensore di PiedigrottaModifica

L'ascensore di Piedigrotta collegava via Manzoni col il rione di Piedigrotta scendendo nel tunnel aperto nel 1884 e oggi chiamato galleria delle Quattro Giornate. È dismesso, in quanto distrutto, dal secondo conflitto mondiale.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ascensore di Piedigrotta.

Ascensore di PizzofalconeModifica

L'ascensore di Pizzofalcone collegava l'omonima zona alta della città, appunto Pizzofalcone (detto anche Monte di Dio), con il sottostante tunnel della Vittoria e il vicino Chiatamone. Costruito negli anni venti del XX secolo, fu chiuso nel 1968 per problemi di infiltrazioni d'acqua e mai più ripristinato. La stazione superiore, che mostra un gusto architettonico eclettico, si apre in corrispondenza della scuola militare Nunziatella e della centrale dei telefoni della Sip, in seguito sede dell'università degli studi Parthenope.

Progetti di nuovi impiantiModifica

Il PUMS firmato dal Comune di Napoli nel settembre 2021, che illustra gli obiettivi della città per il 2030, prevede la costruzione di nuovi impianti e il potenziamento di quelli esistenti[4]:

  • Una funicolare automatica per collegare la stazione Montedonzelli della linea 1 con Via Domenico Fontana, dotata di tre stazioni e costruita come impianto traslatore-sollevatore (simile all'ascensore Montegalletto di Genova);
  • Una funicolare nel quartiere di Capodimonte, per collegare il Museo Archeologico cittadino al Real Bosco, connessa al resto della rete tramite la futura stazione Stella della linea 1;
  • Un sistema di ascensori (o in alternativa una funicolare) tra Bagnoli e Posillipo, per collegare la futura stazione Campegna della linea 6 (prevista per il 2025) con via Manzoni e Piazza San Luigi;
  • La stazione Sant'Elmo della funicolare di Montesanto, sita nei pressi di Castel Sant'Elmo e della Certosa di San Martino, collegata da ascensori con via Tito Angelini.

NoteModifica

  1. ^ ANM Web Site - Ascensori pubblici, su anm.it. URL consultato il 6 settembre 2021.
  2. ^ Parco Ventaglieri, riecco le scale mobili - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 settembre 2021.
  3. ^ Ventaglieri, le nuove scale mobili, su la Repubblica, 28 agosto 2014. URL consultato il 6 settembre 2021.
  4. ^ Funicolare al Rione Alto, ascensori a Posillipo e Bagnoli: De Magistris lascia Napoli con 6 mega progetti, su Napoli Fanpage. URL consultato il 12 dicembre 2021.

Voci correlateModifica