Apri il menu principale

Slang LGBT, linguaggio LGBT o slang gay in linguistica si riferisce a una forma di slang in lingua inglese utilizzato prevalentemente da persone lesbiche, gay, bisessuali e Transgender (LGBT). Questo linguaggio è stato utilizzato in varie lingue, come inglese e giapponese, sin dai primi del 1900 come metodo per identificarsi con il resto della comunità LGBT e come modo di parlare brevemente e velocemente con il resto della comunità.[1][2]

In giapponeseModifica

Anche se molte parole tra le gergali utilizzate nel Giappone moderno sono "prestiti linguistici" dell'inglese americano, rimangono ancora ll'interno della comunità LGBT nipponica parole giapponesi, come ad esempio il termine "okoge", che è l'esatta corrispondenza della parola gergale inglese, "fag hag"- una "donna i cui amici sono per lo più uomini omosessuali". L'equivalente giapponese di "frocio" è invece Okama (il cui significato letterale sarebbe pentola/contenitore)[3].

DefinizioniModifica

Quella che segue è una lista di termini gergali e/o offensivi per le persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender).

Per le lesbicheModifica

  • Carpet muncher (o rug muncher, "sgranocchiare tappeti")[6]
  • Celesbian[7]
  • Dyke ("argine/diga", variazioni sul tema: bull dyke, bull dagger ("pugnale del toro", in alternativa bulldagger, bulldicker[8], proveniente dal gergo afroamericano degli anni 1920)[9][10][11]
  • Diesel dike[12][13]
  • Drag dyke[14]
  • Gillette ("lama") Blade ("coltello"), termine risalente agli anni 1950 per le donne bisessuali, la cui sessualità con "un colpo secco" ha tagliato entrambi i modi d'essere (sia eterosessuale sia omosessuale)[15]
  • Kiki, un termine usato principalmente a partire dagli anni 1940 e per il corso di un decennio per indicare una lesbica che non era né butch-mascolina (vedi maschiaccio) né femme (slang) e che non aveva di conseguenza alcuna preferenza specifica nei riguardi delle due tipologie di partner[16]
  • Kitty ("gattino") Puncher ("punitore di micio") o Pussy (slang) ("micetto/a") Puncher con sia kitty sia pussy-"fica" riferentesi alla vagina di una donna e puncher-pugni quale variazione su vari termini dispregiativi per gli uomini gay come Donut ("ciambella") Puncher e altri più o meno similari[17].
  • Lezzie / Lesbo / Leso / Les (anche lezzer / lesser) (abbreviazione per "lesbian"-lesbica, da Lesbo)[18]
  • Muff Diver ("sommozzatore mancato")[19]
  • The Game of Flats ("gioco di pianura", un termine inglese del XVIII secolo per indicare la sessualità lesbica)[20]
  • Dodger ("astuto/furbacchione") Todger, quest'ultimo con il significato di pene[21]

Per i gayModifica

  • Assassino anale (prevalentemente nel Regno Unito) o anche "astronauta anale"[22]
  • Arse bandit - Bandito/Assassino del "culo", con sinonimia in asino, somaro, ciuco[23]
  • Bandito sul retro[24]
  • Giocatore di Backgammon (nella Gran Bretagna del tardo XVIII secolo)[25]
  • Batty boy: (ragazzo "pazzo/strambo"), in alternativa botty boy, ma anche batty man[26]
  • Orso/Bear (da cui ha preso il nome la comunità ursina)[27]
  • Piegato/Bent, bentshot ("sparo da piegato")[28] o bender ("piegatrice")[29][30]
  • Contrabbando di ossa/Bone Smuggle[31]
  • Brownie king ("re folletto") o brown piper ("pifferaio bruno" o "rosolato")[32]
  • Bufter, buffer (principalmente in lingua inglese scozzese) o Booty ("bottino") Buffer ("tampone" ovverosia Assorbente igienico)[22]
  • Bugger - da Buggery, con derivati in buggerare/buggerato ("imbrogliare", ma anche rimanere fregato, quindi "fottuto")
  • Bum bandit[24], butt bandit o bun bandit[29]: con Bum-vivere a scrocco, vagabondo, ma anche "culo"; Butt-mozzicone, bersaglio, zimbello, posteriore; Bun-ciambella, focaccia o panino dolce.
  • Bum boy o bum chum (amico intimo/di-letto)[33], ma anche "barbone ladro"/bum robber[34]
  • Bum Driller-perforatrice di "sedere"[35]
  • Ingegnere Bumhole (perforatore o "riempitore di buchi")[36]
  • Butt pirate[37], butt riders, butt pilot o butt rustler[37]: pirata, cavallerizzo, pilota, ladro di bestiame "da culo"
  • Charlie - rimando al gergo (Rhyming slang) di Charlie Ronce, che fa rima con ponce-Dandy-damerino, magnaccia, sfruttatore[38]
  • Chi chi man - utilizzato soprattutto nella Giamaica e ai Caraibi[39][40]
  • Chutney Ferrett/"furetto"[41] - lo Chutney è un condimento altamente piccante fatto di frutta o verdura con aggiunta di aceto, spezie e zucchero, originario del subcontinente indiano.
  • Operaio del "cazzo"/Cockstruction worker[42] - riferito a un omosessuale che è anche un operaio nel settore dell'edilizia. Qui è presente il gioco di parole tra construction e Cockstruction
  • Cock Jockey - "fantino del cazzo" o del "gallo" (il Gallus gallus domesticus celebre per la sua aggressiva e prorompente sessualità)[43]
  • Cock knocker, cockknocker e cocknocker - martello-battitore del "cazzo"[43]
  • Cockpipe Cosmonaut (astronauta del tubo, ma anche cornamusa, piffero e/o pipa[44]
  • Macellaio astuto/Crafty butcher[45]
  • Daffodil o "daffy" - un termine dispregiativo indicante l'omosessuale più grande che si crede di essere un Daddy (slang)-papà nei riguardi del ragazzo più giovane. Daffy è una persona sciocca e leggermente eccentrica (vedi anche Daffy Duck); ma riferito primariamente al Narcissus e al suo personaggio mitologico Narciso (vedi anche Narcissus nella cultura)
  • Donut puncher / muncher - punteruolo e/o sgranocchiatore di ciambelle[17]
  • Faggot[46][47][48] e Fag[49] - equivalente al frocio della lingua italiana
  • Fata/Fairy (comune e considerato accettabile per una larga parte del XX secolo)[50]
  • Finocchio - epiteto proveniente dall'Italia, che rimanda al finocchio[51], con alternative in culattone e cula (femminile di "culo")
  • Flamer - imbroglione da strapazzo, "racconta balle"[52]
  • Flit - volteggiare, svolazzare come una farfalla[53]
  • Fiore/Flower[54]
  • Amico di Franky
  • Amico di Dorothy - dal personaggio immaginario di Dorothy Gale interpretato a suo tempo dall'icona gay Judy Garland
  • Frutta (slang)/Fruit - ma anche ciclo di frutta, confezionatore/impacchettatore di frutta e infine succo di frutta[55]
  • Fudge packer - imballatore di caramella con glassa, ma anche "truffatore"-fottitore[29]
  • Harry hoofter - rima gergale-rhyming slang di poofter, con poof che indica il maschio effeminato[56]
  • Gaysian - con riferimento a un asiatico gay[57]
  • Gym Bunny ("coniglietto da palestra") - spesso riferentesi a un omosessuale che lavora ossessivamente in palestra con l'intento di migliorare il proprio aspetto fisico.
  • Ferro/Iron più zoccolo/hoof - o ferro da stiro, gergo in rima per poof-frocetto (che si fa "stirare")[58]
  • Jobby jabber ("borbottio") - principalmente scozzese, con jobby che si riferisce alle feci[59]
  • Knob Jockey - il "fantino del manico"[60]
  • Luce nel mocassino[61]
  • Luce nei pantaloni[61]
  • Luce nella fedora - un copricapo di feltro basso e morbido con una tesa (la parte sporgente) arricciata mentre la sommità risulta increspata longitudinalmente... un berretto velato[62]
  • Polso (sinonimia per pene) flaccido/debole[63][64]
  • Minatore di marmite[65] - una crema alimentare spalmabile
  • Massaggiatrice/Massaggio a base di carne/Meat Masseuse[42]
  • Mary-Maria - il nome femminile maggiormente comune e diffuso[66]
  • Muscle Mary (vedi anche Gym Bunny) - "una Maria con i muscoli"
  • Nancy o Nancy boy[67]: ragazzo carino, ma anche girlyboy/maschietta[68] o Nellie[69]
  • Oklahomo - gioco di parole tra Oklahoma e Omo[70]
  • Pansy (denominazione della Viola wittrockiana), da cui Pansy Craze ovvero "Violetta impazzita"[71]
  • Payaso - da pay a ass, "stipendiato dal culo", ma anche pagliaccio
  • Pillow biter[72] (morso, puntura o bocconcino da materasso[65]) - riferito al sesso anale quando un partner è spesso posizionato a faccia in giù sopra un cuscino
  • Poof - alcune delle possibili variazioni includono: poofter, pouf, poove, pooftah, pooff, puff) (soprattutto nel Regno Unito, in Australia, nella Nuova Zelanda e in California)[73]
  • Regina (slang), principessa e varianti femminili tutte sullo stesso genere[74]
  • Regina dei fagioli, ma anche "regina dei taco" (un piatto messicano composto da una tortilla fritta, tipicamente ripiegata, riempita con varie miscele, come carne stagionata, fagioli, lattuga e pomodori) o "regina della salsa": indica un gay che si sente attratto dagli uomini ispanici[66][75]
  • Brownie queen ("Regina abbronzata" o "marroncina" - gergo divenuto obsoleto per indicare un gay interessato al sesso anale (utilizzato dagli uomini che non prediligevano tale pratica)[76]
  • Regina del pollo (slang)/Chicken - un omosessuale interessato agli uomini che appaiono molto più giovani di lui (i "polli" per l'appunto)[77]
  • Curry queen - un gay attratto dagli omosessuali asiatici in generale o indiani in particolare[43]: il curry è una tipica sala piccante della cucina indiana e del mondo anglosassone
  • Dinge queen - un gay attratto dal "negro" (uso offensivo di "dinge", che significa per l'appunto nero nel senso di sporco)[78]
  • Drag queen - un gay in crossdressing pronto per la propria performance o esibizione[78]
  • La regina grigia - una persona gay che lavora per l'industria dei servizi finanziari. Questo termine deriva dal fatto che negli anni 1950 le persone che lavoravano nell'ambito di questa professione indossavano spesso un abbigliamento di flanella di colore grigio[79]
  • La regina della palestra - uomo gay datosi anima e corpo allo sviluppo atletico della propria attrattività fisica per sottolinearne la mascolinità[80]
  • Pissy queen/Regina dell'urina - gay percepito come Fussy ovvero pignolo, schizzinoso e meticoloso fino all'esasperazione[73]
  • La regina della patata - gay asiatico attratto principalmente dall'uomo bianco o Europoide[81].
  • La regina del riso - gay attratto principalmente dagli uomini dell'Asia orientale[81]
  • Scat queen, da scatologia - gay amante della coprofilia[82]
  • Ring raider - "rapinatore dell'anello", riferito all'ano[22]
  • Sausage jockey (il fantino o ladro della salsiccia/pene - presente nel mondo anglosassone e in particolar modo in Inghilterra[83]
  • Sollevatore di camicia/Shirt lifter[84]
  • Shit stabber - accoltellatore/che prende a coltellate la "merda"[82]
  • Sod - diminutivo di Sodoma e Sodomia[85]
  • Gorgogliatore o ingoiatore di sperma - riferito all'atto del sesso orale portato a compimento
  • Ladro/scassinatore di Turd-grumo di escrementi[21]
  • Twink (linguaggio gay) - un omosessuale giovane o apparentemente molto giovanile, con un taglio corto di capelli o sottoposti a completa rasatura e una corporatura alquanto esile e fine[86]
  • Giardiniere in salita / al piano di sopra - riferito alla logistica dei rapporti anali[87]
  • Woolly[88], woofter woofter e woolie - il personaggio di un fumetto pubblicato dal London Evening Standard e divenuto espressione gergale in rima per il poofter/effeminato, ma anche "poeta" nel senso di sensibilità portata fino al patetico[89].

Per i bisessuali e pansessualiModifica

  • Switch hitter - dal termine del baseball: un giocatore di passaggio, che batta sia con la mano destra sia con la sinistra, di solito con la mano destra contro lanciatori mancini e con la sinistra contro lanciatori di mano destra. Vedi battuta, pertanto "battitore"): Switch è scambiare, deviare, passare da una parte o ruolo di genere all'altro.

Per gli androgini e intersessualiModifica

Per le persone transgenderModifica

Termini di genere neutroModifica

  • Birra allo zenzero/Ginger beer - rhyming slang per queer
  • Camp - Può riferirsi sia a un comportamento effeminato che a un cattivo gusto (Kitsch) molto auto-ironico
  • Molly e Tommy: nell'Inghilterra del XVIII secolo il termine Molly era usato per indicare gli omosessuali maschi, implicando l'effeminatezza; Tommy, diminutivo di Thomas/Tommaso è un termine gergale indicante una lesbica in uso almeno fin dal 1781, potrebbe essere stato coniato per analogia col primo. Vedi anche Molly house.

NoteModifica

  1. ^ Paul Baker, Polari – The Lost Manguage of Gay Men, Routledge, 2002, p. 119. URL consultato il 17 gennaio 2010.
  2. ^ Long, Daniel: "Formation Processes of Some Japanese Gay Argot Terms", American Speech, Vol. 71, No. 2 (Summer, 1996), pp. 215–224. Duke University Press, 1996.
  3. ^ Mark McLelland, Male Homosexuality and Popular Culture in Modern Japan, in Intersections: Gender, History & Culture in the Asian Context, nº 3, 2000. URL consultato il 24 febbraio 2007.
  4. ^ Green, 2005, p. 82.
  5. ^ Green, 2005, p. 222.
  6. ^ Dalzell, 2008, p. 170.
  7. ^ Mona Elyafi, Why the Word 'Celesbian' Reinforces Stereotypes, The Huffington Post, 3 gennaio 2012. URL consultato il 28 febbraio 2015.
    «Using such a word as "celesbian" to refer to openly out female celebrities within our community is not only isolating but nothing short of acting the stereotype. How, then, do we show the world that we can walk straight, live a normal life, run successful businesses, raise families, play sports, and, yes, play popular acting roles on TV, online, and in films? We're veering off track by alienating ourselves, and it's essentially ruining what we are trying to accomplish in showing the world that we are normal human beings like everybody else.».
  8. ^ Green, 2005, p. 146.
  9. ^ Susan E. Krantz, Reconsidering the Etymology of Bulldike, in American Speech, vol. 70, nº 2, 1995, pp. 217–221, DOI:10.2307/455819, JSTOR 455819.
  10. ^ Prisons and Prisoners, GLBTQ Encyclopedia, 2006. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2007).
  11. ^ Dynes-Johansson-Percy-Donaldson, 1990, p. 335.
  12. ^ Dalzell, 2008.
  13. ^ Matthew Rottnek, Sissies and Tomboys: Gender Nonconformity and Homosexual Childhood, NYU Press, May 1, 1999 -
  14. ^ Green, 2005, p. 444.
  15. ^ [1] Gay L. A.: A History of Sexual Outlaws, Power Politics, And Lipstick Lesbians (2006)
  16. ^ Encyclopedia of Lesbian and Gay Histories and Cultures edited by George Haggerty, Bonnie Zimmerman, Books.google.com. URL consultato il 27 marzo 2018.
  17. ^ a b Green, 2005, p. 440.
  18. ^ lezzer / lesser / lesbo, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2007).
  19. ^ Dalzell, 2008, p. 679.
  20. ^ Rictor Norton, "The Game of Flats, 1749" Homosexuality in Eighteenth Century England: A Sourcebook, Sterling Publishing, 30 marzo 2003 [14 April 2000], ISBN 0-304-36636-6. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2008). The reference is to A. G. Busbequius, Travels into Turkey, English translation (London, 1744). The original book, published much earlier, was invariably cited whenever lesbianism was mentioned, e.g., William Walsh's A Dialogue Concerning Women (London, 1691) and in Martin Schurig's Muliebria Historico-Medica (1729).
  21. ^ a b Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  22. ^ a b c Green, 2005, p. 161.
  23. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  24. ^ a b Bum bandit, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2007).
  25. ^ Green, 2005, p. 49.
  26. ^ Botty Boy, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2007).
  27. ^ George Mazzei, (1979). Who's Who in the Zoo?. "The Advocate", pages 42–43.
  28. ^ bent as a nine* pound/bob note, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2007).
  29. ^ a b c Dalzell, 2008.
  30. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  31. ^ Green, 2005, p. 154.
  32. ^ Green, 2005, p. 188.
  33. ^ Green, 2005, p. 206.
  34. ^ Green, 2005, p. 208.
  35. ^ David Kato, The Economist, 15 febbraio 2011. URL consultato il 25 giugno 2011.
  36. ^ Richard A. Spears, Slang and Euphemism: A Dictionary of Oaths, Curses, Insults, Ethnic Slurs, Sexual Slang and Metaphor, Drug Talk, College Lingo, and Related Matters, 3ª ed., Signet, 2001, p. 59, ISBN 978-0-451-20371-7.
  37. ^ a b Green, 2005, p. 226.
  38. ^ (a right) Charlie, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  39. ^ C Gutzmore, Casting the First Stone, Interventions: International Journal of Postcolonial Studies, 2004 – Taylor & Francis, Volume 6, Number 1, April 2004 , pp. 118–134(17)
  40. ^ Keith Allan e Kate Burridge, Forbidden Words: Taboo and the Censoring of Language, Cambridge University Press, ISBN 0-521-81960-1, 2006, p. 156, ISBN 978-0-521-81960-2. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  41. ^ Chutney ferret, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2007).
  42. ^ a b (EN) Richard A. Spears, Slang and Euphemism: A Dictionary of Oaths, Curses, Insults, Ethnic Slurs, Sexual Slang and Metaphor, Drug Talk, College Lingo, and Related Matters, Signet, 1º gennaio 2001, ISBN 978-0-451-20371-7.
  43. ^ a b c Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  44. ^ Green, 2005.
  45. ^ Emily Allen, Sales rep repeatedly accused of being gay because he didn't like football wins £44,000 payout for harassment, in Daily Mail, 16 luglio 2012. URL consultato il 1º settembre 2013.
  46. ^ Faggot, Reference.com. URL consultato il 16 novembre 2013.
  47. ^ 2008, Paul Ryan Brewer, Value war: public opinion and the politics of gay rights, page 60
  48. ^ The American Heritage Dictionary of the English Language, Fourth Edition, Houghton Mifflin, 2000, ISBN 0-618-70172-9.
  49. ^ "Fag" definition, meaning., su dictionary.cambridge.org, Cambridge Dictionaries Online. URL consultato il 1º marzo 2015.
    «[C] US slang an offensive word for a gay man».
  50. ^ Green, 2005, p. 485.
  51. ^ Edward Anthony Gibbons, A Cultural Affair, iUniverse, 2008, p. 6, ISBN 978-0-595-61161-4.
    «On many, a cold freezing night, of temperatures hovering near zero, the finocchios tease and try to encourage Tedesco to join in their warm body orgies.».
  52. ^ Definition of flamer, The Online Slang Dictionary. URL consultato il 28 febbraio 2015.
    «flower n. #A homosexual who takes the female role in a gay relationship. Source: [1950's]».
  53. ^ Green, 2005, p. 522.
  54. ^ flower - Gay Slang Dictionary, su odps.org. URL consultato il 28 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  55. ^ Green, 2005, p. 549.
  56. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  57. ^ The Gaysian, su thegaysian.com.
  58. ^ Iron (hoof), London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2007).
  59. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  60. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  61. ^ a b Partridge-Dalzell-Victor, 2006, p. 1208.
  62. ^ Partridge, Dalzell & Victor, 2006, p. 1208.
  63. ^ Limp wristed, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2007).
  64. ^ Dizionario di Cambridge
  65. ^ a b Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  66. ^ a b Rebecca Scott, A Brief Dictionary of Queer Slang and Culture, Rebecca Scott, 1997. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2009).
  67. ^ Nancy boy, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2007).
  68. ^ Green, 2005, p. 598.
  69. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  70. ^ Joel Hirschhorn, Oklahomo!: (Third Stage; 50 seats; $18 top), Variety, 19 luglio 2005. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  71. ^ A.C. Kemp, Bad Baby Names, Slang City, 2002–2005. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  72. ^ Pillow biter, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2007).
  73. ^ a b Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  74. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  75. ^ Dictionary of Sexual Terms, Sex-lexis.com. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  76. ^ Interview, Gay Today. URL consultato il 1º settembre 2013.
  77. ^ Crossing Signals, in Time, 8 settembre 1975. URL consultato il 16 luglio 2007.
  78. ^ a b Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  79. ^ Rodgers, Bruce Gay Talk (The Queen's Vernacular): A Dictionary of Gay Slang New York: 1972 Parragon Books, an imprint of G.P. Putnam's Sons Page 99
  80. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  81. ^ a b Ayres T (1999). China doll - the experience of being a gay Chinese Australian. Journal of Homosexuality, 36(3-4): 87-97
  82. ^ a b Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  83. ^ Sausage jockey, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2007).
  84. ^ Shirt lifter, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2007).
  85. ^ Online Etymology Dictionary, su etymonline.com. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  86. ^ Twink definition, in Online dictionary, Online Etymology Dictionary. URL consultato il 18 febbraio 2013.
  87. ^ uphill / upstairs gardener, London Slang, 24 settembre 2000. URL consultato il 15 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2007).
  88. ^ Ted Duckworth, A Dictionary of Slang, Slanguistics, Peevish, 1996–2007. URL consultato il 15 ottobre 2007.
  89. ^ Dalzell-Victor, 2007, p. 706.

Voci correlateModifica

  Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT