Smithsonian Astrophysical Observatory

istituto di ricerca statunitense

Lo Smithsonian Astrophysical Observatory (SAO) è un istituto di ricerca della Smithsonian Institution con sede a Cambridge, negli Stati Uniti, dove si è unito con Harvard College Observatory (HCO) per formare il Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA).

Smithsonian Astrophysical Observatory
OrganizzazioneHarvard-Smithsonian Center for Astrophysics
StatoBandiera degli Stati Uniti Stati Uniti
LocalitàCambridge (Massachusetts)
Coordinate42°22′53.26″N 71°07′42.13″W / 42.38146°N 71.12837°W42.38146; -71.12837
Fondazione1890
Sitowww.cfa.harvard.edu/sao
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Smithsonian Astrophysical Observatory
Smithsonian Astrophysical Observatory

Il SAO gestisce e opera il Chandra X-ray Observatory ed anche l'MMT Observatory insieme all'Università dell'Arizona. Ha pubblicato anche il Catalogo SAO, un catalogo stellare che contiene 258 997 stelle.

Storia modifica

Il SAO è stato fondato nel 1890 da Samuel Pierpont Langley a Washington principalmente per studiare il Sole[1].
Langley è oggi ricordato soprattutto come pioniere dell'aviazione, ma è stato educato come astronomo, ha inventato il bolometro e ha scoperto la radiazione infrarossa dal Sole.

Nel 1955 il SAO viene spostato da Washington a Cambridge, affiliato col HCO per espandere il suo staff, le strutture e soprattutto il suo scopo scientifico. Il primo direttore di questa nuova era è stato Fred Whipple, che ha accettato la sfida di creare un network mondiale di monitoraggio satelliti.

Nel 1973 si rafforzano i legami tra il SAO e il HCO e si formalizza la creazione del CfA.

Oggi più di 300 scienziati sono impegnati al CfA in vasti programmi di ricerca nell'astronomia, astrofisica, scienze della Terra, scienze dello spazio e Scienze dell'educazione.

Il SAO è stato pioniere nello sviluppo di osservatori orbitanti e grandi telescopi a Terra, nell'uso dei computer in problemi astrofisici, nell'integrazione degli studi in laboratorio, astrofisica teorica e osservazioni lungo tutto lo spettro elettromagnetico.

Direttori modifica

Note modifica

  1. ^ A short history of the Smithsonian Astrophysical Observatory, su siarchives.si.edu. URL consultato il 25 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2012).

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN127863534 · ISNI (EN0000 0001 1781 4754 · LCCN (ENn82072949 · GND (DE1008032-6 · BNF (FRcb117337761 (data) · J9U (ENHE987007344650905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n82072949
  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica