Smorzatore inerziale

Lo smorzatore inerziale (inertial compensator, inertial damper o IDS) nell'universo fantascientifico di Star Trek è un dispositivo utilizzato nelle navi stellari per annullare la forza di reazione causata dalle elevate accelerazioni necessarie a raggiungere e superare la velocità della luce in breve tempo.

Motivazioni fisicheModifica

Secondo la terza legge di Newton, ad ogni forza ne corrisponde una uguale in modulo e direzione ma contraria in verso alla forza esercitata.

Sul corpo umano, in risposta all'accelerazione verso velocità prossime a quella della luce, corrisponderebbe una forza di reazione esercitata dal corpo sui sedili del veicolo spaziale. Il rischio ovviamente è quello di morire in caso di accelerazioni troppo forti (necessarie per giungere a velocità così elevate in breve tempo).

FunzionamentoModifica

Lo smorzatore inerziale manipola un campo di forza e si prende carico di contrastare le forti accelerazioni inerziali che si creano durante la normale navigazione dell'astronave, accelerazioni che se non contrastate provocherebbero danni all'equipaggio qualora superassero la soglia di 30 m/s2. Tale sistema lavora in parallelo con il campo di integrità strutturale (Structural Integrity Field, SIF) il quale si occupa di fornire, tramite appositi campi di forza, rigidità alla struttura della nave e la rende resistente alle sollecitazioni cui è sottoposta dai motori.

L'IDS opera per mezzo di un campo di forza, costante (che diventa ovviamente variabile qualora si debba compensare variazioni di moto) e di piccola intensità, mantenuto attivo in tutta la parte abitabile della nave. L'intensità di tale campo è stabilita in 75 millicochrane con variazioni massime di 5,26 millicochrane/metro o, come da regolamento, 352,12 qualora l'equipaggio si trovi esposto al campo subspaziale.

Tale sistema, quindi, si incarica di anticipare gli effetti di accelerazione inerziale; ciò è permesso dal fatto che i controlli sull'IDS sono derivati dalla stessa postazione di controllo di volo. Il sistema IDS rende in tal modo l'equipaggio insensibile alle variazioni di accelerazione eccetto nel caso di repentine manovre o di cause esterne che provocano una variazione al moto, oppure qualora l'energia fornita al sistema sia stata, per cause contingenti, limitata.

Il campo sfruttato da questo sistema è fornito da 4 generatori di campo dislocati sul ponte 11 nella sezione a disco e da 2 generatori nella sezione secondaria (per quanto riguarda l'Enterprise NCC-1701-D). Ogni generatore è costituito da 12 sorgenti di polarità gravitonica della potenza di 500 kW che alimentano una coppia di amplificatori di distorsione subspaziale da 150 millicochrane. Il calore prodotto in ogni unità è dissipato da una coppia di dispositivi di raffreddamento ad elio liquido da 100.000 MJoule/ora. Sono inoltre presenti 3 generatori ausiliari in ognuna delle due sezioni, in grado di sopperire al mancato funzionamento degli altri generatori per più di 12 ore al 65% dell'energia di picco del sistema. Il ciclo normale di lavoro dei generatori è di 48 ore cui si vanno ad aggiungere 12 ore di degauss e manutenzione. I generatori di polarità gravitonica nominalmente possono rimanere in funzione per 2500 ore tra un ciclo di manutenzione degli elementi superconduttori e il successivo.

Il volo normale richiede l'operatività di almeno due generatori di campo, benché l'ufficiale al comando possa richiedere la funzionalità di unità aggiuntive qualora si prospettino manovre rischiose. Quando l'astronave è in stato di allarme, sono automaticamente posti in standby tutti i generatori non operativi in quel momento. In caso di limitazione di energia, una connessione tra le due sezioni dell'astronave permette ad un solo generatore di sopperire alle necessità di tutta la zona abitata.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek