Apri il menu principale
Socialdemocratici
Socialdemokraterne
Dnk party a.svg
LeaderMette Frederiksen
StatoDanimarca Danimarca
SedeDanasvej 7 1910, Frederiksberg.
Fondazione1871
IdeologiaDal 2019:
Socialismo
Marxismo
Antiglobalizzazione
Anticapitalismo
Antiliberismo
In precedenza
Socialdemocrazia [1][2]
Terza via
CollocazioneDal 2019
Sinistra\Sinistra radicale
In precedenza
Centrosinistra [3]
Partito europeoPartito del Socialismo Europeo
Gruppo parl. europeoAlleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Affiliazione internazionaleAlleanza Progressista, SAMAK
Seggi Folketing
48 / 179
 (2019)
Seggi Europarlamento
3 / 13
 (2019)
Seggi Regioni
67 / 205
 (2019)
Seggi Consiglieri comunali
773 / 2444
 (2019[4])
Organizzazione giovanileGiovani Socialdemocratici di Danimarca
Iscritti40 060 (2016)
Sito web

I Socialdemocratici (Socialdemokraterne, SD) sono un partito politico danese.

Indice

StoriaModifica

Il partito socialdemocratico danese è stato fondato nel 1871. È membro dell'Internazionale Socialista e del Partito Socialista Europeo.

Dal 1871 al 1924 i socialdemocratici non hanno mai guidato il governo. Tra il 1924 ed il 1926 i socialdemocratici guidarono il governo con Thorvald Stauning e poi ancora dal 1929 al 1942. Fino alla prima metà degli anni venti la Danimarca, come la Gran Bretagna e la Norvegia, vide l'alternanza tra Conservatori, Liberali e Social-liberali. Solo dalla seconda metà degli anni venti i socialdemocratici, dato l'aumento della classe operaia e della popolazione urbana, cominciarono ad assumere un peso maggiore nella vita della nazione. Nella seconda metà del Novecento, i socialdemocratici hanno guidato il Paese per ben 36 anni:

Dal 1947 al 1966 SD ha conseguito alle elezioni politiche una percentuale di voti compresa sempre tra il 38,2% ed il 42,1%. Dal 1966 al 1988 vi è stato un primo declino di consensi. I socialdemocratici, infatti, in quel ventennio non hanno più raggiunto il 40% dei voti toccando anche percentuali intorno al 29%. Nel 1973 scesero, addirittura, al 25,3%. Nonostante il sostanziale divario tra il miglior ed il peggior risultato (1960: 42,1%; 1973: 25,3%) nei 40 anni in esame i Socialdemocratici rimasero sempre il primo partito danese.

Tra il 1990 ed il 1998 i socialdemocratici migliorarono decisamente i propri consensi, superando sempre il 34% dei voti. Nel 2001 e nel 2005, invece, si è assistito ad un nuovo calo del partito, che ha ottenuto rispettivamente il 29,1% ed il 25,8% dei suffragi, perdendo entrambe le volte il primato a favore dei Liberali. Alle elezioni politiche del 2011 gli SD ottennero il 24,9% dei voti e 44 seggi. Nonostante il leggero calo, SD espresse il nuovo premier, Helle Thorning-Schmidt. Il governo venne sostenuto anche dalla Sinistra Radicale, socio-liberali, e dal Partito Popolare Socialista.

Nel elezioni parlamentarie del 2015, nonostante i Socialdemocratici si confermano primo partito di Danimarca con il 26,3% di preferenze e 47 seggi al Folketing non riescono comunque ad ottenere la maggioranza, che passa al centro-destra, tanto che il Premier Helle Thorning-Schmidt è costretta a rassegnare le dimissioni.

LeaderModifica

L'attuale segretaria del partito è Helle Thorning-Schmidt.

Risultati elettoraliModifica

Elezioni europeeModifica

Anno Voti Seggi
1979 382 487
3 / 16
1984 387 098
3 / 16
1989 417 076
4 / 16
1994 329 202
3 / 16
1999 324 256
3 / 16
2004 618 409
5 / 14
2009 503 439
4 / 13
2014 434 984
3 / 13
2019 592.645
3 / 13

Elezioni danesiModifica

Anno Voti Seggi
2005 867 933
47 / 175
2007 881 037
45 / 175
2011 881 534
44 / 175
2015 925 288
47 / 175
2019 915.393
48 / 175

NoteModifica

  1. ^ Parties and Elections in Europe
  2. ^ Merkel, Wolfgang; Alexander Petring, Christian Henkes, Christoph Egle (2008). Social Democracy in Power: the capacity to reform. London: Taylor & Francis. ISBN 0-415-43820-9.
  3. ^ Socialdemokraterne
  4. ^ Danmarks Statistikbank

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica