Apri il menu principale

Società Italiana Avionica

Società Italiana Avionica
Società Italiana Avionica
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per Azioni
Fondazione1969 a Torino
Chiusura2012 (confluita in Alenia Aermacchi)
GruppoLeonardo-Finmeccanica
SettoreAvionica, Aeronautica

La Società Italiana Avionica (SIA),[1] nasce nel 1969 (nel Gruppo STET dell'IRI fino al 1980)[2], specializzata nella progettazione, sistemi elettronici e nel software, come consorzio italiano per lo studio e la realizzazione del sistema Avionico nel progetto MRCA - PANAVIA Tornado. All'interno del consorzio ne fecero parte le principali aziende con maggiori competenze elettroniche italiane: CGE-Fiar, Selenia, Microtecnica e Teleavio (quest'ultima composta da Marconi Italiana, Montedel e SIT-Siemens). Il consorzio internazionale, Avionica Engineering GmbH, con sede a Monaco, confluita nel 1971 in Panavia Aircraft GmbH[3], ebbe la responsabilità di pianificare, di coordinare le attività e di definire gli equipaggiamenti elettronici di cui doveva essere dotato il velivolo.[4]

StoriaModifica

Successivamente al 1980, ha partecipato a numerosi progetti, sempre nell'ambito delle sue competenze. Di rilievo la collaborazione con il CSELT per il Java Enable MPEG-4 Services[5]. A fine 2005 incorpora per fusione Teleavio ed all'inizio del 2006 diventa Alenia Sia.[6] Nel 2012 nasce la nuova Alenia Aermacchi, dalla fusione di tra Alenia Aeronautica e le sue controllate Alenia Aermacchi, Alenia Aeronavali e Alenia SIA[7]. Dal 1 gennaio 2016, come per le altre controllate, le strutture sono poste sotto il nome della capogruppo Leonardo (nome assunto da Finmeccanica da gennaio 2017).

Attività sviluppateModifica

NoteModifica

  1. ^ Glen Segell, Essays on Civil-military Relations, Military-industrial Relations, Weapon Procurement, and International Relations, Glen Segell Publishers, 1997, p. 179.
  2. ^ Elenco delle società presenti nell'Archivio del Gruppo Stet | archiviostorico.telecomitalia.com, su www.archiviostorico.telecomitalia.com. URL consultato il 13 febbraio 2016.
  3. ^ (EN) The Nav/attack system (PDF), su Flightglobal, 3 April 1971, p. 485. URL consultato il 10 febbraio 2016.
    «Apart from the cutting of metal, the most noteworthy activity in recent months has been the integration of Avionica, the MRCA avionics management organisation, into Panavia. Avionica was formed of elements of three electronics consultative firms, Easams in Britain, ESG (Elektronic System Gesellschaft) in Germany and SIA in Italy».
  4. ^ Cesare Merlini, Giuseppe Panìco, Il Difficile accordo: La cooperazione europea per la ricerca e la tecnologia (Il mulino), vol. 31, 1974, pp. 87-88.
    «...per l'avionica venne costituito un consorzio internazionale, la Avionica Engineering GmbH, con sede a Monaco. Nel novembre 1969 fu costituito in Italia un consorzio nazionale per dare maggior peso alla partecipazione italiana alla Avionica Engineering. Il consorzio, denominato Società italiana avionica Spa, raggruppava le principali industrie italiane del settore».
  5. ^ R. Becchini (SIA), G. De Petris (CSELT), Java Enable MPEG-4 Services:The MPEG-J Framework, in Intelligence in Services and Networks. Paving the Way for an Open Service Market: 6th International Conference on Intelligence and Services in Networks, IS&N'99 (Barcellona), April 27-29.
  6. ^ Finmeccanica, Body_BilancioITA_2006 (PDF), 2006, p. 10. URL consultato il 18 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2016).
  7. ^ Bilancio Finmeccanica 2011 (PDF), p. 88.
    «EVENTI DI RILIEVO DEL 2011 E INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO: Nell’ambito dell’operazione di riorganizzazione delle attività nel settore Aeronautica avviata nel corso del 2010, a far data dal 1º gennaio 2012 è efficace la fusione per incorporazione in Alenia Aeronautica SpA delle proprie controllate Alenia Aermacchi SpA e Alenia SIA SpA. La società Alenia Aeronautica SpA ha quindi modificato la propria denominazione sociale in Alenia Aermacchi SpA, trasferendo la propria sede legale da Pomigliano d’Arco (Napoli) a Venegono Superiore (Varese)».

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica