Società Sportiva Lazio 1975-1976

Voce principale: Società Sportiva Lazio.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Società Sportiva Lazio nelle competizioni ufficiali della stagione 1975-1976.

SS Lazio
Stagione 1975-1976
Sport calcio
SquadraLazio
AllenatoreBandiera dell'Italia Giulio Corsini[1], poi
Bandiera dell'Italia Tommaso Maestrelli[2]
PresidenteBandiera dell'Italia Bandiera degli Stati Uniti Umberto Lenzini
Serie A13º
Coppa ItaliaSecondo turno
Coppa UEFASedicesimi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Badiani, Pulici (30)
Totale: Badiani (43)
Miglior marcatoreCampionato: Chinaglia (8)
Totale: Chinaglia (11)
StadioOlimpico
Media spettatori40 859[3]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Si invita a seguire il modello di voce

Stagione

modifica

Una stagione deludente quella laziale, iniziata con propositi di restare nelle alte sfere della classifica e chiusa con una rocambolesca salvezza, ottenuta grazie alla differenza reti di -5 rispetto al -15 dell'Ascoli, entrambe dopo aver ottenuto in campionato 23 punti. Una stagione iniziata con Giulio Corsini sulla panchina nemmeno male, vincendo nel precampionato il girone qualificatorio di Coppa Italia e ottenendo l'accesso al girone finale, ma poi in campionato la situazione precipita; ai primi di dicembre dopo la sconfitta (2-1) di Ascoli viene richiamato il nocchiero Tommaso Maestrelli, momentaneamente ristabilitosi da una grave malattia, ma la musica non cambia.

Nel delicato finale del torneo viene a mancare l'apporto di Giorgio Chinaglia, tornato ai Cosmos di New York, sicché si punta sul giovane Bruno Giordano: due sue reti si riveleranno decisive nelle ultime due giornate, una in casa con il Milan e l'altra a Como in uno scontro diretto, dando concretezza alla salvezza. Il campionato è stato vinto dal Torino con 45 punti, seconda la Juventus con 43 punti, scendono in Serie B l'Ascoli con 23 punti, il Como con 21 punti e il Cagliari con 19 punti.

 
Il giovane Bruno Giordano (n. 9), frettolosamente lanciato quale erede del transfuga Chinaglia, si rivela decisivo nella corsa alla salvezza: qui realizza il momentaneo raddoppio nel 4-0 al Milan del 9 maggio 1976.

Come accennato, l'onore laziale in questa tribolata stagione viene salvato da una discreta Coppa Italia: nel girone finale disputato a fine campionato, i biancazzurri sfiorano la finale, arrivando a un solo punto dal Verona, che nell'ultimo atto verrà sconfitto in finale (4-0) dal Napoli.

Nella Coppa UEFA la squadra capitolina supera nel doppio confronto del primo turno i sovietici del Černomorec, ma nei sedicesimi del torneo, in programma contro il Barcellona, la Lazio viene squalificata per avere rinunciato a giocare la gara di andata a Roma, per protesta contro l'allora regime franchista al potere in Spagna;[4] perderà successivamente (4-0) il match di ritorno in Catalogna.

Casa
Trasferta
Terza divisa

Organigramma societario

modifica

Area direttiva

Area organizzativa

  • Segretario: Fernando Vona
  • Team manager: Luigi Bezzi

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: Renato Ziaco
  • Massaggiatori: Luigi Trippanera, Armando Esposito
N. Ruolo Calciatore
  P Giuseppe Avagliano[5]
  P Avelino Moriggi
  P Felice Pulici
  P Alvaro Rezzonico
  D Paolo Ammoniaci
  D Stefano Di Chiara[6]
  D Pietro Ghedin
  D Lionello Manfredonia[6]
  D Luigi Martini
  D Sergio Petrelli
  D Luigi Polentes
  D Giuseppe Wilson
  C Andrea Agostinelli[6]
N. Ruolo Calciatore
  C Roberto Badiani
  C Sergio Borgo
  C Francesco Brignani
  C Vincenzo D'Amico
  C Antonio Lopez
  C Domenico Masuzzo
  C Luciano Re Cecconi
  A Giorgio Chinaglia[7]
  A Giovanni Carlo Ferrari
  A Renzo Garlaschelli
  A Bruno Giordano[6]
  A Fortunato Loddi[5]

Calciomercato

modifica

Sessione estiva

modifica
Acquisti
R. Nome da Modalità
P Giuseppe Avagliano Como fine prestito
D Paolo Ammoniaci Cesena definitivo
C Sergio Borgo Foggia fine prestito
C Francesco Brignani Cesena definitivo
C Antonio Lopez Pescara definitivo
A Giovanni Carlo Ferrari Avellino definitivo
A Fortunato Loddi Sorrento fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Luigi Bonetti Pro Patria definitivo
D Giancarlo Oddi Cesena definitivo
D Giuliano Tinaburri Triestina definitivo
C Mario Frustalupi Cesena definitivo
C Franco Nanni Bologna definitivo
A Paolo Franzoni Avellino definitivo

Sessione autunnale

modifica
Acquisti
R. Nome da Modalità
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Giuseppe Avagliano Siracusa prestito
A Fortunato Loddi Lecce definitivo

Operazioni esterne alle sessioni

modifica
Acquisti
R. Nome da Modalità
Cessioni
R. Nome a Modalità
A Giorgio Chinaglia N.Y. Cosmos definitivo

Risultati

modifica

Serie A

modifica
  Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1975-1976.

Girone di andata

modifica
Genova
5 ottobre 1975
1ª giornata
Sampdoria0 – 1
referto
LazioStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Roma
12 ottobre 1975
2ª giornata
Lazio1 – 1
referto
InterStadio Olimpico
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Perugia
19 ottobre 1975
3ª giornata
Perugia2 – 0
referto
LazioStadio Pian di Massiano
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Roma
2 novembre 1975
4ª giornata
Lazio1 – 1
referto
BolognaStadio Olimpico
Arbitro:  Gussoni (Tradate)

Torino
9 novembre 1975
5ª giornata
Juventus2 – 0
referto
LazioStadio Comunale
Arbitro:  Casarin (Milano)

Roma
16 novembre 1975
6ª giornata
Lazio1 – 1
referto
RomaStadio Olimpico
Arbitro:  Gonella (Torino)

Ascoli Piceno
30 novembre 1975
7ª giornata
Ascoli2 – 1
referto
LazioStadio Cino e Lillo Del Duca
Arbitro:  Prati (Parma)

Roma
7 dicembre 1975
8ª giornata
Lazio0 – 1
referto
NapoliStadio Olimpico
Arbitro:  Casarin (Milano)

Verona
14 dicembre 1975
9ª giornata
Verona2 – 2
referto
LazioStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Gialluisi (Barletta)

Roma
21 dicembre 1975
10ª giornata
Lazio3 – 0
referto
CagliariStadio Olimpico
Arbitro:  Gussoni (Tradate)

Roma
4 gennaio 1976
11ª giornata
Lazio2 – 2
referto
CesenaStadio Olimpico
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Torino
12 gennaio 1976
12ª giornata
Torino2 – 1
referto
LazioStadio Comunale
Arbitro:  Reggiani (Bologna)

Roma
18 gennaio 1976
13ª giornata
Lazio1 – 2
referto
FiorentinaStadio Olimpico
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Milano
25 gennaio 1976
14ª giornata
Milan3 – 0
referto
LazioStadio San Siro
Arbitro:  Gialluisi (Barletta)

Roma
2 febbraio 1976
15ª giornata
Lazio3 – 2
referto
ComoStadio Olimpico
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Girone di ritorno

modifica
Roma
9 febbraio 1976
16ª giornata
Lazio1 – 1
referto
SampdoriaStadio Olimpico
Arbitro:  Mascali (Desenzano del Garda)

Milano
15 febbraio 1976
17ª giornata
Inter1 – 0
referto
LazioStadio San Siro
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Roma
22 febbraio 1976
18ª giornata
Lazio1 – 0
referto
PerugiaStadio Olimpico
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Bologna
28 febbraio 1976
19ª giornata
Bologna1 – 0
referto
LazioStadio Comunale
Arbitro:  Casarin (Milano)

Roma
7 marzo 1976
20ª giornata
Lazio1 – 2
referto
JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Roma
14 marzo 1976
21ª giornata
Roma0 – 0
referto
LazioStadio Olimpico
Arbitro:  Gonella (Torino)

Roma
21 marzo 1976
22ª giornata
Lazio3 – 1
referto
AscoliStadio Olimpico
Arbitro:  Ciacci (Firenze)

Napoli
28 marzo 1976
23ª giornata
Napoli1 – 0
referto
LazioStadio San Paolo
Arbitro:  Lenardon (Siena)

Roma
4 aprile 1976
24ª giornata
Lazio1 – 1
referto
VeronaStadio Olimpico
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

Cagliari
11 aprile 1976
25ª giornata
Cagliari2 – 1
referto
LazioStadio Sant'Elia
Arbitro:  Gussoni (Tradate)

Cesena
18 aprile 1976
26ª giornata
Cesena0 – 0
referto
LazioStadio La Fiorita
Arbitro:  Barbaresco (Cormons)

Roma
25 aprile 1976
27ª giornata
Lazio1 – 1
referto
TorinoStadio Olimpico
Arbitro:  Michelotti (Parma)

Firenze
2 maggio 1976
28ª giornata
Fiorentina4 – 3
referto
LazioStadio Comunale
Arbitro:  Casarin (Milano)

Roma
9 maggio 1976
29ª giornata
Lazio4 – 0
referto
MilanStadio Olimpico
Arbitro:  Ciacci (Firenze)

Como
16 maggio 1976
30ª giornata
Como2 – 2
referto
LazioStadio Giuseppe Sinigaglia
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Coppa Italia

modifica
  Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1975-1976.

Primo turno

modifica
Ascoli Piceno
27 agosto 1975
1ª giornata
Ascoli0 – 0LazioStadio Cino e Lillo Del Duca
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Roma
31 agosto 1975
2ª giornata
Lazio1 – 0VareseStadio Olimpico
Arbitro:  Bergamo (Livorno)

7 settembre 1975
3ª giornata
 – 
Turno di riposo LAZIO

Roma
14 settembre 1975
4ª giornata
Lazio2 – 0AvellinoStadio Olimpico
Arbitro:  Prati (Parma)

Brescia
21 settembre 1975
5ª giornata
Brescia0 – 0LazioStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Gonella (Torino)

Secondo turno

modifica
Verona
19 maggio 1976
1ª giornata
Verona3 – 0LazioStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Vannucchi (Bologna)

Roma
9 giugno 1976
2ª giornata
Lazio1 – 0InterStadio Olimpico
Arbitro:  Panzino (Catanzaro)

Genova
13 giugno
3ª giornata[8]
Genoa0 – 3LazioStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Moretto (San Donà di Piave)

Roma
16 giugno 1976
4ª giornata
Lazio0 – 0VeronaStadio Olimpico
Arbitro:  Barboni (Firenze)

Milano
20 giugno 1976
5ª giornata
Inter3 – 2LazioStadio San Siro
Arbitro:  Menicucci (Firenze)

Roma
26 giugno 1976
6ª giornata
Lazio1 – 0GenoaStadio Olimpico
Arbitro:  Tonolini (Milano)

Coppa UEFA

modifica
  Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa UEFA 1975-1976.
Odessa
17 settembre 1975
Trentaduesimi di finale - Andata
Černomorec1 – 0
referto
LazioStadio Čornomorec'
Arbitro:   Dilek

Roma
1º ottobre 1975
Trentaduesimi di finale - Ritorno
Lazio3 – 0
(d.t.s.)
referto
ČernomorecStadio Olimpico
Arbitro:   Palotai

22 ottobre
Sedicesimi di finale - Andata
Lazio0 – 3
A tavolino[4]
referto
Barcellona

Barcellona
5 novembre 1975
Sedicesimi di finale - Ritorno
Barcellona4 – 0
referto
LazioCamp Nou
Arbitro:   Vigliani

Statistiche

modifica

Statistiche di squadra

modifica
Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
  Serie A[9] 23 15 5 7 3 24 16 15 1 4 10 11 24 30 6 11 13 35 40 -5
  Coppa Italia 13[10] 5 4 1 0 5 0 5 1 2 2 5 6 10 5 3 2 10 6 +4
  Coppa UEFA 2 1 0 1 3 3 2 0 0 2 0 5 4 1 0 3 3 8 -5
Totale 22 10 8 4 32 19 22 2 6 14 16 35 44 12 14 18 48 54 -6

Statistiche dei giocatori

modifica

Nel conteggio delle reti realizzate si aggiungano quattro autoreti a favore in campionato.
Nel conteggio delle reti subite si aggiungano tre attribuite a tavolino in Coppa UEFA.

Giocatore Serie A[11] Coppa Italia Coppa UEFA Totale
               
Agostinelli, A. A. Agostinelli 20101040
Ammoniaci, P. P. Ammoniaci 2509020360
Avagliano, G. G. Avagliano --------
Badiani, R. R. Badiani 30210030432
Borgo, S. S. Borgo 2020--40
Brignani, F. F. Brignani 1106030200
Chinaglia, G. G. Chinaglia 27810333111
D'Amico, V. V. D'Amico 2248210316
Di Chiara, S. S. Di Chiara ----1010
Ferrari, G.C. G.C. Ferrari 617030161
Garlaschelli, R. R. Garlaschelli 2975220369
Ghedin, P. P. Ghedin 2209020330
Giordano, B. B. Giordano 1459130266
Loddi, F. F. Loddi --10--10
Lopez, A. A. Lopez 23090--320
Manfredonia, L. L. Manfredonia 50--1060
Martini, L. L. Martini 2527020342
Masuzzo, D. D. Masuzzo --10--10
Moriggi, A. A. Moriggi 1-21-3--2-5
Petrelli, S. S. Petrelli 802220122
Polentes, L. L. Polentes 1807020270
Pulici, F. F. Pulici 30-389-33-542-46
Re Cecconi, L. L. Re Cecconi 2518220353
Rezzonico, A. A. Rezzonico --------
Wilson, G. G. Wilson 28110120402
  1. ^ (1ª-7ª)
  2. ^ (8ª-30ª)
  3. ^ (EN) Attendance Statistics of Serie A – 1974-75 to 1985-86, su stadiapostcards.com.
  4. ^ a b Federico Casotti, Lazio-Barcellona, storia di una partita che non si giocò mai, su goal.com, 20 giugno 2020.
  5. ^ a b Ceduto durante la sessione autunnale di calciomercato.
  6. ^ a b c d Aggregato dalla formazione Primavera.
  7. ^ Ceduto in aprile ai New York Cosmos.
  8. ^ Partita giocata in anticipo mercoledi 26 maggio 1976.
  9. ^ SERIE A 1975-1976 - Lazio - Partite - Riepilogo, su calcio-seriea.net.
  10. ^ Di cui 6 nel primo turno e 7 nel secondo turno.
  11. ^ SERIE A 1975-1976 - Lazio - Presenze, su calcio-seriea.net.

Bibliografia

modifica
  • Arrigo Beltrami (a cura di), Almanacco illustrato del calcio 1977, Modena, Edizioni Panini, 1976, pp. 124-274.

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio