Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Società Sportiva Lazio.

Società Sportiva Lazio
Stagione 2001-2002
AllenatoreItalia Dino Zoff (fino al 23 settembre), poi
Italia Alberto Zaccheroni (dal 23 settembre)
All. in secondaItalia Giancarlo Oddi (fino al 23 settembre), poi
Italia Stefano Agresti (dal 23 settembre)
PresidenteItalia Sergio Cragnotti
Serie A6º posto
Coppa ItaliaQuarti di finale
Champions LeaguePrima fase a gironi
Maggiori presenzeCampionato: Fiore (30)
Miglior marcatoreCampionato: Crespo (13)
Totale: Crespo (20)
StadioStadio Olimpico di Roma

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Società Sportiva Lazio nelle competizioni ufficiali della stagione 2001-2002.

Indice

StagioneModifica

Il pessimo avvio del campionato fece saltare la panchina di Zoff, dopo cinque giornate: al suo posto ecco Zaccheroni. L'avvicendamento tecnico non fu di aiuto alla squadra, che condusse un torneo anonimo: la vittoria contro l'Inter all'ultima giornata valse la qualificazione alla Coppa UEFA, negando ai nerazzurri uno scudetto che pareva già vinto in uno stadio dove anche i laziali facevano il tifo per i rivali pur di non correre il rischio di consegnare il titolo ai cugini della Roma.

L'avventura in Champions League iniziò dal turno preliminare, superato ai danni del Copenaghen, per concludersi nella prima fase a gironi: in sei incontri arrivarono quattro sconfitte, che resero inutili le due vittorie casalinghe.

DiviseModifica

Casa
Trasferta

RosaModifica

RisultatiModifica

Serie AModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2001-2002.

Girone di andataModifica

Roma
26 agosto 2001, ore 15:00
1ª giornata
Lazio1 – 1
referto
PiacenzaStadio Olimpico
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Perugia
8 settembre 2001, ore 18:00
2ª giornata
Perugia0 – 0
referto
LazioStadio Renato Curi
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Roma
16 settembre 2001, ore 15:00
3ª giornata
Lazio0 – 0
referto
TorinoStadio Olimpico
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Milano
23 settembre 2001, ore 20:30
4ª giornata
Milan2 – 0
referto
LazioStadio San Siro
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Roma
30 settembre 2001, ore 15:00
5ª giornata
Lazio0 – 0
referto
ParmaStadio Olimpico
Arbitro:  Braschi (Prato)

Verona
30 gennaio 2002, ore 20:30
6ª giornata[9]
Chievo3 – 1
referto
LazioStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Roma
13 ottobre 2001, ore 18:00
7ª giornata
Lazio2 – 0
referto
AtalantaStadio Olimpico
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Venezia
21 ottobre 2001, ore 15:00
8ª giornata
Venezia0 – 0
referto
LazioStadio Pierluigi Penzo
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Roma
27 ottobre 2001, ore 20:30
9ª giornata
Roma2 – 0
referto
LazioStadio Olimpico
Arbitro:  Cesari (Genova)

Roma
4 novembre 2001, ore 15:00
10ª giornata
Lazio5 – 0
referto
BresciaStadio Olimpico
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Udine
18 novembre 2001, ore 15:00
11ª giornata
Udinese1 – 4
referto
LazioStadio Friuli
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Roma
24 novembre 2001, ore 20:30
12ª giornata
Lazio1 – 0
referto
JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Lecce
2 dicembre 2001, ore 15:00
13ª giornata
Lecce1 – 2
referto
LazioStadio Via del Mare
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Roma
9 dicembre 2001, ore 15:00
14ª giornata
Lazio3 – 0
referto
FiorentinaStadio Olimpico
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Verona
16 dicembre 2001, ore 15:00
15ª giornata
Verona3 – 1
referto
LazioStadio Marcantonio Bentegodi
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Roma
22 dicembre 2001, ore 18:00
16ª giornata
Lazio2 – 2
referto
BolognaStadio Olimpico
Arbitro:  Paparesta (Bari)

Milano
6 gennaio 2002, ore 20:30
17ª giornata
Inter0 – 0
referto
LazioStadio San Siro
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Girone di ritornoModifica

Piacenza
13 gennaio 2002, ore 15:00
18ª giornata
Piacenza1 – 0
referto
LazioStadio Leonardo Garilli
Arbitro:  Cesari (Genova)

Roma
20 gennaio 2002, ore 15:00
19ª giornata
Lazio5 – 0
referto
PerugiaStadio Olimpico
Arbitro:  Bertini (Arezzo)

Torino
27 gennaio 2002, ore 15:00
20ª giornata
Torino1 – 0
referto
LazioStadio Olimpico
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Roma
3 febbraio 2002, ore 20:30
21ª giornata
Lazio1 – 1
referto
MilanStadio Olimpico
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Parma
10 febbraio 2002, ore 15:00
22ª giornata
Parma1 – 0
referto
LazioStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Roma
17 febbraio 2002, ore 15:00
23ª giornata
Lazio1 – 1
referto
ChievoStadio Olimpico
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Bergamo
24 febbraio 2002, ore 15:00
24ª giornata
Atalanta0 – 1
referto
LazioStadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Roma
3 marzo 2002, ore 15:00
25ª giornata
Lazio4 – 2
referto
VeneziaStadio Olimpico
Arbitro:  Morganti (Ascoli Piceno)

Roma
10 marzo 2002, ore 20:30
26ª giornata
Lazio1 – 5
referto
RomaStadio Olimpico
Arbitro:  Rosetti (Torino)

Brescia
17 marzo 2002, ore 15:00
27ª giornata
Brescia1 – 1
referto
LazioStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Roma
24 marzo 2002, ore 15:00
28ª giornata
Lazio2 – 0
referto
UdineseStadio Olimpico
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Torino
30 marzo 2002, ore 15:00
29ª giornata
Juventus1 – 1
referto
LazioStadio delle Alpi
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Roma
7 aprile 2002, ore 15:00
30ª giornata
Lazio1 – 0
referto
LecceStadio Olimpico
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Firenze
14 aprile 2002, ore 20:30
31ª giornata
Fiorentina0 – 1
referto
LazioStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Roma
21 aprile 2002, ore 15:00
32ª giornata
Lazio5 – 4
referto
VeronaStadio Olimpico
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Bologna
28 aprile 2002, ore 15:00
33ª giornata
Bologna2 – 0
referto
LazioStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Roma
5 maggio 2002, ore 15:00
34ª giornata
Lazio4 – 2
referto
InterStadio Olimpico
Arbitro:  Paparesta (Bari)

NoteModifica

  1. ^ Ceduto ad agosto alla Fiorentina
  2. ^ Ceduto ad agosto alla Juventus
  3. ^ Ceduto a gennaio alla Real Sociedad
  4. ^ Ceduto a settembre al Derby County
  5. ^ Ceduto a settembre al Chievo
  6. ^ Acquistato ad agosto dal Perugia
  7. ^ Acquistato ad agosto dal Manchester United
  8. ^ Ceduto a settembre al Perugia
  9. ^ Partita originariamente programmata per il 7 ottobre ma rinviata prima per la sovrapposizione con il calendario della Champions League e poi per l'impraticabilità del campo.

Collegamenti esterniModifica