Apri il menu principale

Società Sportiva Dilettantistica 1937 Milazzo

(Reindirizzamento da Società Sportiva Milazzo)
SSD 1937 Milazzo
Calcio Football pictogram.svg
Mamertini
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical Blue HEX-120059 Red HEX-F4001C.svg Rosso, blu
Simboli Aquila
Dati societari
Città Milazzo
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1937
Rifondazione2014
Scioglimento2017
Rifondazione2018
Presidente Salvatore Velardo
Allenatore Francesco Romeo
Stadio comunale Marco Salmeri
(2 500 posti)
Sito web ssd1937milazzo.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Dilettantistica 1937 Milazzo meglio nota come Milazzo, è una società calcistica italiana con sede a Milazzo, comune italiano della città metropolitana di Messina. Milita in Eccellenza, quinto livello della piramide calcistica italiana.

StoriaModifica

La prima fase dell’attività sociale del Milazzo è segnata da una lunga militanza nelle serie minori del calcio siciliano. La squadra riesce infatti ad accedere alla Serie D solo nel 1971, a distanza di 34 anni dalla sua fondazione.

La formazione rossoblù, guidata dal presidente Nino La Malfa e allenata da Romanetti, era arrivata alla quarta serie nazionale del tempo dopo un brillante primo posto in Promozione, caratterizzato da 24 vittorie, 6 pareggi e nessuna sconfitta in 30 incontri disputati. In casa fece quasi l’en plein, vincendo 14 incontri su 15, e pareggiando 0 a 0 contro il Villafranca. Fuori casa vinse 10 incontri e ne pareggiò cinque (finì 1 a 1 a Barcellona contro la Nuova Igea e 0 a 0 a Lipari). In serie D, nel 1971/72, giunse al terzo posto, dopo Trapani e Marsala; nel 1972/73 al terzo posto alle spalle di Marsala e Leonzio. Quindi, la nuova retrocessione, stavolta però legata ad un fatto che, purtroppo per il Milazzo, assurge alla cronaca nazionale: il 23 marzo 1974, in occasione di Milazzo-Modica, dopo un fitto lancio di oggetti sul terreno di gioco, avviene un'invasione di campo da parte di alcuni spettatori, di cui fa le spese la terna arbitrale, e soprattutto l'arbitro abruzzese Gianni Papponetti, che viene pesantemente malmenato, prima di essere tratto in salvo dall'intervento, in particolare, del portiere del Milazzo. L'episodio costa al club due anni di squalifica del campo "Grotta di Polifemo" e dieci punti di penalizzazione: i rossoblù vengono così retrocessi in Promozione. Nel 1974/75, giocando "in esilio" nella vicina Olivarella (San Filippo del Mela), la SS Milazzo ottiene il 2º posto, e nel 1975/76 -giocando in casa ancora nell'impianto di Olivarella- finisce sempre seconda dietro lo Scicli; quindi vince il campionato nel 1976/77, con l'oriundo argentino "Ghigo" Locatelli alla guida tecnica della squadra, tornando così nel 1977/78 a disputare il campionato di Serie D. Da quell'anno, però, quel torneo smette di essere la cosiddetta "quarta serie" dei campionati nazionali, in virtù dello "sdoppiamento" della Serie C, che rimarrà tale fino al 2013/14 (per quanto negli ultimi sei anni con il nome di Lega Pro).

In "quinta serie" il percorso del club dura un solo anno: la retrocessione immediata porta i rossoblù a disputare due tornei di Promozione, giungendo prima al settimo posto, poi al primo, e tornando quindi nel 1979/80 in Serie D. Alla nuova, immediata retrocessione seguono però problemi finanziari che costringono la società ad interrompere la propria attività tra il 1981 ed il 1984. Nel 1984/85 viene iscritto un nuovo club alla Prima Categoria, con il nome di Pro Milazzo, dopo aver rilevato il titolo sportivo del Merì. Arriva solo tredicesimo. L'anno dopo, però, dalla fusione fra Pro Milazzo e Aquila Valdina, nasce l'Aquila Milazzo, che militerà nel girone A della Promozione siciliana, dove si piazzerà al 10º posto. Nell'estate 1986 la società riprende il nome di SS Milazzo. Il primo campionato del ricostituito club è infausto, portando subito la retrocessione, ma l'anno dopo, al termine di un torneo di Prima Categoria finito al sesto posto, i rossoblù vengono ripescati in Promozione. Nel 1988/89, con l'avvento del gruppo degli imprenditori edili milazzesi Oliva alla guida della società, non si evita una nuova retrocessione sul filo di lana, ma l'anno successivo si vince bene il campionato di Prima Categoria, prevalendo al termine di un acceso duello contro l'Orlandina. È il Milazzo di alcuni giovani interessanti, tra cui Catalano e Granata, che crescono sotto la "chioccia" Cinquegrana, ex Messina e Sampdoria.

Successivamente, il Milazzo, nel 1990-91, è allenato -ed arriva al terzo posto in Promozione- da un uomo di calcio che in passato aveva militato come giocatore nelle file di Messina e Igea (fra le altre compagini) e, pur se di origine campana, si era nel frattempo stabilito definitivamente in Sicilia: Pietro Lo Monaco, che in futuro diventerà ben noto in ambito nazionale come manager di importanti club anche di serie A, tornando peraltro anche a ricoprire ruoli dirigenziali a Milazzo con il recente "sbarco" nei professionisti. Tornando ai primi anni Novanta, quando nasce il torneo di Eccellenza (1991-92), vi viene ammesso anche il club mamertino, per il buon piazzamento in Promozione. Così, però, il campionato in cui milita il Milazzo, ormai, è diventata la sesta serie nazionale.

Solo nel 1993, con alla guida il catanese Gigi Chiavaro, la società rossoblù accede nuovamente al calcio nazionale, disputando dodici campionati di Serie D (denominato nel tempo Interregionale, e poi Campionato nazionale dilettanti) in altrettante stagioni. La squadra in quinta serie si è dunque resa protagonista di stagioni di rilievo, quali la stagione 1994/95 e quella 1997/98. Nel primo di questi due campionati il Milazzo fu guidato dal brillante tecnico laziale Mauro Zampollini: epica fu la sfida contro il Messina e soprattutto il Catania di Busetta, finita con un secondo posto finale dopo aver guidato la classifica fino al match-clou del Grotta Polifemo del 25 marzo 1995, perso 1-2 di fronte ad un impianto strapieno. Nel 1998 la squadra fu guidata da Pasquale Marino, poi tecnico di varie squadre in B ed A, e ottenne il secondo posto dietro al Messina.

Il Milazzo Calcio ha negli anni Novanta inoltre lanciato professionisti con all'attivo vari tornei di A e B, come l'attaccante Giorgio Corona o il difensore senegalese DouDou (in anni più recenti avrebbero poi indossato la casacca rossoblù il centravanti Alfredo Aglietti, i portieri Ambrosi e Terracciano, la punta mancina Nicastro). Le dodici stagioni consecutive in quinta serie non evitano comunque che nel 2005 il sodalizio venga radiato e costretto a ripartire praticamente da zero.

La svolta nella storia recente del Milazzo arriva però nel 2007. Pietro Cannistrà, imprenditore nel settore delle scommesse sportive, rileva la società dopo essere stato presidente di altri club in provincia di Messina. Cannistrà sarà l’unico proprietario della società per tre anni, che coincidono con tre promozioni consecutive tutte guadagnate tramite la vittoria del campionato. Il Milazzo, mantenendo intatto un discreto gruppo di giocatori lungo il percorso verso le serie professionistiche[1], si classifica primo in Promozione, Eccellenza e Serie D, nelle ultime due categorie sotto la guida del tecnico Antonio Venuto. Nel 2009-2010, proprio nel massimo campionato dilettantistico, la squadra mamertina riesce addirittura a battere società blasonate come Trapani, Avellino e Messina.

Una volta approdato nel Campionato Professionistico di Lega Pro Seconda Divisione, il sodalizio subirà un cambio “forzato” quanto alla sua guida. Cannistrà, dato il suo impegno nel settore dei bookmakers, è costretto a cedere la società per non contravvenire alla normativa vigente, vendendo la società al prezzo simbolico di 1€[2]. All’imprenditore messinese subentrerà un gruppo capitanato dalla famiglia Lo Monaco. Si attiverà quindi una collaborazione con il Catania Calcio, di cui Pietro Lo Monaco era allora amministratore delegato[3]: la maggior parte dei giocatori proviene infatti dalle giovanili della squadra etnea. Alla sua prima stagione in Lega Pro Seconda Divisione, nell’anno 2010-2011, il Milazzo è così riuscito a terminare 3° in classifica. Ha disputato i playoff contro l'Avellino, perdendo sia la partita di andata che di ritorno e rimanendo nella stessa serie per la stagione successiva.

Nella stagione di Lega Pro Seconda Divisione 2011-2012, dopo un campionato combattuto, la squadra riesce a ottenere con una giornata di anticipo la salvezza grazie alla vittoria interna per 2-1 contro il Celano Football Club Olimpia.

Il 25 luglio 2012 cambia nuovamente il volto della società. Il gruppo Peditto pare rilevare le quote della società dalla famiglia Lo Monaco e comincia a programmare la nuova stagione. La gestione Peditto è però disastrosa: in un'occasione, addirittura, il presidente, per evitare le proteste di giocatori e tifosi, si nasconde all'interno del bagagliaio di una vettura. I giocatori attuano poi uno sciopero che si conclude con la messa in mora della società (che porterà a due punti di penalizzazione[4]) e ad ottobre il gruppo Lo Monaco, che in realtà non aveva mai ceduto la società, ritorna alla guida della squadra, rivoluzionando l'intera rosa. Il Milazzo conclude il campionato 2012-13 di Lega Pro Seconda Divisione all'ultimo posto e retrocede: la gravosa situazione debitoria porta addirittura alla rinuncia alla reiscrizione, avviando la società al fallimento.

Nel 2014 il Città di Milazzo del presidente Salvatore Costantino, militante in Promozione girone B, cambia nome e diventa l’ASD Sport Soccer Milazzo 1937, subito ripescata in Eccellenza[5].

Grande cordoglio crea intanto la morte prematura, in un incidente stradale, di uno dei protagonisti della scalata recente sl professionismo, il ventiduenne Marco Salmeri, milazzese doc e molto amato dalla tifoseria. In suo ricordo, qualche anno dopo lo storico "Grotta Polifemo" gli viene intitolato.

Nella stagione 2014-2015 arriva al quarto posto,ma dato il distacco superiore ai 10 punti vantato dallo Scordia, 2ª in classifica,non partecipa ai playoff. Nella stagione 2015-2016 conclude il campionato al nono posto, ottenendo una tranquilla salvezza.

Il 5 giugno 2016 Pietro Cannistrà rientra nel sodalizio, in qualità di presidente onorario. L’ASD Sport Soccer Milazzo 1937 cambia denominazione in S.S.D. Milazzo 1937, riacquistando il nome proprio della prima gestione Cannistrà. Nel club c’è anche Benedetto Bottari, direttore generale esattamente come negli anni d’oro che condussero il Milazzo tra i professionisti[6], che si dimetterà però per motivi strettamente personali nel mese di gennaio[7]. Intanto la stagione non comincia benissimo ed alla sesta giornata di campionato, dopo la sconfitta rimediata ad Acireale, il Milazzo cambia allenatore. Esonerato Giannicola Giunta, sulla panchina dei rossoblù arriva Danilo Rufini[8], tecnico cosentino noto per i suoi trascorsi da calciatore professionista specie con le maglie di Cosenza, Juve Stabia e Gela. Sotto la guida di Rufini, la formazione mamertina conquista la finale di Coppa Italia Regionale, persa contro il Troina[9] poi promosso in Serie D quale finalista della Coppa Italia Dilettanti ed il 19 gennaio piomba in testa alla classifica del campionato di Eccellenza, in coabitazione con Acireale e Catania San Pio X[10]. Successivamente il Milazzo chiuderà il campionato al quinto posto, uscendo sconfitto ai play-off dall'Acireale per 3-1 dopo i tempi supplementari[11].

A luglio 2017 la società prova a ridefinire l'organigramma societario ed intanto nomina Simona Marletta nuovo direttore generale[12] rendendo noto l'ingaggio di Orazio Pidatella quale nuovo allenatore[13]. Eppure l'attività in vista della nuova stagione sportiva dura solo qualche settimana: presto arrivano le dimissioni del presidente Costantino, cui segue la volontà della dirigenza di cedere in toto il club e - visto l'esito negativo dei tentativi di cessione - la mancata iscrizione al campionato di Eccellenza[14]. Il 1 agosto 2017 Milazzo fronteggia allora il terzo fallimento in soli 12 anni. In città restano cinque società: tre iscritte alla Prima Categoria, ovvero Duilia, Virtus Milazzo e Milazzo Academy (con queste ultime due che al termine del campionato risulteranno promosse in Promozione, rispettivamente come prima classificata e come vincitrice dei playoff); le altre due iscritte alla Terza Categoria, ovvero Don Peppino Cutropia e Arci Grazia.

Nel luglio 2018 la società messinese del Pistunina annuncia il trasferimento del titolo sportivo di Eccellenza a Milazzo, riportando dopo una sola stagione il massimo campionato dilettantistico nella Città del Capo; la nuova società prende il nome di S.S.D. 1937 Milazzo.[15]

Fallito il tentativo di promozione in Serie D, il Milazzo acquisisce il titolo sportivo dell'Igea Virtus per ottenere una maggiore possibilità di ripescaggio in quarta serie[16].

CronistoriaModifica

Cronistoria della Società Sportiva Dilettantistica 1937 Milazzo
  • 1937 - Nasce la Società Sportiva Milazzo.
  • 1938-39 - 6º nel girone B della Prima Divisione siciliana.
  • 1939-40 - 4º nel girone B della Prima Divisione siciliana.

  • 1941-45 - Nessuna attività agonistica. Il campionato è sospeso per la Seconda Guerra Mondiale.
  • 1948-49 - 2º nel girone finale B di Prima Divisione Siciliana.
  • 1949-50 - 3º in Prima Divisione Siciliana.
  Ammesso a tavolino in Promozione dalla Federcalcio.

  • 1950-51 - 14º nel girone O di Promozione.
  • 1951-52 - 8º nel girone O di Promozione.
  Retrocesso in Promozione Regionale.
  • 1952-53 - 6º nella Promozione Siciliana.
  • 1953-54 - 3º nella Promozione Siciliana.
  • 1954-55 - 3º nella Promozione Siciliana.
  • 1955-56 - 10º nella Promozione Siciliana.
  • 1956-57 - 8º nella Promozione Siciliana.
  • 1957-58 - 7º nel Campionato Dilettanti Siciliano.
  • 1958-59 - 4º nel Campionato Dilettanti Siciliano.
  • 1959-60 - 1º nel girone B della Prima Categoria Siciliana; perde la finale regionale con il Mazara.

  • 1960-61 - 2º nel girone B della Prima Categoria Siciliana.
  • 1961-62 - 5º nel girone A della Prima Categoria Siciliana.
  • 1962-63 - 7º nel girone A della Prima Categoria Siciliana.
  • 1963-64 - 7º nel girone A della Prima Categoria Siciliana.
  • 1964-65 - 11º nel girone B della Prima Categoria Siciliana.
  • 1965-66 - 10º nel girone B della Prima Categoria Siciliana.
  • 1966-67 - 15º nel girone B della Prima Categoria Siciliana.
  • 1967-68 - 12º nel girone B della Prima Categoria Siciliana.
  • 1968-69 - 3º nel girone B della Prima Categoria Siciliana.
  • 1969-70 - 6º nel girone A della Prima Categoria Siciliana.
  Ammesso alla Promozione Regionale.

  • 1970-71 - 1º nel girone B di Promozione siciliana.
  Promosso in Serie D.
  • 1971-72 - 3º nel girone I di Serie D.
  • 1972-73 - 3º nel girone I di Serie D.
  • 1973-74 - 16º nel girone I di Serie D.
  Retrocede in Promozione.
  • 1974-75 - 2º nel girone B di Promozione siciliana.
  • 1975-76 - 2º nel girone B di Promozione siciliana.
  • 1976-77 - 1º nel girone B di Promozione siciliana.
  Promosso in Serie D.
  • 1977-78 - 15º nel girone I di Serie D.
  Retrocede per la peggior differenza reti nei confronti del Canicattì.
  • 1978-79 - 7º nel girone B di Promozione siciliana.
  • 1979-80 - 1º nel girone B di Promozione siciliana.
  Promosso in Serie D.

  • 1980-81 - 14º nel girone F della Serie D. Non si iscrive al campionato successivo per problemi finanziari.
  • 1984-85 - Viene iscritto con il nome di Pro Milazzo dopo aver rilevato il titolo sportivo del Merì. 13° in Prima Categoria siciliana.
  • 1985-86 Nasce l'Aquila Milazzo dopo la fusione fra Pro Milazzo e Aquila Valdina - 10° nel girone A della Promozione siciliana.
  • 1986-87 Viene ricostituita l'S.S. Milazzo - 15° nel girone A della Promozione siciliana.
  Retrocede in Prima Categoria.
  • 1987-88 - 6° nel girone ? della Prima Categoria siciliana.
  Ripescato in Promozione.
  • 1988-89 - 13° nel girone A della Promozione siciliana.
  Retrocede in Prima Categoria.
  • 1989-90 - 1° nel girone A della Prima Categoria.
  Promosso in Promozione.

  • 1990-91 - 3° nel girone B di Promozione siciliana.
  Ammesso in Eccellenza.
  • 1991-92 - 5° nel girone A di Eccellenza siciliana.
  • 1992-93 - 1° nel girone A di Eccellenza siciliana.
  Promosso in Serie D.
  • 1993-94 - 9º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994-95 - 2º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1995-96 - 8º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1996-97 - 7º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1997-98 - 2º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1998-99 - 12º nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti. Ammesso nella nuova Serie D.
  • 1999-00 - 10º nel girone I della Serie D.

  • 2000-01 - 8º nel girone I della Serie D.
  • 2001-02 - 11º nel girone I della Serie D.
  • 2002-03 - 5º nel girone I della Serie D.
  • 2003-04 - 5º nel girone I della Serie D. Perde i Play Off contro la Vigor Lamezia.
  • 2004-05 - 17º nel girone I della Serie D.
  Retrocede in Eccellenza.
  • 2005 - La società viene radiata per inadempienze.
  • 2005-06 - Inattiva.
  • 2006 - Il G.S. San Papino Milazzo A.S.D. cambia denominazione in A.S.D. Milazzo.[17] In seguito all'acquisto del titolo sportivo del Real Messina si iscrive in Promozione.
  • 2006-07 - 5° in Promozione.
  • 2007-08 - 1° in Promozione.
  Promosso in Eccellenza.
  Promosso in Serie D.
  Promosso in Lega Pro Seconda Divisione.

  • 2010-11 - 3° nel girone C di Lega Pro Seconda Divisione. Perde i Play-Off contro l'Avellino.
  • 2011-12 - 13° nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione.
  • 2012-13 - 18° nel girone A di Lega Pro Seconda Divisione.
  Retrocesso, non si iscrive alla stagione successiva.
  • 2013-2014 - Inattiva.
  • 2014 - L'A.S.D. Città di Milazzo, militante in Promozione, cambia denominazione in A.S.D. Sportsoccer Milazzo 1937.[18]
  • 2014-15 - 4° In Eccellenza Girone B,dopo essere stata ripescata.
  • 2015-16 - 9° In Eccellenza Girone B.
  • 2016 - In seguito alla fusione con l'A.S.D. Real Filicudi di Lipari cambia denominazione in S.S.D. Milazzo 1937.[19]
  • 2016-17 - 5° in Eccellenza Girone B, perde i play-off contro l'Acireale.
  • 2017-18 - Non si iscrive al campionato di Eccellenza.
  • 2018 - L'U.S.D. Pistunina di Messina, militante in Eccellenza, cambia denominazione in S.S.D 1937 Milazzo.[20]
  • 2018-19 - 5° nel girone B di Eccellenza Sicilia. Perde la semifinale dei play-off.
Sedicesimi di finale in Coppa Italia Dilettanti Sicilia.

Colori e simboliModifica

I colori del Milazzo sono il rosso e il blu. Lo stemma della squadra rappresenta un'aquila, simbolo della città.

StruttureModifica

 
Stadio Comunale Marco Salmeri

StadioModifica

Il Milazzo disputa le sue partite casalinghe allo stadio comunale Marco salmeri di Milazzo. La struttura, munita di manto erboso, ospita una capienza di 2.500 posti; ristrutturato nell'anno della promozione in Lega Pro Seconda Divisione, esso prende il nome dalla grotta di Polifemo[21], presunta dimora della famosa creatura mitologica del ciclope Polifemo[22]. Il 29 dicembre 2014 lo stadio viene intitolato a Marco Salmeri[23], ex calciatore milazzese[24] deceduto tragicamente qualche mese prima in un incidente stradale. All'interno della struttura, gli è stata dedicata una statua in cui ritrae, con indosso la maglia rossoblù numero 10, il calciatore durante un'azione da gioco.

SocietàModifica

Organigramma societario
  • Presidente: Salvatore Velardo
    Vice-presidente: Giovanni Capone
    Direttore generale: Domenico Lucchetta
    Amministratore delegato: Giorgia Velardo
    Direttore Sportivo: Raimondo Mortelliti
    Team Manager: Simone D'Arrigo

Allenatori e presidentiModifica

Allenatori
Presidenti
  • 1937-2015   ...
  • 2007-2010   Pietro Cannistrà
  • 2010-2015   ...
  • 2014-2015   Salvatore Costantino
  • 2015-2016   Salvatore Miroddi[31]
  • 2016-2017   Salvatore Costantino

CalciatoriModifica

PalmarèsModifica

Competizioni interregionaliModifica

2009-2010 (girone I)

Competizioni regionaliModifica

1992-1993 (girone A), 2008-2009 (girone B)
1970-1971 (girone B), 1976-1977 (girone B), 1979-1980 (girone B), 2007-2008 (girone B)
1959-1960 (girone B), 1989-1990 (girone A)

Competizioni giovaniliModifica

2010-2011

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 2010-2011 (girone C)
Terzo posto: 1971-1972 (girone I), 1972-1973 (girone I)
Secondo posto: 1994-1995 (girone I), 1997-1998 (girone I)
Secondo posto: 1974-1975 (girone B), 1975-1976 (girone B)
Terzo posto: 1953-1954, 1954-1955, 1990-1991 (girone B)
Secondo posto: 1960-1961 (girone B)
Terzo posto: 1968-1969 (girone B, Sicilia)
Secondo posto: 1948-1949 (girone D)
Semifinalista: 1978-1979
Finalista: 2008-2009, 2016-2017

Statistiche e recordModifica

TifoseriaModifica

Gemellaggi e rivalitàModifica

Il Milazzo è gemellato con la tifoseria del Vigor Lamezia[32].Amicizia vi è con la tifoseria dell'Acireale e del Mazara.

Fra le rivalità più accese dei rossoblù figura quella con i giallorossi dell'Igea Virtus[33], mentre corrono dei cattivi rapporti con la tifoseria del Vittoria e del Siracusa[34].

NoteModifica

  1. ^ SS Milazzo Calcio | Milazzoinrete.it, su milazzoinrete.it, 27 novembre 2013. URL consultato il 30 agosto 2016.
  2. ^ Milazzo, la promozione "obbliga" il presidente Cannistrà a dimettersi - TUTTOmercatoWEB.com, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 30 agosto 2016.
  3. ^ Il Milazzo va a Pietro Lo Monaco, ad del Catania - IRPINIAOGGI.IT - Quotidiano di Avellino e provincia in tempo reale, su www.irpiniaoggi.it. URL consultato il 30 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2016).
  4. ^ admin, Non ha pagato i contributi inps, 2 punti di penalizzazione al..., su Oggi Milazzo, 4 marzo 2013. URL consultato il 30 agosto 2016.
  5. ^ Sergio Granata, Ripescaggi, brindano cinque messinesi, su AMnotizie.it, 7 agosto 2014. URL consultato il 30 agosto 2016 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2016).
  6. ^ Il Milazzo riparte con Cannistrà presidente onorario. Le dichiarazioni in conferenza stampa, su messinasportiva.it, 5 giugno 2016. URL consultato il 30 agosto 2016.
  7. ^ Eccellenza: si dimette il direttore del Milazzo Bottari, in 98zero.com, 25 febbraio 2017. URL consultato il 16 aprile 2017.
  8. ^ Danilo Rufini è il nuovo allenatore del Milazzo, in MessinaSportiva, 18 ottobre 2016. URL consultato il 16 aprile 2017.
  9. ^ Milazzo superato dal Troina in finale di Coppa Italia regionale, in Tempostretto - quotidiano online di Messina e provincia. URL consultato il 16 aprile 2017.
  10. ^ Il Milazzo vince in dieci ed agguanta il primato. Tricamo decide il derby col Rocca, in MessinaSportiva, 19 febbraio 2017. URL consultato il 16 aprile 2017.
  11. ^ A testa alta. L'Acireale passa il turno ai supplementari - S.S. Milazzo Calcio 1937 [collegamento interrotto], su www.ssmilazzo1937.it. URL consultato l'8 luglio 2017.
  12. ^ Simona Marletta nuovo direttore generale - S.S. Milazzo Calcio 1937, su www.ssmilazzo1937.it. URL consultato l'8 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2017).
  13. ^ E' Orazio Pidatella il nuovo allenatore - S.S. Milazzo Calcio 1937, su www.ssmilazzo1937.it. URL consultato l'8 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2017).
  14. ^ Non completata l'iscrizione al campionato - S.S. Milazzo Calcio 1937, su www.ssmilazzo1937.it. URL consultato il 1º agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2017).
  15. ^ Calcio, la Ssd Milazzo 1937 pronta per il campionato di Eccellenza, http://www.oggimilazzo.it/, 11 luglio 2018. URL consultato il 18 agosto 2018.
  16. ^ La Ssd Milazzo si avvicina alla serie D. Grazie all'Igea Virtus, su oggimilazzo.it, 1º luglio 2019.
  17. ^ C.U. CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE 2006 (PDF), http://www.figc.it/. URL consultato il 24 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  18. ^ COMUNICATO UFFICIALE N°27 (PDF), figc.it, 8 agosto 2014. URL consultato il 7 dicembre 2016.
  19. ^ Calcio Sicilia, i gironi di Eccellenza, Promozione e Calcio A5, http://www.auroramilazzo.it/, 5 agosto 2016. URL consultato il 2 settembre 2016.
  20. ^ Comunicato Ufficiale n°30 del 10 agosto 2018, https://magazinepragma.com/, 10 agosto 2018. URL consultato il 17 agosto 2018.
  21. ^ La mitica grotta di Polifemo, su lanostramilazzo.altervista.org. URL consultato il 5 settembre 2016.
  22. ^ Stadio Grotta Polifemo Milazzo, su trinacriavacanze.it. URL consultato il 25 luglio 2012.
  23. ^ Il Grotta Polifemo diventa stadio “Marco Salmeri”, su comune.milazzo.me.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  24. ^ AMnotizieVideo, Calcio in lutto per la morte di Marco Salmeri, 28 aprile 2014. URL consultato il 30 agosto 2016.
  25. ^ ANTONIO VENUTO, LEADERSHIP E MOTIVAZIONE NEL RUOLO DI ALLENATORE., su ilcalcio24.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  26. ^ Milazzo, mister Trimarchi e l’uscente Catalano, su legapro.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  27. ^ Arrestato mister Marco Tosi, aveva allenato il Milazzo, su oggimilazzo.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  28. ^ Esonerato Alacqua. Il Milazzo si affida a Perdicucci, su tempostretto.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  29. ^ Milazzo, via Perdicucci arriva Perrone, su amnotizie.it. URL consultato il 5 settembre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2016).
  30. ^ Milazzo, risoluzione consensuale con Antonio Alacqua, su messinasportiva.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  31. ^ Milazzo: Miroddi presidente, Alacqua nuovo mister e tanto mercato, su messinanelpallone.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  32. ^ Il prossimo avversario: la Vigor Lamezia, su salernogranata.it. URL consultato il 5 settembre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2016).
  33. ^ Igea Virtus e Milazzo: un messaggio di civiltà per un derby che torna dopo 14 anni, su messinasportiva.it. URL consultato il 5 settembre 2016.
  34. ^ ULTRAS SIRACUSA: il gemellaggio con i palermitani infiamma il derby col Catania, su tuttocalciocatania.com. URL consultato il 5 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2016).

Collegamenti esterniModifica