Sofia Albertina di Erbach-Erbach

contessa tedesca
Sofia Albertina di Erbach-Erbach
Sophie Albertine of Erbach-Erbach duchess of Saxe-Hildburghausen.JPG
La duchessa Sofia Albertina ritratta da Johann Friedrich Schmidt nel 1740
Duchessa consorte di Sassonia-Hildburghausen
In carica 17 ottobre 1715 –
9 ottobre 1724
Predecessore Sofia Enrichetta di Waldeck
Successore Carolina di Erbach-Fürstenau
Duchessa reggente di Sassonia-Hildburghausen
In carica 1724 - 1728
(in nome di Ernesto Federico II)
Nascita Erbach, 30 luglio 1683
Morte Eisfeld, 4 settembre 1742
Dinastia Erbach-Erbach
Sassonia-Hildburghausen
Padre Giorgio Luigi I di Erbach-Erbach
Madre Amalia Caterina di Waldeck-Eisenberg
Consorte di Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen
Figli Ernesto Federico
Luigi Federico
Elisabetta Albertina
Religione Luteranesimo

Sofia di Erbach-Erbach (Erbach, 30 luglio 1683Eisfeld, 4 settembre 1742) è stata una contessa tedesca. Fu, a seguito di matrimonio, duchessa di Sassonia-Hildburghausen e, dal 1724 al 1728, reggente del piccolo stato, posto in Turingia.

BiografiaModifica

Sofia Albertina era la figlia più giovane del generale-conte Giorgio Luigi I di Erbach-Erbach (1643–1693) e di sua moglie, la contessa Amalia Caterina di Waldeck-Eisenberg (1640–1697). Sposò ad Erbach, il 4 febbraio 1704, il duca Ernesto Federico I di Sassonia-Hildburghausen. Sofia Albertina si dovette occupare da sola dell'educazione dei loro figli, perché suo marito si dedicava a trascorrere la maggior parte della sua esistenza stando con i suoi soldati fuori dal paese.

Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1724, Sofia Albertina divenne reggente, per conto del figlio minorenne, Ernesto Federico II di Sassonia-Hildburghausen. In tale veste, operò in modo da salvare il ducato dai debiti, mitigandoli in qualche modo. La gran parte dei cortigiani fu licenziata, e la costosa guardia sciolta. Riuscì in tal modo a controllare le spese eccessive, facendole scendere da 16 ad 8. Nel tentativo di procurarsi denaro contante, venne venduta anche la preziosa biblioteca ducale.

La vendita di Schalkau al ducato di Sassonia-Meiningen, compiuta nel 1723 da suo marito, alla disperata ricerca di denaro, venne ritenuta illegale. Anche grazie all'influenza del principe Giuseppe Federico di Sassonia-Hildburghausen, che a quell'epoca si trovava ad Hildburghausen, Sofia Albertina dichiarò guerra al ducato di Sassonia-Meiningen e lasciò che Schalkau venisse occupata dalle sue truppe l'11 luglio 1724. In seguito un Consiglio cittadino, tenutosi ad Hildburghausen nel 1725, poté indurre, in modo significativo, le parti interessate a trovare un'intesa.

Dopo che il figlio raggiunse la maggiore età per poter governare, Sofia Albertina si trasferì di nuovo nel suo palazzo, il Wittumssitz Schloss, situato ad Eisfeld. La sala principale del castello di Hildburghausen era dotato di un pavimento in parquet a forma di stella, nel cui epicentro erano incise le iniziali "SA" del nome della duchessa.

DiscendenzaModifica

Dal matrimonio con Ernesto Federico nacquero i seguenti figli:

BibliografiaModifica

  • Heinrich Ferdinand Schoeppl: Die Herzoge von Sachsen-Altenburg. Bozen 1917, Neudruck Altenburg 1992
  • Dr. Rudolf Armin Human: Chronik der Stadt Hildburghausen Hildburghausen 1886

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN159975083 · GND (DE142901156 · CERL cnp01277378 · WorldCat Identities (ENviaf-159975083
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie