Sofia Carlotta di Baviera

aristocratica tedesca
Sofia Carlotta di Baviera
Sophie of Bavaria, Duchess of Alençon.jpg
Sofia Carlotta di Baviera in una fotografia d'epoca
Duchessa d'Alençon
Coat of arms of the House of Wittelsbach (Bavaria).svg Arms of Gaston dOrleans.svg
Nome completo Sofia Carlotta Augustina di Baviera
Trattamento Sua Altezza reale
Altri titoli Duchessa in Baviera
Nascita Castello di Possenhofen, Possenhofen, Regno di Baviera, 23 febbraio 1847
Morte Parigi, Francia, 4 maggio 1897
Dinastia Wittelsbach per nascita
Borbone-Orléans per matrimonio
Padre Duca Massimiliano in Baviera
Madre Principessa Ludovica di Baviera
Consorte Ferdinando d'Orléans, duca d'Alençon
Figli Luisa
Emanuele
Religione Cattolica

Sofia Carlotta Augustina di Baviera (Monaco di Baviera, 23 febbraio 1847Parigi, 4 maggio 1897) nata Duchessa in[1] Baviera, fu duchessa d'Alençon per matrimonio.

BiografiaModifica

Sofia Carlotta nacque al castello di Possenhofen, la residenza paterna di famiglia, i duchi in Baviera, dove visse un'infanzia felice e libera. Era figlia di Massimiliano, Duca in Baviera e della Principessa Ludovica di Baviera. Nona di dieci figli, in famiglia era conosciuta come Sopherl.

Era sorella dell'imperatrice Elisabetta d'Austria e della regina Maria Sofia delle Due Sicilie. Dopo il matrimonio della sorella maggiore Matilde nel 1861 con il principe Luigi delle Due Sicilie, i genitori si guardarono intorno per cercare un marito adatto per Sofia Carlotta.

Infanzia e fidanzamentiModifica

La sua bellezza era quasi pari quella della sorella imperatrice, per questo vantava numerosi pretendenti. Ella però aveva gusti difficili e si permise perfino di rifiutare la corte di Ludovico Vittorio d'Asburgo-Lorena, fratello di Francesco Giuseppe d'Asburgo.

Anche il cugino Ludovico II di Baviera, con cui era già amica d'infanzia, iniziò a farle la corte: le mandava enormi mazzi di fiori e lettere e l'andava a trovare con il suo battello.

Sofia Carlotta suonava il piano e cantava molto bene; anche lei come il cugino adorava Wagner. I due vennero quindi fidanzati ufficialmente e sembrò vi fossero subito le premesse per un matrimonio felice e vantaggioso per entrambi.

Passava il tempo però e Ludovico non si decideva a fissare una data per il matrimonio, né era intenzionato a farlo. Delusa dall'attesa, Sofia Carlotta si abbandonò all'infatuazione per il fotografo Edgar Hanfstaengl. Con l'aiuto della sua dama di compagnia, Sofia riusciva a incontrarsi segretamente con lui. La tresca non fu mai scoperta dal fidanzato.

Il 7 ottobre 1867 Ludovico scrisse un'affettuosa lettera alla cugina per poter sciogliere il fidanzamento, non volendo comunque rinunciare ad un legame di amicizia con la parente a cui era più legato. Sofia Carlotta si sentì ferita nell'orgoglio, ma ne fu del resto contenta, in quanto avvertiva che un matrimonio con quell'uomo bizzarro sarebbe stato solo fonte di infelicità.

Quando Ludovico II morì, Elisabetta disse che le era apparso in sogno annunciandole una morte violenta per lei ed una tragica fine per la sorella Sofia Carlotta.

MatrimonioModifica

Messa da parte la delusione di non vedere la figlia sul trono di Baviera, Ludovica scelse un nuovo pretendente per Sofia: Ferdinando d'Orléans (1844-1910), figlio di Luigi d'Orléans e di Vittoria di Sassonia-Coburgo-Kohary, e nipote del re "borghese" Luigi Filippo di Francia. Si fidanzarono il 24 giugno 1868 e tre mesi dopo a Possenhofen venne celebrato il matrimonio.

La grave depressioneModifica

Il primo periodo di matrimonio venne felicemente trascorso nella Bushy-House, nei dintorni di Londra. Sofia era un'esperta amazzone e si divertiva a cacciare. Tuttavia, quando arrivò l'autunno, la giovane sposa cadde in uno stato di profonda depressione. Non guarì neanche quando il 19 luglio 1869 diede alla luce la figlia Luisa Vittoria.

La coppia accettò allora l'invito del duca d'Aumale di soggiornare nel Palazzo d'Orleans a Palermo. Sofia sembrò riacquistare il buonumore, ma essendo i duchi d'Alençon appartenenti alla casata dei Borbone, il popolo siciliano non gradì la loro presenza.

La partenza improvvisa aggravò di nuovo lo stato mentale di Sofia. Si recarono allorà a Roma, ospiti della regina Maria Sofia. Successivamente soggiornarono a Merano, dove nacque l'atteso figlio maschio. Malgrado i tentativi del marito di farla soggiornare in posti il più possibile accoglienti, i continui viaggi crearono soltanto un peggioramento.

A 40 anni Sofia si innamorò del dottor Glaser di Graz, uomo sposato. Quando la moglie lo venne a sapere, i due fuggirono insieme a Merano ma vennero scoperti e divisi per sempre.

Il ricovero in clinicaModifica

Sofia venne rinchiusa nella clinica per malattie nervose del famoso dottor Krafft-Ebing di Graz. Lì diagnosticarono che i suoi disturbi mentali fossero generati da una infezione dovuta alla scarlattina. In realtà, probabilmente, la malattia di Sofia era semplicemente una tara ereditaria, una predisposizione di cui soffrivano quasi tutti i suoi fratelli e altri parenti. I numerosi matrimoni consanguinei avevano certamente peggiorato la situazione.

Suora laica e morteModifica

Uscita dalla clinica, Sofia decise che si sarebbe dedicata a iniziative di carità. Entrò dunque nel Terz'ordine di San Domenico dell'Ordine dei Frati Predicatori con il nome di Suor Maria Maddalena. Si accostò alla religione con grande fervore.

Dal 3 al 6 maggio 1897 si svolse a Parigi una fiera di beneficenza organizzata dalle domenicane presso il Bazar de la Charité. La duchessa aveva scelto un edificio industriale che ben si adattava all'allestimento degli stand. Erano stati invitati anche i fratelli Lumière, il cui materiale usato per le pellicole era altamente infiammabile. Dal nulla infatti iniziarono a divampare le fiamme. Sofia Carlotta, mentre tutti scappavano presi dal panico, si preoccupò invece di salvare le ragazze che erano con lei dietro il bancone. Soltanto quando ebbe salvata l'ultima, decise di correre via. Ma le fiamme furono più veloci di lei.

Tra i tanti morti carbonizzati, fu difficilissimo poter riconoscere la duchessa, che fu identificata solo grazie alla dentatura. Secondo la cameriera però il teschio non apparteneva alla sua padrona. Venne comunque celebrato subito il funerale e le spoglie deposte presso il castello di Dreux.

Il duca d'Alencon sarebbe sopravvissuto tredici anni alla moglie. Morì in Inghilterra, nei pressi di Wimbledon.

DiscendenzaModifica

Sofia Carlotta e Ferdinando ebbero due figli:

AscendenzaModifica

Sofia Carlotta di Baviera Padre:
Massimiliano Giuseppe in Baviera
Nonno paterno:
Pio Augusto in Baviera
Bisnonno paterno:
Guglielmo in Baviera
Trisnonno paterno:
Giovanni di Birkenfeld-Gelnhausen
Trisnonna paterna:
Sofia Carlotta di Salm-Dhaun
Bisnonna paterna:
Maria Anna di Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonno paterno:
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonna paterna:
Maria Francesca del Palatinato-Sulzbach
Nonna paterna:
Amalia Luisa di Arenberg
Bisnonno paterno:
Luigi Maria di Arenberg
Trisnonno paterno:
Carlo Maria Raimondo d'Arenberg
Trisnonna paterna:
Louise Margarete de la Marck-Schleiden, Contessa di Vardes
Bisnonna paterna:
Marie Adélaïde Julie de Mailly
Trisnonno paterno:
Louis Joseph de Mailly, Marchese of Nesle
Trisnonna paterna:
Adélaïde Julie d'Hautefort
Madre:
Ludovica di Baviera
Nonno materno:
Massimiliano I di Baviera
Bisnonno materno:
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Trisnonno materno:
Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken
Trisnonna materna:
Carolina di Nassau-Saarbrücken
Bisnonna materna:
Maria Francesca di Sulzbach
Trisnonno materno:
Giuseppe Carlo del Palatinato-Sulzbach
Trisnonna materna:
Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg
Nonna materna:
Carolina di Baden
Bisnonno materno:
Carlo Luigi di Baden
Trisnonno materno:
Carlo Federico di Baden
Trisnonna materna:
Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna materna:
Amalia d'Assia-Darmstadt
Trisnonno materno:
Luigi IX d'Assia-Darmstadt
Trisnonna materna:
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld

NoteModifica

  1. ^ I Duchi in Baviera discendevano da un ramo cadetto della famiglia Wittelsbach.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN808810 · ISNI (EN0000 0000 3458 4893 · LCCN (ENn96059816 · GND (DE11881205X · BNF (FRcb11938948w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n96059816
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie