Sofia Guglielmina di Svezia

Sofia Guglielmina di Holstein-Gottorp
Sophie Wilhelmine Großherzogin von Baden.jpg
Granduchessa di Baden
Principessa di Svezia
In carica 1830 –
24 aprile 1852
Predecessore Stefania di Beauharnais
Successore Luisa di Prussia
Nascita Stoccolma, 21 maggio 1801
Morte Karlsruhe, 6 luglio 1865
Casa reale Holstein-Gottorp
Padre Gustavo IV Adolfo di Svezia
Madre Federica di Baden
Consorte Leopoldo I di Baden
Figli Alessandrina, duchessa di Sassonia-Coburgo e Gotha
Luigi II di Baden
Federico I di Baden
Guglielmo
Carlo
Maria, principessa di Leiningen
Cecilia, granduchessa Olga Feodorvna di Russia

Sofia Guglielmina di Svezia (nome completo in svedese Sofia Vilhelmina Katarina Maria Lovisa Charlotta Anna av Sverige[1]; Stoccolma, 21 maggio 1801Karlsruhe, 6 luglio 1865) nata principessa di Svezia, divenne granduchessa di Baden per matrimonio.

Famiglia di origineModifica

Sofia Guglielmina era la seconda figlia del re di Svezia Gustavo IV Adolfo (1778-1837) e della regina Federica (1781-1826), nata Baden[1]. I suoi nonni paterni erano il re Gustavo III di Svezia e la regina consorte Sofia Maddalena di Danimarca, quelli materni il principe ereditario Carlo Luigi di Baden e la principessa Amalia d'Assia-Darmstadt.

BiografiaModifica

Quando nel 1809 il padre fu detronizzato, la famiglia reale di Svezia partì in esilio per stabilirsi nel Granducato di Baden. Tre anni dopo, nel 1812, Gustavo e Federica si separarono ufficialmente e Sofia, con i suoi fratelli, continuò a vivere nella terra natale della madre, a Bruchsal.
Nel 1815 fu promessa in sposa a Leopoldo di Baden (1790-1852), futuro granduca con il nome di Leopoldo I. Il matrimonio si celebrò il 25 luglio del 1819[1]. Nonostante si trattasse di un matrimonio di convenienza, come era in uso all'epoca, i contemporanei raccontano che i coniugi ebbero una vita abbastanza felice durante i primi anni della loro unione.
Essi ebbero otto figli:[1]

Nel 1833 si diffuse la diceria che la granduchessa Sofia avesse ordinato l'assassinio di Kaspar Hauser, presunto figlio di Carlo II, granduca di Baden fino al 1818, e di Stefania di Beauharnais[2]. Contemporaneamente si ipotizzò anche che fosse stata la madre di Leopoldo, Luisa Carolina di Geyersberg, responsabile del rapimento del bambino stesso nel 1812, un mese dopo la sua nascita, in quanto erede al trono; entrambe le granduchesse furono duramente criticate da parte dell'opinione pubblica.

Durante gli avvenimenti rivoluzionari del 1848-49 la famiglia ducale lasciò Karlsruhe. Dopo la morte del granduca Leopoldo, avvenuta nel 1852, Sofia tornò a vivere in questa città, dove morì nel 1865.

Fu sepolta nella chiesa protestante di Karlsruhe. Durante la seconda guerra mondiale la sua tomba fu profanata. Dopo la guerra il corpo fu traslato nel mausoleo dei granduchi a Karlsruhe, dove si trova attualmente.

AscendenzaModifica

Regno di Svezia
Holstein-Gottorp

Adolfo Federico
Gustavo III
Gustavo IV Adolfo
Carlo XIII
Modifica
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Adolfo Federico di Svezia Cristiano Augusto di Holstein-Gottorp  
 
Albertina Federica di Baden-Durlach  
Gustavo III di Svezia  
Luisa Ulrica di Prussia Federico Guglielmo I di Prussia  
 
Sofia Dorotea di Hannover  
Gustavo IV Adolfo di Svezia  
Federico V di Danimarca Cristiano VI di Danimarca  
 
Sofia Maddalena di Brandeburgo-Kulmbach  
Sofia Maddalena di Danimarca  
Luisa di Hannover Giorgio II di Gran Bretagna  
 
Carolina di Brandeburgo-Ansbach  
Sofia Guglielmina di Svezia  
Carlo Federico di Baden Federico di Baden-Durlach  
 
Amalia di Nassau-Dietz  
Carlo Luigi di Baden  
Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt Luigi VIII d'Assia-Darmstadt  
 
Carlotta di Hanau-Lichtenberg  
Federica di Baden  
Luigi IX d'Assia-Darmstadt Luigi VIII d'Assia-Darmstadt  
 
Carlotta di Hanau-Lichtenberg  
Amalia d'Assia-Darmstadt  
Carolina del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken  
 
Carolina di Nassau-Saarbrücken  
 

NoteModifica

 
Sofia, granduchessa di Baden, ritratta da Franz Xaver Winterhalter nel 1831.
  1. ^ a b c d Darryl Lundy, Genealogia della principessa Sofia Guglielmina di Svezia, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 14 settembre 2009.
  2. ^ Si narra che il famoso Kaspar Hauser, ragazzo sedicenne comparso a Norimberga nel 1828, la cui vicenda ispirò numerosi scrittori e giornalisti dell'epoca, fosse in realtà il secondo figlio di Carlo Ludovico e Stefania di Baden fatto rapire ancora bambino e allevato in prigionia, sotto falso nome e nell'ignoranza delle sue vere origini; recenti studi di genetica, compiuti nei laboratori di Londra, sembrano confermare questa leggenda.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22977266 · ISNI (EN0000 0000 1589 0342 · GND (DE120636123 · BNF (FRcb16746894v (data) · CERL cnp00561272 · WorldCat Identities (ENviaf-22977266