Sojuz TMA-12

missione spaziale del programma Sojuz
Sojuz TMA-12
Dati della missione
OperatoreRoscosmos
NSSDC ID2008-015A
SCN32756
Nome veicoloSojuz-TMA
VettoreSojuz-FG
Lancio8 aprile, 2008
11:16:39 UTC
Luogo lanciocosmodromo di Bajkonur (rampa Gagarin)
Atterraggio24 ottobre, 2008
3:37 UTC
Sito atterraggioKazakistan
Parametri orbitali
Orbitaorbita terrestre bassa
Periodo88.5 min
Inclinazione51,64°
Equipaggio
Numero3
MembriSergej Volkov
Oleg Kononenko
Solo lancioYi So-yeon
Solo atterraggioRichard Garriott
Soyuz TMA-12 Crew.jpg
Equipaggio della missione Sojuz TMA-12
programma Sojuz
Missione precedenteMissione successiva
Sojuz TMA-11 Sojuz TMA-13

La Sojuz TMA-12 è stata una missione con equipaggio diretta verso la Stazione Spaziale Internazionale. Ha portato in orbita l'equipaggio Expedition 17.

EquipaggioModifica

Posizione Equipaggio al lancio Equipaggio all'atterraggio
Comandante   Sergej Volkov, Roscosmos
Expedition 17
Primo volo
Ingegnere di volo 1   Oleg Kononenko, Roscosmos
Expedition 17
Primo volo
Partecipante al volo   Yi So-yeon, KARI
Primo volo
  Richard Garriott, SA
Turista
Primo volo

Equipaggio di riservaModifica

Posizione Equipaggio
Comandante   Maksim Suraev, Roscosmos
Ingegnere di volo 1   Oleg Skripočka, Roscosmos
Partecipante al volo   San Ko, KARI

MissioneModifica

La missione è partita dal cosmodromo di Baikonur l'8 aprile 2008 alle ore 13:16 CEST[1] portando in orbita due componenti del diciassettesimo equipaggio della ISS (Volkov e Kononenko) e la prima cosmonauta sudcoreana, Yi So-yeon, che, secondo la NASA, detiene anche il record di più giovane astronauta donna della storia[2]. Un'altra particolarità è rappresentata dal comandante Sergej Volkov, primo astronauta di seconda generazione: suo padre Aleksandr partecipò a tre missioni spaziali tra il 1985 ed il 1992[3].

NoteModifica

  1. ^ Soyuz partita per stazione spaziale, su ansa.it, ANSA. URL consultato il 09-04-2008.
  2. ^ Spazio; lanciata navicella Soyuz, con prima astronauta sudcoreana[collegamento interrotto]. La7. URL consultato il 09-04-2008.
  3. ^ Comandante Soyuz figlio eroe URSS, su ansa.it, ANSA. URL consultato il 09-04-2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica