Apri il menu principale

Solifugae

ordine di animali della classe Arachnida

DescrizioneModifica

Aracnidi di dimensioni medie, con casi eccezionali di esemplari misuranti 12–15 cm di diametro. Hanno corpo marcatamente diviso in prosoma e opistosoma segmentato. Presenti pedipalpi molto lunghi, grandi cheliceri e quattro paia di arti deambulatori. Carattere più eclatante sono i cheliceri estremamente grandi in rapporto alle dimensioni corporee. Predatori attivi, usano i cheliceri per ghermire e stritolare la preda producendo un caratteristico scricchiolio.

BiologiaModifica

Animali adattati alle regioni aride e sabbiose, sono abili scavatori che si rintanano per il riposo, la digestione, per le mute o per l'ibernazione. Sono i più veloci del loro ordine di aracnidi e vivono nelle zone d'ombra (da cui il nome, "che fugge il sole"). Il loro morso è doloroso ma non sono velenosi, anche se si parla di una specie con ghiandole velenifere. Possono raggiungere i 15 cm di diametro in alcuni casi, anche se sul loro conto si sono diffuse svariate leggende metropolitane che li dipingono ben più grandi e molto pericolosi per l'uomo.

Distribuzione e habitatModifica

Comprendono circa 1000 specie divise in 12 famiglie e circa 140 generi. Presenti soprattutto nelle zone aride delle Americhe, dell'Africa e dell'Asia, sono pochissime le specie europee o mediterranee.

In Italia sono presenti solo due specie del genere Biton (Daesiidae), endemiche di Lampedusa[1].

TassonomiaModifica

L'ordine dei Solifugi comprende 12 famiglie:[senza fonte]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Fabio Stoch, Daesiidae, in Checklist of the Italian fauna on-line, 2003. URL consultato il 14 aprile 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Un sito in inglese su questo ordine [1]
  Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi