Clausola solve et repete

(Reindirizzamento da Solve et repete)

Solve et repete, in diritto civile, è una clausola con cui le parti rafforzano il vincolo contrattuale, stabilendo che una di esse non possa opporre eccezioni nell'eseguire la prestazione dovuta, ex art. 1462 c.c.

In altri termini, la parte a carico della quale sarà posta la citata clausola sarà anzitutto obbligata all'adempimento o alla dazione di quanto dovuto (solve), e solo in un secondo momento potrà opporsi, chiedendo indietro quanto in prima battuta dato o versato (repete).

Questa clausola non ha effetto per l'eccezione di annullabilità, nullità e rescissione del contratto.

Il giudice, se accerta l'esistenza di gravi motivi, può sospendere l'obbligazione all'adempimento della prestazione che deriva dalla clausola citata, benché efficace, imponendo, se del caso, una cauzione.[1]

In diritto tributario il principio del solve et repete comportava che il contribuente prima di adire il giudice per contestare un'imposta richiestagli doveva provvedere al pagamento. La Corte Costituzionale con sentenza 29.3.1961, n. 21 ha dichiarato l'incostituzionalità della norma, per contrasto con gli artt. 3, 24 e 113 Cost.

NoteModifica

  1. ^ (ITES) Giuseppe Conte e Sara Landini, Principi, regole, interpretazione. Contratti e obbligazioni, famiglie e successioni: Scritti in onore di Giovanni Furgiuele, Mantova, Universitas Studiorum, 24 novembre 2017, pp. 47-48, ISBN 978-88-99459-77-2, OCLC 1079415322. URL consultato il 23 agosto 2019 (archiviato il 23 agosto 2019).

BibliografiaModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 57109
  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto