Some Great Reward

album dei Depeche Mode del 1984
Some Great Reward
ArtistaDepeche Mode
Tipo albumStudio
Pubblicazione24 settembre 1984
Durata40:18
Dischi1
Tracce9
GenereRock alternativo[1]
Alternative dance[1]
Dance rock[1]
College rock[1]
Synth pop[1]
EtichettaMute Records Regno Unito
Sire Records Stati Uniti
ProduttoreDepeche Mode, Daniel Miller, Gareth Jones
RegistrazioneMusic Works a Londra e Hansa Mischraum a Berlino da gennaio ad agosto 1984
FormatiCD, SACD+DVD, LP, MC
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oroGermania Germania[3]
(vendite: 250 000+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 1 000 000+)
Depeche Mode - cronologia
Album precedente
(1983)
Album successivo
(1985)
Singoli
  1. People Are People
    Pubblicato: 12 marzo 1984
  2. Master and Servant
    Pubblicato: 20 agosto 1984
  3. Blasphemous Rumours/Somebody
    Pubblicato: 29 ottobre 1984

Some Great Reward è il quarto album in studio del gruppo musicale britannico Depeche Mode, pubblicato il 24 settembre 1984 dalla Mute Records.

DescrizioneModifica

L'album denota una sonorità della band che per la prima volta inizia ad essere cupa. Il tono dei testi è in quest'album meno materialista che nel precedente, e ne è la prova il singolo People Are People, che denuncia i pregiudizi e il razzismo. Some Great Reward è il secondo album della trilogia berlinese, caratterizzata da influenze industrial molto popolari in quel periodo nella Germania Ovest che li ospitava. Nella copertina compare la Round Oak Steelworks di Brierley Hill, West Midlands (formerly Staffordshire), Inghilterra.

TracceModifica

Testi e musiche di Martin Lee Gore, eccetto dove indicato.

  1. Something to Do – 3:45
  2. Lie to Me – 5:04
  3. People Are People – 3:52
  4. It Doesn't Matter – 4:45
  5. Stories of Old – 3:12
  6. Somebody – 4:26
  7. Master and Servant – 4:13
  8. If You Want – 4:40 (Alan Wilder)
  9. Blasphemous Rumours – 6:21
Ristampa del 2006

Mute: DM CD 4 (CD/SACD + DVD) / CDX STUMM 19 (CD/SACD)

  • Il disco 1 è un ibrido SACD/CD
  • Il disco 2 è un DVD che include "Some Great Reward" in DTS 5.1, Dolby Digital 5.1 e PCM Stereo, più del materiale bonus
Disco 1
  • Contiene le tracce dell'LP originale
Disco 2 (DVD)
  • Tracce bonus (in DTS 5.1, Dolby Digital 5.1, PCM Stereo)
  1. If You Want (live a Basilea e Liverpool, autunno 1984) – 5:16
  2. People Are People (live a Basilea e Liverpool, autunno 1984) – 4:21
  3. Somebody (live a Basilea e Liverpool, autunno 1984)
  4. Blasphemous Rumours (live a Basilea e Liverpool, autunno 1984) – 5:30
  5. Master And Servant (live a Basilea e Liverpool, autunno 1984) – 5:38
  6. In Your Memory – 4:00 (Alan Wilder)
  7. (Set Me Free) Remotivate Me – 4:16 (Martin Lee Gore)
  8. Somebody (Remix) – 4:19
  • Materiale aggiuntivo
    • "Depeche Mode 84" (You Can Get Away With Anything If You Give It A Good Tune)" (Video di 31 minuti)

CreditiModifica

Depeche ModeModifica

Altro personaleModifica

  • Daniel Miller - produzione, campionamenti, missaggio
  • Gareth Jones - ingegnere del suono, produzione, missaggio
  • Ben Ward - assistente ingegnere del suono
  • Stefi Marcus - assistente ingegnere del suono
  • Colin McMahon - assistente ingegnere del suono
  • Brian Griffin - fotografia
  • Stuart Graham - assistente fotografia
  • Jacqui Frye - stilista
  • Martyn Atkins - design
  • David A. Jones - design
  • Marcx - design

ClassificheModifica

Classifica (1984/85) Posizione
massima
Austria[5] 19
Canada[6] 34
Francia[7] 10
Germania[5] 3
Italia[5] 76
Paesi Bassi[5] 34
Regno Unito[8] 5
Stati Uniti[9] 51
Svezia[5] 7
Svizzera[5] 5

CuriositàModifica

  • Tutte le canzoni sono state scritte da Martin Lee Gore, eccetto If You Want e In Your Memory (traccia bonus della ristampa 2006), scritte da Alan Wilder.
  • È il primo album dove Martin Lee Gore canta due canzoni (It Doesn't Matter e Somebody), mentre negli album precedenti aveva sempre cantato solo una canzone (eccetto in A Broken Frame dove non ne canta alcuna).
  • Il titolo dell'album deriva dalla strofa di una canzone, Lie to me: Make me think that at the end of the day, some great reward will be coming my way.
  • Il 2 ottobre 2006 è uscita la ristampa dell'album, completamente rimasterizzato per l'occasione. La nuova versione oltre alle tracce originali e ad alcune tracce bonus contiene anche un documentario, Depeche Mode 84, dove vengono svelati alcuni particolari interessanti sulla realizzazione dell'album e sugli stessi membri della band. L'album nella ristampa 2006 è disponibile in una versione SACD/CD e DVD; da inizio Marzo 2007 anche in una versione in vinile.
  • È il primo album del gruppo ad aver ottenuto una certificazione negli Stati Uniti.

Tour promozionaleModifica

Per promuovere l'album, il gruppo intraprese il Some Great Reward Tour, partito il 27 settembre 1984 dal Coliseum di Saint Austell, e conclusosi il 30 luglio 1985 alla Torwar Hall di Varsavia. Per quanto riguarda l'Italia, il tour fece tappa nelle seguenti date:

  • 26/11/1984 - Firenze - Teatro Tenda
  • 27/11/1984 - Bologna - Teatro Tenda
  • 28/11/1984 - Milano - Teatro Tenda

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) Some Great Reward, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Some Great Reward, British Phonographic Industry. URL consultato il 9 agosto 2015.
  3. ^ (DE) Depeche Mode, Some Great Reward – Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 9 agosto 2015.
  4. ^ (EN) Depeche Mode, Some Great Reward – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 agosto 2015.
  5. ^ a b c d e f (NL) Depeche Mode - Some Great Reward, Ultratop. URL consultato il 9 agosto 2015.
  6. ^ (EN) Top Albums - October 5, 1985, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 9 agosto 2015.
  7. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, InfoDisc. URL consultato il 9 agosto 2015. Selezionare "DEPECHE MODE" e premere "OK".
  8. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 30 September 1984 - 06 October 1984, Official Charts Company. URL consultato il 9 agosto 2015.
  9. ^ (EN) Depeche Mode Chart History, su Billboard. URL consultato il 9 agosto 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica