Apri il menu principale

Somewhere Out in Space

album dei Gamma Ray del 1997
Somewhere Out in Space
ArtistaGamma Ray
Tipo albumStudio
Pubblicazione25 agosto 1997
Durata63:38
Dischi1
Tracce15
GenereSpeed metal
Power metal
EtichettaNoise Records
Gamma Ray - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(1999)

Somewhere Out in Space è il quinto album della band tedesca Gamma Ray.

L'album continua la "tradizione" dei Gamma Ray di cambiare formazione ad ogni loro nuovo album, ma è anche il primo a presentare la più longeva formazione del gruppo (che durò fino all'addio di Dan Zimmermann nel 2012): vede infatti il debutto in formazione di Dirk Schlächter come bassista stabile (precedentemente era chitarrista della band e aveva suonato il basso solo in alcune tracce di Heading for Tomorrow); segna inoltre l'entrata in formazione del batterista Zimmermann, che sostituisce Thomas Nack, e del chitarrista Henjo Richter.

L'album contiene una cover degli Uriah Heep, Return To Fantasy. È stato ripubblicato nel 2002 (con l'aggiunta di due tracce bonus) e nel 2005.

TracceModifica

Testi e musiche di Kai Hansen, eccetto dove indicato.

  1. Beyond the Black Hole – 6:00 (musica: Hansen, Schlächter, Zimmermann)
  2. Men, Martians and Machines – 3:52
  3. No Stranger (Another Day in Life) – 3:36
  4. Somewhere Out in Space – 5:27
  5. The Guardians of Mankind – 5:02 (Richter)
  6. The Landing – 1:17 (musica: Schlächter)
  7. Valley of the Kings – 3:51
  8. Pray – 4:45 (musica: Schlächter)
  9. The Winged Horse – 7:02 (Richter)
  10. Cosmic Chaos (strumentale) – 0:49 (musica: Zimmermann)
  11. Lost in the Future – 3:40 (musica: Schlächter)
  12. Watcher in the Sky (feat. Piet Sielck) – 5:19 (Hansen, Sielck)
  13. Rising Star – 0:52 (Schlächter)
  14. Shine On – 6:52 (musica: Schlächter)

Bonus track dell'edizione giapponeseModifica

  1. Return to Fantasy (cover degli Uriah Heep) – 5:16 (David Byron, Ken Hensley)

Tracce bonus nell'edizione rimasterizzata del 2002Modifica

  1. Miracle – 7:17
  2. Victim of Changes (Cover dei Judas Priest) – 7:24 (Al Atkins, K.K. Downing, [Rob Halford]], Glenn Tipton)

NoteModifica

  • No Stranger (Another Day in Life) era stata inizialmente proposta a Michael Kiske per un suo album solista, ma il cantante la rifiutò, giudicandola "troppo pesante".
  • Watcher in the Sky era stata registrata originariamente dagli Iron Savior nel loro album di debutto del 1997.
  • Return to Fantasy è presente anche nell'edizione rimasterizzata del 2003.
  • Miracle è presente anche nell'EP Silent Miracles. Si tratta sostanzialmente di un rifacimento della canzone Man on a Mission contenuta nell'album Land of the Free del 1995; ha lo stesso ritornello, testo, struttura e giro di accordi simili, ma è più lenta.
  • Victim of Changes è presente anche nell'EP Valley of the Kings.

FormazioneModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal