Songs About Girls

album di will.i.am del 2007

Songs About Girls è il terzo album di studio di Will.i.am, pubblicato il 21 settembre 2007. Il nome originale dell'album doveva essere "Keep the Beeper". Il primo singolo ad essere pubblicato è stato I Got It From My Mama, come secondo singolo è stato estratto One More Chance e il terzo singolo annunciato è stato Heartbreaker.

Songs About Girls
album in studio
Artistawill.i.am
Pubblicazione21-25 settembre 2007
Durata60:00
Dischi1
Tracce17
GenerePop rap
Elettrorap
EtichettaA&M
Produttorewill.i.am
Polow Da Don
Registrazione2006 - 2007
Certificazioni
Dischi d'oroPolonia Polonia[1]
(vendite: 10 000+)
Russia Russia[2]
(vendite: 10 000+)
will.i.am - cronologia
Album precedente
(2003)
Album successivo
(2012)

TracceModifica

  1. "Over" - 4:00
  2. "Heartbreaker" - 5:30
  3. "I Got It from My Mama" - 4:00
  4. "She's a Star" (Produced by Polow da Don) - 3:50
  5. "Get Your Money" - 5:30
  6. "The Donque Song" (featuring Snoop Dogg) (Produced by Fernando Garibay) - 4:30
  7. "Impatient" (featuring Dante Santiago) - 4:20
  8. "One More Chance" (Produced by Fernando Garibay) - 4:25
  9. "Invisible" (Produced by will.i.am and Paper-Boy) - 4:00
  10. "Fantastic" - 3:25
  11. "Fly Girl" - 4:45
  12. "Dynamite Interlude" - 1:20
  13. "Ain't It Pretty" (Produced by Polow da Don) - 4:35
  14. "Make It Funky" - 4:00
  15. "S.O.S. (Mother Nature)" - 4:20

Bonus tracksModifica

  1. "Spending Money" - 4:00 (Japan/Russia/Germany/Taiwan/Brazil/UK bonus track) (not listed as bonus track in the UK)
  2. "Mama Mia" - 3:40 (Japan/UK bonus track)
  3. "Damn Damn Damn" - 4:30
  4. "will.i.am vs. Superblack" (iTunes preorder only)

SingoliModifica

  1. I Got It From My Mama
  2. One More Chance
  3. Heartbreaker

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica
  1. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, su Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 14 dicembre 2022.
  2. ^ (RU) «ЗОЛОТО» И «ПЛАТИНА» / International 2007, su 2m-online.ru, 2M. URL consultato il 28 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).