Sonic Generations

videogioco del 2011
Sonic Generations
videogioco
Modern e Classic Sonic in Generations.png
Sonic classico e moderno in una scena del gioco
Titolo originaleSonic Generations: White Space-time (console e PC)
Sonic Generations: Blue Adventure
(3DS)
PiattaformaPlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows, Nintendo 3DS
Data di pubblicazionePlayStation 3, Xbox 360:
Giappone 1º dicembre 2011
Flags of Canada and the United States.svg 1º novembre 2011
Zona PAL 4 novembre 2011
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 3 novembre 2011

Windows:
Zona PAL 3 novembre 2011
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 3 novembre 2011
Nintendo 3DS:
Giappone 1º dicembre 2011
Flags of Canada and the United States.svg 22 novembre 2011
Zona PAL 25 novembre 2011
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 24 novembre 2011

GenereAzione, piattaforme
TemaFantascienza
OrigineGiappone
SviluppoSonic Team, Devil's Details, Dimps (3DS)
PubblicazioneSEGA
DirezioneHiroshi Miyamoto, Tetsu Katano (3DS)
ProduzioneTakashi Iizuka
Direzione artisticaSachiko Kawamura
SceneggiaturaKen Pontac, Warren Graff
MusicheJun Senoue
SerieSonic
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad, tastiera, touch screen
Motore graficoHedgehog Engine
Motore fisicoHavok
SupportoBlu-ray Disc, DVD-R DL, DVD, download, scheda di gioco
Distribuzione digitaleSteam, PlayStation Network, Xbox Live, Nintendo eShop
Fascia di etàCEROA · ESRBE · OFLC (AU): G · PEGI: 7 · USK: 6
Preceduto daSonic Colours
Seguito daSonic the Hedgehog 4 Episodio 2
Logo del gioco

Sonic Generations (ソニック ジェネレーションズ Sonikku Jenerēshonzu?) è un videogioco di Sonic uscito nel novembre 2011 per festeggiare il ventesimo anniversario della serie[1][2][3].

Sono state pubblicate versioni per PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows e Nintendo 3DS. Quest'ultima presenta molte differenze dalle altre, a partire dal nome giapponese del titolo che per la versione 3DS è Blue Adventure (青の冒険 Ao no Bōken?, lett. Avventura Blu), mentre per le versioni Playstation 3, Xbox 360 e PC si chiama White Space-time (白の時空 Shiro no Jikū?, lett. Spazio Tempo Bianco).

Il gioco è il primo della saga ad essere stato doppiato in italiano, a differenza dei giochi precedenti che avevano a disposizione solo i sottotitoli in italiano.

TramaModifica

Mesi dopo Sonic Colours, durante i festeggiamenti per il compleanno di Sonic, appare una misteriosa entità nota come Time Eater, che risucchia tutti i partecipanti in dei "buchi temporali", spedendoli in differenti epoche videoludiche. Sonic cerca di fermare il terribile mostro, ma questi lo mette KO facilmente. Dopo aver ripreso conoscenza, Sonic si ritrova in una strana dimensione nota come "White Space", un regno dove tempo e spazio terminano dopo che il colore e la vita vengono risucchiati. Sonic salva Tails ed i due partono alla ricerca dei propri amici, incontrando le proprie versioni più giovani, Sonic classico e Tails classico. Mentre i due Tails scoprono che il Time Eater è un mostro che si nutre di spazio e tempo e sta distruggendo la realtà, i Sonic devono attraversare le varie ere videoludiche cercando di riportare alla normalità il flusso temporale e salvare i propri amici.

Il gruppo scopre che per accedere al portale finale, in cui si nasconde Time Eater, necessita nuovamente dei Chaos Emerald, e per ottenerli i protagonisti si ritroveranno a scontrarsi con i loro vecchi nemici (Metal Sonic nella sua versione classica, Perfect Chaos, Shadow the Hedgehog e Silver the Hedgehog), compreso il perfido e immancabile Dr. Eggman a bordo di colossali creature robotiche (il Death Egg Robot e l'Egg Dragoon); anche quest'ultimo compare in versione classica e Moderna, e misteriosamente quando i due Sonic sconfiggono gli Eggman questi vengono rapiti dal Time Eater.

Dopo aver raccolto tutti gli smeraldi, gli eroi hanno accesso al portale da cui raggiungono il Time Eater, stavolta in forma potenziata, e scoprono la sua vera identità: sotto il suo controllo non vi è altri che Eggman e la sua controparte del passato. Il dottore spiega che vagando nello spazio dopo la precedente sconfitta (in Sonic Colours) si è imbattuto causalmente nella forma primordiale di quella creatura, misteriosa entità con la capacità di modificare tempo e spazio, perciò decise di usarla per cancellare le sue sconfitte e imprigionare i suoi nemici, ma per completarla c'era bisogno di qualcuno intelligente quanto lui: sé stesso. Dopo un iniziale vantaggio del gigantesco mostro sui due Sonic, questi, spinti dagli incoraggiamenti dei loro amici, utilizzano il potere dei sette Chaos Emerald per diventare entrambi Super Sonic. In seguito alla battaglia finale, i due Sonic sconfiggono il Time Eater riportando il mondo alla normalità e tornando tutti, più Sonic e Tails classici, alla festa del compleanno di Sonic. Infine Sonic, Tails e gli altri personaggi salutano le loro controparti classiche mentre tornano nella propria epoca attraversando un portale, augurando loro di divertirsi.

In una scena dopo i titoli di coda si vedono i due Eggman bloccati in una zona senza tempo e senza via d'uscita, finendo con il litigare.

Modalità di giocoModifica

Il gioco presenta una modalità di gioco molto simile agli altri capitoli della serie. Si dovrà viaggiare da zona a zona per raccogliere i Chaos Emerald affrontando vari boss. La particolarità è che si può giocare o con Sonic moderno o con Sonic classico. Dopo aver preso tutti i Chaos Emerald si dovrà affrontare Time Eater.

LivelliModifica

Il gioco si divide in nove livelli nelle versioni Xbox 360, PS3 e PC e sette in quella 3DS.

I livelli sono divisi in ere che definiscono un determinato periodo temporale della serie, in ordine sono era Classica, era Intermedia ed era Moderna.

Versioni Xbox 360, PS3 e PCModifica

  • Green Hill (era Classica): è la prima ad apparire nel gioco La fase consiste in un variopinto paradiso terrestre caratterizzato da palme lussureggianti, colorati fiori esotici, cascate e laghi blu ed un particolare suolo a quadri marroni. Apparsa originariamente in Sonic the Hedgehog.
  • Casino Night (era Classica): è la seconda fase ed è ambientata in un casinò completo di flipper e slot machine nei quali il giocatore può far entrare Sonic rimanendo appallottolato. Entrando nelle slot si ha la possibilità di vincere degli anelli aggiuntivi a seconda delle figure che escono. Apparsa originariamente in Sonic the Hedgehog 2.
  • Sky Sanctuary (era Classica): è la terza fase caratterizzata da antiche rovine fluttuanti tra le nuvole. Apparsa originariamente in Sonic the Hedgehog 3 & Knuckles. La Battaglia Rivale si tiene contro Metal Sonic a Stardust Speedway (Bad Future) mentre quella Boss contro il Death Egg Robot a Death Egg Zone.
  • Speed Highway (era Intermedia): è la quarta fase, è situata in una città dove il giocatore dovrà attraversare lunghi percorsi alternati tra autostrade e grattacieli. Apparsa originariamente in Sonic Adventure.
  • City Escape (era Intermedia): è la quinta fase, similmente alla precedente prende luogo anche essa in una città, ma questa volta le strade sono perlopiù in discesa, in modo simile a quelle della città di San Francisco. Apparsa originariamente in Sonic Adventure 2.
  • Seaside Hill (era Intermedia): è la sesta fase, è collocata su una spiaggia dove risiedono delle antiche rovine bianche che mettono in comunicazione diverse isole. Apparsa originariamente in Sonic Heroes. La Battaglia Rivale si tiene contro Shadow the Hedgehog a Final Rush mentre quella Boss contro Perfect Chaos a Station Square distrutta.
  • Crisis City (era Moderna): è la settima fase, presenta come scenario una città futuristica in rovina, con numerose pozze di lava e nemici di fuoco. Apparsa originariamente in Sonic the Hedgehog.
  • Rooftop Run (era Moderna): è l'ottava fase, prende atto in una cittadina dove Sonic dovrà attraversare il percorso passando tra una casa ed un'altra sfruttando i tetti. Apparsa originariamente in Sonic Unleashed.
  • Planet Wisp (era Moderna): è la nona ed ultima fase, è situata sul pianeta alieno dei Wisp che però è stato sottomesso dagli enormi cantieri del Dr. Eggman. Apparsa originariamente in Sonic Colours. La Battaglia Rivale si tiene contro Silver the Hedgehog a Crisis City mentre quella Boss contro l'Egg Dragoon ad Eggmanlandia. Lo scontro finale invece si svolge contro il Time Eater al Centro del Tempo.

Versione 3DSModifica

  • Green Hill (era Classica): è la prima ad apparire nel gioco La fase consiste in un variopinto paradiso terrestre caratterizzato da palme lussureggianti, colorati fiori esotici, cascate e laghi blu ed un particolare suolo a quadri marroni. Apparsa originariamente in Sonic the Hedgehog. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald verde.
  • Casino Night (era Classica): è la seconda fase ed è ambientata in un casinò completo di flipper e slot machine nei quali il giocatore può far entrare Sonic rimanendo appallottolato. Entrando nelle slot si ha la possibilità di vincere degli anelli aggiuntivi a seconda delle figure che escono. Apparsa originariamente in Sonic the Hedgehog 2. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald viola.
  • Mushroom Hill (era Classica): è la terza fase, è situata in una foresta piena di enormi funghi che possono essere usati per rimbalzarci sopra. Apparsa originariamente in Sonic & Knuckles. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald giallo. La Battaglia Rivale si tiene contro Metal Sonic a Casino Night mentre quella Boss con Big Arm a Launch Base.
  • Emerald Coast (era Intermedia): è la quarta fase, si tratta di una pittoresca spiaggia. Apparsa originariamente in Sonic Adventure. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald blu.
  • Radical Highway (era Intermedia): è la quinta fase, si tratta di una zona simile in aspetto al Golden Gate Bridge di San Francisco ambientata in piena notte. Apparsa originariamente in Sonic Adventure 2, sebbene Sonic non l'abbia mai attraversata nel gioco originale, dato che al suo posto era presente Shadow. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald rosso. La Battaglia Rivale si tiene contro Shadow the Hedgehog a Radical Highway mentre quella Boss contro la Biolizard a Cannon's Core.
  • Water Palace (era Moderna): è la sesta fase, si svolge in un villaggio caratterizzato da edifici e strutture bianche poste su un grande specchio d'acqua. Apparsa originariamente in Sonic Rush. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald azzurro.
  • Tropical Resort (era Moderna): è la settima ed ultima fase, si trova in enorme parco divertimenti futuristico situato nello spazio, dal quale è possibile vedere la Terra. Apparsa originariamente in Sonic Colours. Nella Sfida Emerald! si può ottenere il Chaos Emerald grigio. La Battaglia Rivale si tiene contro Silver the Hedgehog a Tropical Resort mentre quella Boss contro l'Egg Emperor a Final Fortress. Lo scontro finale invece si svolge contro il Time Eater al Centro del Tempo.

DoppiaggioModifica

Sonic Generations è stato il primo capitolo della serie ad essere doppiato anche in italiano, oltre che in giapponese ed in inglese come avvenuto da Sonic Adventure in poi.

PersonaggiModifica

Personaggi Doppiatore originale Doppiatore americano Doppiatore italiano
Sonic Jun'ichi Kanemaru Roger Craig Smith Renato Novara
Tails Ryō Hirohashi (Moderno)
Takuto Yoshinaga (Classico)
Kate Higgins Benedetta Ponticelli
Knuckles Nobutoshi Canna Travis Willingham Maurizio Merluzzo
Dr. Eggman Chikao Ōtsuka Mike Pollock Aldo Stella
Shadow Kōji Yusa Kirk Thornton Maurizio Merluzzo (1ª voce)[N 1]
Riccardo Lombardo (2ª voce)[N 2]
Amy Rose Taeko Kawata Cindy Robinson Serena Clerici
Rouge Rumi Ochiai Karen Strassman Jasmine Laurenti
Cream Sayaka Aoki Michelle Ruff Sabrina Bonfitto
Silver Daisuke Ono Quinton Flynn Davide Albano
Blaze Nao Takamori Laura Bailey Tania De Domenico
Vector Kenta Miyake Keith Silverstein Diego Sabre
Espio Yūki Masuda Troy Baker Silvio Pandolfi
Charmy Yōko Teppōzuka Colleen O'Shaughnessey Emanuela Pacotto
Omochao Etsuko Kozakura Laura Bailey Sabrina Bonfitto

SviluppoModifica

Sonic Generations fu presentato per la prima volta nel corso dell'aprile 2011 con alcuni trailer pubblicati su Internet[4]. Alcune demo del gioco furono rese disponibili all'E3 2011[5][6] ed al New York Comic Con. L'idea che stava alla base del gioco fu poi svelata con una serie di interviste agli sviluppatori i quali spiegarono che le intenzioni del team di sviluppo erano quelle di proporre un gioco che sapesse rielaborare i migliori elementi tipici della serie in 2D con quelli più moderni come nelle fasi di giorno di Sonic Unleashed[4].

Collector's EditionModifica

Il gioco è stato venduto anche in un'edizione Collector's Edition contenente oltre al gioco un anello d'oro di Sonic numerato, un artbook intitolato "Venti anni di storia", la colonna sonora del ventesimo anniversario, il documentario "Storia di Sonic: la nascita di un'icona", le statuette di Sonic Classico e Sonic Moderno ed infine alcuni contenuti scaricabili esclusivi[7].

AccoglienzaModifica

Recensioni professionali
Testata Versione Giudizio
Metacritic (media al 10-05-2020) PS3 76/100[8]
X360 77/100[9]
PC 77/100[10]
3DS 66/100[11]
GameRankings (media al 09-12-2019) PS3 79.29%[12]
X360 78.67%[13]
PC 78.43%[14]
3DS 69.50%[15]
IGN PS3, X360 8.5/10[16]
Famitsū PS3, X360 35/40[17]
PlayStation Official Magazine PS3 8/10[18]
Eurogamer PS3, X360 7/10[19]
Win Magazine PS3, X360, PC, 3DS 24/40[20]
Play Generation PS3 82/100[21]

Il gioco ha ricevuto delle opinioni positive dalla critica. Il sito americano IGN ha dato al gioco un 8,5/10, lodando il gameplay e il design dei livelli[16]. La rivista giapponese Famitsū ha dato 35/40 al gioco[17], mentre PlayStation Official Magazine[18] e il sito Eurogamer un 7/10[19]. Alcuni critici l'hanno reputato come uno dei migliori giochi della serie[22]. Sonic Generations ha anche goduto di un ottimo successo commerciale, vendendo dal 2014 oltre 3 milioni di copie superando sia Sonic Colours che Sonic Unleashed[23].

La rivista Win Magazine diede a tutte le versioni un punteggio di 24/30[20]. Play Generation valutò invece quella uscita su PlayStation 3 dandogli 82/100, apprezzando il design dei livelli ben congegnato tale da renderlo "una vera festa per i fan di Sonic", ma come contro la presenza di alcuni rallentamenti ed i tempi di caricamento eccessivi, finendo per trovarlo un platform game che riproduce tutti gli elementi tipici della saga, considerandolo "perfetto" per gli appassionati del genere[21]. La stessa testata lo classificò in seguito come il terzo migliore titolo platform del 2011[24] e considerò la demo come una delle migliori disponibili su PlayStation Network nel gennaio 2012[25]. Marco Esposto di IGN trovò alcune imperfezioni in termini di pulizia del gameplay ed i tempi di caricamento a volte un po' troppo lunghi, tuttavia il titolo riusciva ad essere decisamente appagante per i fan della serie[26].

NoteModifica

Annotazioni
  1. ^ Voce utilizzata esclusivamente nella battaglia contro il personaggio nelle versioni per console e PC.
  2. ^ Voce utilizzata esclusivamente nelle scene del gioco e nella versione per 3DS.
Fonti
  1. ^ I 20 anni di Sonic, in Play Generation, n. 67, Edizioni Master, giugno 2011, p. 7, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  2. ^ Vent'anni di Sonic festeggiati a velocità massima!, in AnimeClick.it, 8 settembre 2011. URL consultato il 9 settembre 2019.
  3. ^ (EN) David Daw, Sonic the Hedgehog, This Is Your Life, su PC World, 22 giugno 2011. URL consultato il 26 settembre 2019.
  4. ^ a b La doppia identità di Sonic, in Idea Web, n. 122, Edizioni Master, agosto 2011, p. 79.
  5. ^ Sonic Generations, in Play Generation, n. 69, Edizioni Master, agosto 2011, p. 15, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  6. ^ (EN) Ryan Clements, E3 2011: Sonic Generations -- Running Down Memory Lane, in IGN, 9 giugno 2011. URL consultato il 9 settembre 2019.
  7. ^ Sonic Generations, in Play Generation, n. 74, Edizioni Master, Natale 2011, pp. 31, 71, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  8. ^ (EN) Sonic Generations for PlayStation 3 Reviews, su Metacritic. URL consultato il 10 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Sonic Generations for Xbox 360 Reviews, su Metacritic. URL consultato il 10 maggio 2020.
  10. ^ (EN) Sonic Generations for PC Reviews, su Metacritic. URL consultato il 10 maggio 2020.
  11. ^ (EN) Sonic Generations for 3DS Reviews, su Metacritic. URL consultato il 10 maggio 2020.
  12. ^ (EN) Sonic Generations for PlayStation 3, su GameRankings. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  13. ^ (EN) Sonic Generations for Xbox 360, su GameRankings. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  14. ^ (EN) Sonic Generations for PC, su GameRankings. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  15. ^ (EN) Sonic Generations for 3DS, su GameRankings. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  16. ^ a b (EN) Jack DeVries e Brian Altano, Sonic Generations Review, su IGN, 29 ottobre 2011. URL consultato il 10 marzo 2020.
  17. ^ a b Kevin Gifford, Japan Review Check: Mario Kart 7, Sonic Generations, su 1UP.com, 22 novembre 2011. URL consultato il 19 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2016).
  18. ^ a b (EN) Phil Iwaniuk, Sonic Generations review, in PlayStation Official Magazine, Future Publishing, 31 ottobre 2011. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2013).
  19. ^ a b (EN) Tom Bramwell, Sonic Generations Review, su Eurogamer, 2 novembre 2011. URL consultato il 19 marzo 2020.
  20. ^ a b Veloci acrobazie in blu! (JPG), in Win Magazine, n. 161, Edizioni Master, gennaio 2012, p. 33, ISSN 1128-5923 (WC · ACNP).
  21. ^ a b Sonic Generations, in Play Generation, n. 74, Edizioni Master, Natale 2011, pp. 70-71, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  22. ^ (EN) Sonic Generations Review, su GameTrailers. URL consultato il 27 agosto 2015.
  23. ^ (ES) Olga Cid, Las sagas más vendidas de la historia - Especial - Sonic, su Vandal Videojuegos, 30 aprile 2014. URL consultato il 27 agosto 2015.
  24. ^ Scegli i migliori del 2011!, in Play Generation, n. 78, Edizioni Master, aprile 2012, p. 26, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  25. ^ Le migliori Demo, in Play Generation, n. 75, Edizioni Master, gennaio 2012, p. 69, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  26. ^ Marco Esposto, La storia e l'evoluzione di Sonic the Hedgehog: dal Mega Drive a oggi, su IGN, 7 dicembre 2019. URL consultato l'8 maggio 2020.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb16635218g (data)
  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi