Sonic the Hedgehog

personaggio immaginario, protagonista nella serie videoludica di SEGA omonima
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Sonic the Hedgehog (disambigua).
Sonic the Hedgehog
Modern e Classic Sonic in Generations.png
Sonic classico[N 1] e moderno[N 2] in Sonic Generations
UniversoSonic the Hedgehog
Nome orig.ソニック ・ザ・ヘッジホッグ (Sonikku za Hejjihoggu)
Lingua orig.Giapponese
Autori
StudioSonic Team
EditoreSEGA
1ª app.1991
1ª app. in
Voce orig.Jun'ichi Kanemaru (da Sonic Adventure)
Vedi doppiaggio per gli altri
Voce italianaRenato Novara (da Sonic Generations a Sonic - Il film )
SpecieRiccio
SessoMaschio
Luogo di nascitaChristmas Island (Isola di Natale)
Data di nascita23 giugno 1991
PoteriVelocità supersonica e numerose abilità variabili a seconda del gioco

Sonic the Hedgehog (ソニック・ザ・ヘッジホッグ Sonikku za Hejjihoggu?), letteralmente Sonic il riccio, è un personaggio immaginario, appartenente alla serie videoludica nipponica Sonic.

Il suo nome deriva dalla parola inglese "sonico": infatti è un riccio che può superare la velocità del suono. Sonic the Hedgehog è il protagonista dell'omonima serie di videogiochi ed è stato introdotto per la prima volta in Rad Mobile sotto forma di cameo[1][2]; di seguito apparve in Sonic the Hedgehog per il Sega Mega Drive il 23 giugno 1991 come giocabile.

Sonic è l'attuale mascotte della casa videoludica giapponese SEGA, creato nel 1991 quando la casa madre, con l'avvento delle console a 16 bit, decise di ideare una nuova serie videoludica capace di vendere milioni di copie, sostituendo la serie di videogiochi di Alex Kidd, considerata la mascotte non ufficiale della SEGA, con una nuova serie di punta.

Naoto Ōshima, Hirokazu Yasuhara e Yūji Naka[3] crearono e svilupparono il personaggio in tutte le sue caratteristiche, conferendogli un'immagine fresca e innovativa che contrastasse quella di Nintendo e della loro mascotte Mario. Da allora Sonic, con oltre ottanta milioni di copie vendute nel mondo, è divenuto una delle icone videoludiche più famose. Nel 2005 nella Walk of Game Sonic è risultato tra i più importanti personaggi dei videogiochi del suo genere assieme a Mario e Link[4]. Dal 2014 la serie è il settimo franchise videoludico più venduto al mondo, con oltre 140 milioni di unità[5] e dal 2016 ha venduto più di 350 milioni di copie.

CreazioneModifica

La creazione del riccio blu nacque quando SEGA era alla ricerca di una nuova serie videoludica di punta per competere con la Nintendo, la cui serie di punta era ed è Mario, e per sostituire Alex Kidd, considerato la mascotte non ufficiale dell'azienda. Tra i vari design che vennero proposti figurarono un armadillo (che in seguito venne riutilizzato per lo sviluppo di Mighty the Armadillo), un cane, un sosia di Theodore Roosevelt in pigiama (che divenne la base del design di Eggman), e una lepre[6][7].

Successivamente, Naoto Ōshima diede origine ad un riccio di colore verde acqua, inizialmente noto come Needlemouse, il quale venne scelto come personaggio rappresentativo. Gli sviluppatori dell'azienda ricolorarono il riccio in blu per marketing, per abbinare il colore a quello del logo SEGA, ispirandosi successivamente anche a dei personaggi reali, ad esempio per quanto riguarda le sue scarpe, le quali sono un design ispirato a stivali che Michael Jackson indossava nell'album del 1987 Bad; la sua personalità, l'atteggiamento e il tono di voce furono un omaggio al presidente degli Stati Uniti Bill Clinton anche se dal 1998 ad oggi sono molto cambiate[6][8][9]. Sonic non sa nuotare a causa di un presupposto sbagliato da Yuji Naka che tutti i ricci non potevano farlo, finché non vide la foto di un riccio che nuotava in una piscina. Dal 1998 ad oggi, da quando la sua personalità è stata meglio definita, Sonic stesso afferma di non amare l'acqua oltre a non saper nuotare.

Nei concept iniziali, oltre ad avere un aspetto più vispo dalle forme arrotondate, faceva parte di una band e aveva una ragazza umana di nome Madonna. Tuttavia, un team di SEGA of America ha addolcito il personaggio per un pubblico americano dato che era adatto soltanto per un pubblico giapponese, eliminando questi elementi[10]. Sonic è alto 100 cm e pesa 35 kg; ha 15 anni[11]. Il design originale del personaggio da Naoto Oshima era con aculei corti, un corpo rotondo, le iridi degli occhi non visibili, e come abbigliamento dei guanti bianchi e scarpe rosse con una stringa bianca tenuta da una fibbia dorata. L'immagine con questo motivo è stato disegnato da Akira Watanabe e posto sul boxart del gioco Sonic the Hedgehog per Sega Mega Drive, e nella maggior parte dei successivi videogiochi Sonic è caratterizzato da un aspetto simile. Nel seguito Sonic the Hedgehog 2 le proporzioni di Sonic sono cambiate, l'originale 1:2 al rapporto di altezza è cambiato in 1:2,5[12].

Nel 1998 Yuji Uekawa (creatore e attuale disegnatore degli altri personaggi principali), curò il restyling del personaggio ridisegnandolo dal carattere più adulto, con il corpo e le gambe più slanciate, aculei più sparati e gli occhi di colore verde dandogli un aspetto più nipponico[13].

Il personaggioModifica

ProfiloModifica

Sonic the Hedgehog è un porcospino blu che vive sul pianeta Terra ma alternativo al nostro, che grazie alla sua velocità, la sua confidenza e il suo coraggio, è sempre in cerca di una nuova avventura. Il nostro eroe è sempre aiutato dal suo fido compagno Miles "Tails" Prower e da altri suoi conoscenti come a volte Knuckles the Echidna e il suo arci-nemico è il perfido Dr. Eggman.

Una battuta tipica del porcospino antropomorfo è "Long time no see!", letteralmente "È da un po' che non ci vediamo!" o "Chi non muore si rivede!", infatti la utilizza spesso quando si imbatte in qualche suo conoscente o anche rivale, tipico del porcospino blu è anche l'indice alzato, quasi, se non sempre usato.

Sonic ama essere al centro dell'attenzione ed è molto simpatico e gentile. Dotato di animo buono e spirito di avventura, Sonic sarà sempre alla ricerca di salvare il mondo dalle minacce circostanti, ovviamente insieme ai suoi compagni di avventure.

Carattere e indoleModifica

Sonic è carismatico, simpatico e ottimista e ha una personalità che riflette la sua positività. Infatti, vive sempre alla giornata e trascorre i suoi giorni con ottimismo. È appassionato di avventura ed è sempre in cerca di una nuova sfida e un nuovo trionfo.

Non si tira mai indietro e non si arrende, perché ha un incrollabile fiducia in se stesso. A Sonic non piace l'acqua, perché non sa nuotare, e va matto per i chili dog, il suo cibo preferito. Adora inoltre andare sempre più veloce, e divertirsi in ogni situazione pericolosa.

Abilità caratteristicheModifica

Come suggerisce lo stesso nome, è noto per la sua super velocità, che lo rende dinamico e scattante nei livelli di gioco. Caratteristica del personaggio è infatti sempre stata sin dal primo capitolo quella di correre tra le trappole ed eliminare i nemici di gioco a gran velocità. La sua velocità infinita oltre a farlo correre veloce, gli permette anche di pensare più velocemente, percepire i pericoli più velocemente del normale, svolgere compiti e imparare nuove cose molto rapidamente e anche aumentare la potenza dei suoi colpi caricandoli a massima velocità. Altre abilità sono l'Attacco a Ricerca (Homing Attack) che gli permette di attaccare i suoi avversari all'istante eseguendo delle combo e l'attacco rotante, con cui può caricare verso il nemico e lanciarsi sfruttando la sua energia cinetica. Sonic è anche molto agile, ed è molto abile nel combattimento grazie alla sua rapidità, sapendo tirare soprattutto calci per lottare (essendo abituato a usare le gambe) e caricando i nemici con il suo Spin Dash ("Scatto avvitato" nell'adattamento italiano) attacco che deriva dalla sua velocità e gli consente di Ruotare sul posto per caricare e sfrecciare a grande velocità contro i nemici, rampe, acceleratori, giri della morte e ostacoli. Un'altra abilità unica del porcospino blu super luminale, è il Turbo (Speed Boost o Speed Dash), che permette a Sonic di scattare e fare super accelerazioni fino addirittura a rompere il muro del tempo e sbaragliare gli avversari e distruggerli con potenti combo.

Design e look del personaggioModifica

Nel design del personaggio usato dal 1998 in Sonic Adventure, il porcospino è stato ridisegnato con un carattere più adulto, il corpo e le gambe più slanciate e gli occhi di colore verde dandogli un aspetto più realistico per i giochi[13]. Questa controparte è detta Sonic Moderno (Modern Sonic) e ha interagito con la sua controparte classica (Classic Sonic) in Sonic Generations. Nei videogiochi Sonic ha 15 anni, nei fumetti spin-off dell'Archie Comics, invece, ne ha 17.

Nella serie animata Sonic Underground sa suonare una chitarra elettrica che può usare come un Laser.

Nel gioco Sonic Boom e nella serie televisiva omonima, il personaggio ha subito un nuovo design: le braccia beige sono diventate blu come il resto del corpo, porta delle fasce sportive attorno alle mani e alle scarpe (come un giocatore di football americano[14]), e indossa un foulard marrone sul collo.

TrasformazioniModifica

Oltre alle sopra citate abilità, Sonic the Hedgehog può usare a piacimento l'energia degli Smeraldi del Caos che, una volta riuniti tutti e 7, gli permettono di trasformarsi accrescendo la propria energia e potenza.

Tale trasformazione fa di lui Super Sonic (スーパーソニック Sūpā Sonikku?)[15]. Egli in questo stato acquisisce poteri inimmaginabili (tra cui la capacità di volare): assumendo sembianze dorate è avvolto da un'aura che sprigiona la sua quasi invulnerabile potenza[16] (simile al Super Saiyan di Dragon Ball[17]). Il personaggio non è l'unico a godere di tale trasformazione, infatti, i personaggi Shadow the Hedgehog, Silver the Hedgehog, Knuckles the Echidna e Miles "Tails" Prower, raccolti i sette Smeraldi del Caos, assumono caratteristiche simili a quelle di Super Sonic.

Nella serie animata Sonic X, oltre a saper gestire la Super Trasformazione, Sonic seppur inconsciamente sprigiona per la prima volta una trasformazione alternativa, rendendolo più aggressivo e incontrollabile: diviene Dark Sonic[N 3][18] (noto anche come Dark Super Sonic) che, come suggerisce il nome, è la controparte oscura di Super Sonic[19]. Le troppe emozioni negative e i risentimenti nei confronti dei suoi nemici giurati hanno creato le condizioni necessarie per la trasformazione oscura, mentre la forza incontrollabile viene alimentata dalla sua furia devastante[19].

 
I sette Smeraldi del Caos

Esistono tuttavia molteplici trasformazioni di Sonic descritte nella serie a fumetti Sonic the Hedgehog, che variano dalle più pure alle più oscure, a seconda delle situazioni. Le varie trasformazioni apparse sono (in ordine di purezza) Hyper Sonic (ハイパーソニック Haipā Sonikku?)[20], Ultra Sonic[21], Super Sonic[20], Darkspine Sonic (ダークスパインソニック Dākusupain Sonikku?)[20], Dark Sonic[19][20], Excalibur Sonic (エクスカリバーソニック Ekusukaribā Sonikku?)[20] e altre come Solar Sonic[22], Eco Sonic[22], Polar Sonic[22], e Sonic the Werehog (ソニック・ザ・ウェアホッグ Sonikku za Weahoggu?)[23][24] (noto anche come Werehog Sonic[20]).

La trasformazione di Sonic più famosa è Super Sonic in quanto è apparsa in gran parte dei videogiochi della serie[20], altre forme sono apparse esclusivamente in alcuni giochi come Hyper Sonic che appare solamente in Sonic 3 & Knuckles[20][25], Darkspine Sonic appare solamente in Sonic e gli Anelli Segreti[20], Sonic the Werehog (o Werehog Sonic) appare solamente in Sonic Unleashed[20][23][24] e nel breve film d'animazione Sonic: Night of the Werehog, Excalibur Sonic in Sonic e il Cavaliere Nero[20], le altre forme Ultra Sonic[21], Eco Sonic[22], Solar Sonic[22] e Polar Sonic[22] sono apparse in esclusiva nella serie a fumetti Sonic the Hedgehog dell'Archie Comics. La trasformazione Dark Sonic è apparsa in esclusiva nell'anime Sonic X nell'episodio 67 della terza stagione[19][20].

Un'altra trasformazione apparsa esclusivamente nella serie a fumetti è Mecha Sonic, ovvero Sonic trasformato in robot da Eggman nel fumetto numero 39; nonostante ciò, Knuckles the Echidna si fa robotizzare volontariamente da altri compagni di Sonic trasformandosi in Mecha Knuckles, e dopo aver affrontato Mecha Sonic e averlo battuto, entrambi si fanno derobotizzare[26]. La trasformazione in Mecha Sonic avviene anche nel numero 118 dopo essersi fatto robotizzare di proposito insieme a Miles "Tails" Prower (che diventa Mecha Tails) dai Bem, una razza aliena, per affrontare Eggman[27].

La forma Super compare anche nella serie a fumetti Sonic the Comic della Fleetway, dove ha subito un'incarnazione totalmente diversaː sebbene Sonic abbia sempre lo stesso aspetto dell'originale, diventa malvagio, sadico e con il gusto di uccidere. Tale trasformazione avviene se Sonic è stressato o si espone agli Smeraldi[28]. Per riconoscerla, molti fan l'hanno ribattezzata Fleetway Sonic.

DoppiaggioModifica

La prima voce di Sonic fu di Takeshi Kusao[29], che lo doppiò nei giochi Waku Waku Sonic Patrol Car, SegaSonic Cosmo Fighter Galaxy Patrol e SegaSonic the Hedgehog usciti in sala giochi corrispettivamente nel 1991 per il primo titolo e nel 1993 invece per i restanti due.

In Sonic CD, il personaggio venne doppiato attraverso delle piccole clip vocali da Keiko Utoku[30]. Nel titolo pronuncia solo due frasi: la prima è "I'm outta here!", che tradotto significa "Me ne vado da qui!", la quale viene esclamata quando il personaggio viene lasciato fermo per tre minuti consecutivi e la seconda è "1-UP" che viene pronunciata quando il giocatore ottiene una vita extra.

 
Jaleel White nel 2010

La prima voce americana del personaggio invece compare solamente nel 1993, dove Jaleel White lo doppia nelle serie animate: Le avventure di Sonic, Sonic the Hedgehog SatAM e Sonic Underground[31]. Nella versione giapponese delle prime due serie animate, Le avventure di Sonic e Sonic the Hedgehog SatAM, il protagonista viene doppiato da Kappei Yamaguchi[32] mentre in Sonic Underground viene doppiato da Keiko Toda.

Nel film OAV, Sonic the Hedgehog: The Movie del 1996, Sonic viene doppiato corrispettivamente da Masami Kikuchi nella versione giapponese[33] e da Martin Burke nella versione americana[34]. Nel titolo educativo per i computer basati su Microsoft Windows, Sonic's Schoolhouse, Sonic viene doppiato da Meg Inglima[35].

Dal gioco Sonic Adventure uscito nel 1998, Sonic possiede finalmente un doppiatore vero e proprio, ovvero Jun'ichi Kanemaru, che lo doppiò anche nella versione giapponese dell'anime Sonic X[36] e della serie animata Sonic Boom[37]. Quando il personaggio assume la forma di Werehog in Sonic Unleashed e nel cortometraggio Sonic: Night of the Werehog viene invece interpretato da Tomokazu Seki. Il doppiatore principale del riccio blu fu Ryan Drummond nelle versioni americane dei vari videogiochi. Ryan Drummond doppiò Sonic in Sonic Adventure, Sonic Shuffle, Sonic Adventure 2, Sonic Battle, Sonic Heroes, Sega Superstars e Sonic Advance 3[38].

Dal 2005 Ryan Drummond fu sostituito con Jason Griffith che iniziò a doppiare il riccio blu nelle versioni americane di Sonic X e dei videogiochi Shadow the Hedgehog e Sonic Rush, così facendo ottenne il posto come voce ufficiale di Sonic fino al 2010[39]. Nel 2010, SEGA decise di cambiare i doppiatori dei vari personaggi sostituendo Jason Griffith con Roger Craig Smith, sua voce attuale a partire dai giochi Sonic Free Riders e Sonic Colours[40]. Nel film Sonic - Il film viene doppiato da Ben Schwartz.

Sonic è doppiato in lingua italiana da Jerry Calà nei primi spot televisivi, da Pietro Ubaldi nelle serie animate Le avventure di Sonic[41], Sonic the Hedgehog SatAM e Sonic Underground[42], da Fabrizio Vidale nell'anime Sonic X[43], da Renato Novara da Sonic Generations[44] e nei videogiochi successivi, e da Daniele Raffaeli nella serie animata Sonic Boom. Viene inoltre doppiato da Francesco Pezzulli nei film d'animazione Disney, Ralph Spaccatutto del 2012[45] e Ralph spacca Internet del 2018[46].

PopolaritàModifica

Nintendo Power ha elencato Sonic come la sesta più grande icona dei videogiochi[47]. Nel 2004, il personaggio ha vinto un Golden Joystick come "The Sun Gaming Ultimate Hero"[48]. Il 21 ottobre 2008, Sonic è stato votato come il più popolare personaggio dei videogiochi nel Regno Unito con un voto del 24% su 500 persone, mentre il suo vecchio rivale Mario è arrivato secondo con il 21% dei voti[49][50]. In seguito, alla fine del 2008, la MSN ha tenuto un sondaggio su chi fosse il più iconico personaggio dei videogiochi, e Sonic è stato classificato #1, mentre Mario e Lara Croft sono stati votati meno in seconda e in terza posizione, rispettivamente[51]. Nel 2011, Empire lo ha classificato come il 14° più grande personaggio videoludico[52], ed è stato votato 10° nella Top 50 dei personaggi dei videogiochi migliori di tutti i tempi nel Guinness dei primati del 2011[53]. Ken Balough, brand manager associato di SEGA, descrisse il personaggio come "Una leggenda di gioco, prima di tutto, che ha avuto origine da una serie che ha definito una nuova generazione nella storia dei videogiochi, e la sua personalità iconica è l'epitome di velocità nei primi anni '90, spingendo i limiti di quello che i giocatori sapevano e aspettavano dall'azione ad alta velocità e giochi platform"[54].

ApparizioniModifica

VideogiochiModifica

PrincipaliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Sonic (serie) e Lista dei videogiochi di Sonic.

Dal 1991 al 2018, Sonic è apparso come protagonista in oltre una sessantina di titoli usciti per differenti piattaforme, tra cui arcade e portatili. La maggior parte dei titoli sono platform, ma non mancano presenze nei generi sportivo (in particolare simulatori di guida), d'avventura dinamica, azione, di ruolo o educativo, oltre che ad un cupo spin-off sparatutto in terza persona.

L'esordio videoludico del personaggio è stato in un gioco di corse automobilistiche, Rad Mobile, semplicemente sotto forma di un deodorante per ambienti in una delle auto[2][55]. In seguito apparve in un gioco a piattaforme con lui protagonista, Sonic the Hedgehog per il Sega Mega Drive e Sega Genesis, che ha introdotto anche la sua nemesi Dr. Robotnik. Il suo celebre amico volpe a due code Miles "Tails" Prower lo raggiunse nel 1992, nel sequel del gioco, Sonic the Hedgehog 2 (8-bit). Sonic the Hedgehog CD, uscito nel 1993, ha introdotto la sua presunta fidanzata, Amy Rose, e il ricorrente clone robotico Doppelgänger, Metal Sonic. Già ad allora il personaggio era noto per la super-velocità e la disponibilità di salvare il pianeta. In Sonic the Hedgehog 3 e il suo sequel diretto Sonic & Knuckles, entrambi pubblicati nel 1994, prevedevano nuovamente Sonic e Tails in una nuova battaglia contro Robotnik, con la minaccia supplementare di Knuckles the Echidna, ingannato da Robotnik, il quale gli ha fatto credere che i due sono la vera minaccia. Sonic the Hedgehog 4 (2010-2012) e un gioco diviso in due capitoli che continua da dove era stato interrotto il terzo capitolo, riducendo Sonic come l'unico personaggio giocabile. Il secondo episodio vede il ritorno del riccio insieme a Tails come compagno, e Metal Sonic come nemico ricorrente.

Altri platform bidimensionali con protagonista di Sonic sono di Sonic Chaos (1993), Sonic Triple Trouble (1994), Sonic Blast (1996), Sonic the Hedgehog Pocket Adventure (1999), Sonic Advance (2001), Sonic Advance 2 (2002), Sonic Advance 3 (2004), Sonic Rush (2005), Sonic Rush Adventure (2007) e Sonic Colours (DS, 2010), tutti pubblicati per le console portatili.

Sonic Adventure (1999) è stato il ritorno del personaggio in un gioco importante. Ha infatti caratterizzato Sonic in ritorno dalle vacanze per salvare la città, sotto attacco da un nuovo nemico chiamato Chaos, sotto il controllo di Robotnik (ora conosciuto come Dr. Eggman). È stato anche il primo gioco di Sonic ad essere caratterizzato da un completo voice-over. Sonic Adventure 2 (2001) ha posto un Sonic on-the-Run, contro un cattura da parte dei militari (GUN) dopo essere stato scambiato per Shadow the Hedgehog, personaggio creato dal nonno di Eggman 50 anni fa, che dopo essersi risvegliato dopo una lunga ibernazione cercherà vendetta contro i militari GUN per aver ucciso il suo creatore e soprattutto sua nipote, Maria, di cui era molto amico; solo dopo aver capito chi è il vero nemico si alleerà dalla parte di Sonic. Sonic Heroes (2003) presenta un Team con Sonic, Tails e Knuckles, insieme ad altre squadre di personaggi contro la recente ricostruzione Metal Sonic, che aveva tradito il suo padrone con l'intenzione di dominare il mondo. Sonic the Hedgehog (2006) il riccio deve salvare la principessa Elise dal Dr. Eggman nel tentativo di evitare una nuova minaccia per la propria vita, Silver the Hedgehog. Lui è l'unico personaggio giocabile in Sonic Unleashed (2008) e Sonic Colours (2010), entrambi riguardanti una nuova minaccia da parte di Eggman. Per il ventesimo anniversario del riccio blu uscì Sonic Generations (2011), dotato di due incarnazioni giocabili di Sonic: il giovane "classico", il cui gameplay è presentato in uno stile che ricorda i titoli Mega Drive e Genesis, e il "moderno", che usa lo stile di gioco presente in Unleashed e Colors, passando attraverso le fasi di giochi del passato per salvare i loro amici. Offre anche varie canzoni a tema, tra cui le versioni moderne, che possono essere selezionati da tutta la storia dei 20 anni di Sonic.

Sonic e gli Anelli Segreti (2007) dispone di un mondo fiabesco tratto da Le mille e una notte, e ha avuto un sequel, intitolato Sonic e il Cavaliere Nero (2009), che ha continuato il tema delle fiabe, questa volta prendendo il regno della leggenda di Re Artù.

Sonic è stato anche presentato in altri giochi di tanti generi diversi di 2D e 3D. Questi includono di Sonic Spinball, Sonic Labyrinth (1995), i giochi di corse di Sonic Drift (1994), Sonic Drift 2 (1995), Sonic R (1996), Sonic Riders (2006), Sonic Rivals (2006), Sonic Rivals 2 (2007), Sonic Riders: Zero Gravity (2008), Sonic Free Riders (2010), i giochi di combattimento Sonic the Fighters (1996) e Sonic Battle (2003), il gioco per cellulare Sonic Jump (2005), e il gioco di ruolo Sonic Chronicles: La Fratellanza Oscura (2008)[56].

Altri videogiochi, come Knuckles' Chaotix (1995), Tails Adventure (1995)[57] e Shadow the Hedgehog (2005)[58] presentano Sonic come personaggio di supporto o come cameo mentre è completamente assente in Dr. Robotnik's Mean Bean Machine (1993) e Tails' Skypatrol (1995).

Sonic è inoltre apparso in diversi titoli crossover, tra cui la serie di Mario & Sonic ai Giochi Olimpici (dal 2008) insieme alla serie di Mario di Nintendo, Super Smash Bros. sempre di Nintendo a partire da Super Smash Bros. Brawl (2010) insieme ad altre serie (come Kirby, Metroid, Mega Man, Pokémon, Bayonetta e Final Fantasy), Sega Superstars Tennis e Sonic & SEGA All-Stars Racing insieme alle altre serie SEGA e nel crossover LEGO di Warner Bros. e Traveller's Tales, LEGO Dimensions (2016) insieme a molte serie che non appartengono al mondo dei videogiochi (di cui ha incontrato personaggi dai mondi di DC Comics, The LEGO Movie, Il Signore degli Anelli, I Simpson, Portal, Ritorno al futuro, Doctor Who, Ghostbusters...).

Nel 2013, Sega ha annunciato il gioco Sonic Lost World per Wii U e Nintendo 3DS[59], mentre nel 2014 è uscito uno spin-off, Sonic Boom, come una sorta di prequel per una serie televisiva omonima, e i personaggi hanno subito un nuovo design adattandoli ad un pubblico occidentale. Tale gioco non sarebbe dovuto uscire in Giappone, ma successivamente ciò venne smentito e confermata la pubblicazione nipponica col titolo Sonic Toon[60].

Nel 2017 è uscito Sonic Mania, che si colloca cronologicamente dopo gli avvenimenti di Sonic & Knuckles. Qui, Eggman rileva una fonte di potere potentissima, la Gemma del Tempo, e manda cinque EggRobo, gli Hard Boiled Heavies, a recuperarla. Nello stesso momento in cui la Gemma viene recuperata, Sonic, Tails e Knuckles vengono attirati dal suo potere, che li spedisce nel tempo. Dalla critica è considerato il miglior gioco di Sonic degli ultimi quindici anni.

Nello stesso anno è uscito Sonic Forces, che prevede il ritorno di Classic Sonic e l'introduzione di un personaggio completamente personalizzabile secondo i gusti del giocatore; in questo gioco, per la prima volta Eggman è riuscito a vincere, e ha conquistato il 99% del mondo, perciò Sonic tenterà di fermarlo assieme ad un gruppo di ribelli. Il gioco in questione ha ricevuto critiche miste, ovvero sia positive che negative.

Fuori dalla serieModifica

Oltre alle apparizioni nei suoi videogiochi, il riccio blu compare in qualità di arbitro in Sega Game Pack 4 in 1, nei panni di calciatore in Virtua Striker 3 e come sfidante in Samba de Amigo[61].

Nel videogioco Shadow the Hedgehog oltre ad essere un personaggio di supporto, è anche uno dei tre boss finali che si incontrano a seconda delle azioni compiute da Shadow the Hedgehog, dove combatte insieme ad un robot dell'esercito militare G.U.N. chiamato Diablon[62].

Sono inoltre degni di nota numerosi cameo, come in Rad Mobile (come ornamento nell'automobile)[2][63], J. League Pro Striker (nel logo SEGA) e Soleil (nel livello Anemone Beach)[63], oltre alle apparizioni successive come costume (normale o Werehog) in LittleBigPlanet[64], sotto forma di statua in Beach Spikers e l'apparizione nella pubblicità del gioco Ty la tigre della Tasmania. Ne I Simpson - Il videogioco appare in versione più anziana nel livello "Enter the Trucchix"[65].

Tra i videogiochi che invece comprendono riferimenti a lui figurano Jazz Jackrabbit, Turrican 3, Shining Force II[63], Illbleed[63], e Asterix & Obelix XXL 2[63].

Serie animate e filmModifica

Oltre alla serie di videogiochi, Sonic è apparso in ben cinque serie televisive, tre cortometraggi, un OAV, e un film a tecnica mista.

La prima apparizione del riccio sul piccolo schermo avvenne nel 1991, suo anno d'esordio, come presentatore in pubblicità del Sega Mega Drive e alcuni giochi di tale console; venne anche utilizzato per pubblicizzare gli innumerevoli oggetti di merchandising a lui dedicati, distribuiti in Italia da Giochi Preziosi, e in tali propagande si ritrovò al suo fianco l'altrettanto famoso Jerry Calà.

Nel 1993 Sonic è apparso in televisione in una serie animata di produzione statunitense, dedicata per intero al riccio supersonico: Le avventure di Sonic (Adventures of Sonic the Hedgehog), trasmessa in Italia sulle reti Fininvest con una sigla musicale cantata da Cristina D'Avena, che celebra le virtù del personaggio:

«Sonic / sei più svelto di noi / e per questo arrivi dove vuoi / Sonic / il campione sei tu / hai una marcia in più / non rallenti mai / Sonic / più veloce tu vai / non ti va di aspettarci però / starti dietro tu lo sai non si può / perciò riposati un po'.»

Quello stesso anno venne prodotta una seconda serie televisiva, chiamata semplicemente Sonic the Hedgehog SatAM, che a differenza della prima serie, possiede una storia più definita e dai toni molto più cupi. Qui Sonic fa parte di un gruppo di ribelli intenti a liberare il proprio pianeta dalla tirannia del Dr. Robotnik, qui rappresentato come un sovrano malvagio, infido e senza cuore. Il noto cartone venne denominato anche SatAM, abbreviazione di Saturday AM, cioè sabato mattina, giorno in cui andava in onda negli Stati Uniti D'America, paese dove ha riscosso molto successo, con ben 4,8 milioni di ascolti. Tuttavia, il calo degli ascolti delle ultime puntate portò alla cancellazione di un'ipotetica terza stagione.

Sonic è anche apparso nel film OAV giapponese Sonic the Hedgehog: The Movie, ispirato liberamente al gioco Sonic CD; il riccio supersonico dovrà scontrarsi con il suo malvagio rivale robotico Metal Sonic. È stato distribuito solo in Giappone e Nord America in VHS e DVD.

Nel 1997 fu realizzato un cortometraggio Sonic - Man of the Year, della durata di circa 2 minuti e presente nei contenuti extra di Sonic Jam.

A distanza di cinque anni dall'ultima serie, nel 1999, il riccio riapparve sul piccolo schermo in un terzo cartone animato, intitolato Sonic Underground. Questa serie presenta una trama separata da ogni altro media, molto differente da altre serie o videogiochi, trascurandone molti dettagli. Qui Sonic è membro di una famiglia reale che, insieme ai fratelli Manic e Sonia, cerca di far cadere il regime di Robotnik dopo che questi ha usurpato il trono alla loro madre Aleena.

Nel 2004, il riccio blu compare nell'anime cult giapponese Sonic X, in parte ispirato ai videogiochi Sonic Adventure, Sonic Adventure 2 e Sonic Battle. In questa occasione, Sonic e i suoi amici vengono teletrasportati sulla Terra e necessitano degli Smeraldi del Caos per tornare sul loro pianeta d'origine. In Giappone la serie è rivolta anche ad un pubblico più adulto, mentre nella maggior parte delle trasmissioni estere è stata trasmessa la versione censurata da parte dell'azienda americana 4Kids Entertainment, la quale ha reso l'anime adatto ad un pubblico ben più giovane. La sigla italiana è cantata da Giacinto Livia, che celebra nuovamente le virtù del personaggio ma in un tono più eroico:

«Tu farai giustizia senza tradirti mai / l’onore tu non lo perderai / da sempre ci fai promesse che col cuore manterrai / sei un amico fedele e unico / sicuro, testardo, ironico / ma solo con la tua grinta questo mondo salverai.»

Nel 2008 uscì un cortometraggio realizzato in computer grafica 3D, dal titolo Sonic: Night of the Werehog, della durata di circa 12 minuti e tratto dal gioco Sonic Unleashed.

Il personaggio è apparso in cameo sul grande schermo nel film d'animazione Ralph Spaccatutto, prodotto dalla Disney nel 2012. All'inizio è mostrato come annunciatore di una Pubblicità Progresso (doppiato in italiano da Francesco Pezzulli, che aveva anche doppiato Sam Speed in Sonic X) avvisando i personaggi di stare all'erta se sono al di fuori dei propri videogiochi in quanto non in grado di rigenerarsi, e in seguito in brevi comparse in background e durante di titoli di coda[66]. Compare anche nel sequel Ralph spacca Internet (2018).

Nel 2014 è andata in onda una nuova serie televisiva realizzata in computer grafica intitolata Sonic Boom, trasmessa su Cartoon Network negli Stati Uniti, mentre è uscita ad autunno 2015 sulle televisioni europee[67]. Tale cartone è inoltre il preludio di un nuovo franchise spin-off della serie originale in cui i protagonisti hanno subito un nuovo design adattandoli occidentalmente.

Il personaggio fa un'apparizione anche nel film Ready Player One (2018)[68].

Nel 2018 è stata realizzata una webserie d'animazione, Sonic Mania Adventures, composta da 6 corti (5 regolari mensili più uno speciale natalizio). Il primo episodio è stato pubblicato il 30 marzo 2018 sul canale YouTube ufficiale di Sonic.

Sonic compare nella serie OK K.O.! all'interno della puntata crossover "Let's Meet Sonic", andata in onda ad agosto 2019.[69]

È stato annunciato un omonimo film a tecnica mista, intitolato Sonic - Il film (Sonic the Hedgehog) basato sulla serie del porcospino blu, prodotto dalla Paramount Pictures in collaborazione con SEGA e prodotto da Tim Miller, previsto per febbraio 2020 negli Stati Uniti.

Altri mediaModifica

CameoModifica

Sonic fa capolino in numerose serie televisive e d'animazione. Alcune fra le sue innumerevoli apparizioni sono le seguenti:

Altre apparizioniModifica

 
Sonic e il logo SEGA su una Williams FW15C.

Oltre ai videogiochi e alle serie animate, la Archie Comics ha pubblicato una longeva serie a fumetti dedicati al riccio della SEGA nel periodo dal 1992 al 2017, dal titolo Sonic the Hedgehog[73][74]. Il personaggio appare anche in Sonic X, Sonic Universe e Knuckles the Echidna; nel 2013 e nel 2016 Sonic è stato affiancato da Mega Man nei fumetti Sonic & Mega Man: Worlds Collide e Sonic & Mega Man: Worlds Unite. La casa editrice Egmont pubblicò un'altra serie fumettista dal titolo Sonic the Comic e, esclusivamente in Giappone, un omonimo manga della Shogakukan[75][76]. L'icona videoludica ha dato il nome ad un gene codificante una proteina fondamentale nella regolazione dell'organogenesi nei vertebrati, appunto chiamata Sonic hedgehog[77].

In occasione del suo 21º anniversario, nel Macy's Thanksgiving Day Parade (una parata che si celebra a New York per il giorno del ringraziamento) è stato creato un pallone gigante sembiante il noto riccio, lungo 18 metri, alto 14 e largo 8[78]. Da segnalare anche le apparizioni sulle divise della squadra di calcio JEF United Ichihara Chiba tra il 1993 e il 1997 e le sponsorizzazioni e dedicazioni del riccio blu durante il campionato mondiale di Formula 1 1993[79]. Tra gli svariati oggetti di merchandising raffiguranti Sonic e i personaggi della serie omonima, si contano t-shirt, staction figure, action figure e prodotti alimentari, oltre a un gioco di carte collezionabili e versioni speciali di Monopoli e UNO dedicati al porcospino[80].

NoteModifica

Precisazioni
  1. ^ Design utilizzato a partire dal 1991 in Sonic the Hedgehog fino al 1998.
  2. ^ Design utilizzato a partire dal 1998 in Sonic Adventure e attualmente in uso.
  3. ^ Il nome di questa forma non fu svelato in Sonic X ma venne reso ufficiale dall'account Twitter ufficiale della serie videoludica.
Fonti
  1. ^ (EN) Paul Furfari, Sonic the Hedgehog in Rad Mobile, su UGO.com, 31 maggio 2010. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2012).
  2. ^ a b c La storia di Sonic, in Play Generation, nº 132, Edizioni Master, settembre 2016, pp. 66-67, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  3. ^ (EN) Ken Horowitz, Sega Stars: Yuji Naka, su Sega-16, 22 giugno 2005. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Walk of Game 2005 Inductees, su Walk of Game. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2009).
  5. ^ (EN) Introducing Sticks to the Sonic Boom Franchise, in SEGA, 29 maggio 2014. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  6. ^ a b (EN) Brandon Sheffield, Out of the Blue: Naoto Ohshima Speaks, su Gamasutra, 4 dicembre 2009, p. 1. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  7. ^ (EN) Dan Sung, Five fine facts to celebrate Sonic the Hedgehog's return, su Pocket-lint, 4 febbraio 2010. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  8. ^ (EN) Yahoo Playback #94, su Yahoo Playback. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2009).
  9. ^ (EN) Brian Ashcraft, Sonic's Shoes Inspired by Michael Jackson, su Kotaku, 7 dicembre 2009. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  10. ^   (EN) Sonic the Hedgehog GameTap Retrospective Pt. 2/4 (Watch in HD!), su YouTube, gametap, 17 febbraio 2009, a 1 min 32 s. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  11. ^ (JA) Profilo ufficiale di Sonic, SEGA. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  12. ^ (EN) Sega Video Game Illustrations, Nippon Shuppan Hanbai (Deutschland) GmbH, 1994, ISBN 3-910052-50-9.
  13. ^ a b (EN) Andy Eddy, E3 2006: Sonic Team Interview, su TeamXbox, 24 maggio 2006, p. 2. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2013).
  14. ^ (EN) Maxwell McGee, Sega Explains Sonic and Knuckles' New Look, in GameSpot, 16 marzo 2014. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  15. ^ (JA) Profilo ufficiale di Super Sonic, SEGA. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  16. ^ (EN) Sonic The Hedgehog 2 Feature (Mega Drive/Genesis), su Captain Williams. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  17. ^ (EN) Sonic the Hedgehog 2, su The Green Hill Zone. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  18. ^ (EN) Sonic the Hedgehog [sonic_hedgehog], Find your madness level by tapping or clicking the image. Tweet us what you get! (Tweet), su twitter.com, 22 marzo 2016 (archiviato il 6 febbraio 2019).
  19. ^ a b c d (JA) Sonic X: episodio 3x67, La cavia.
  20. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Jeremy Gill, Top 5 Sonic the Hedgehog Transformations, su LevelSkip, 2 novembre 2018. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  21. ^ a b (EN) Karl Bollers (testi), Steven Butler (disegni); The Naugus Trilogy: The Fellow Of The Rings... - Part Three, in Sonic the Hedgehog n. 66, Archie Comics, gennaio 1999.
  22. ^ a b c d e f (EN) Ken Penders (testi), Art Mawhinney (disegni); Retro Activity, in Sonic the Hedgehog n. 71, Archie Comics, marzo 1999.
  23. ^ a b Manuale Sonic Unleashed PS2, p. 5.
  24. ^ a b Manuale Sonic Unleashed X360, p. 6-7.
  25. ^ (EN) Sonic & Knuckles Feature (Mega Drive/Genesis), su Captain Williams. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  26. ^ (EN) Mike Gallagher (testi), Patrick Spaziante (disegni); Rage against the Machine, in Sonic the Hedgehog n. 39, Archie Comics, ottobre 1996.
  27. ^ (EN) Benny Lee (testi), Steven Butler (disegni); Robotnik's Return, in Sonic the Hedgehog n. 118, Archie Comics, marzo 2003.
  28. ^ (EN) Richard Elson (testi), Nigel Kitching (disegni); Super Sonic, n. 7, Fleetway, 21 agosto 1993.
  29. ^ (EN) Takeshi Kusao, Anime News Network. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  30. ^ (EN) Keiko Utoku, Anime News Network. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  31. ^ (EN) Jaleel White, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  32. ^ (EN) Kappei Yamaguchi, Anime News Network. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  33. ^ (EN) Masami Kikuchi, Anime News Network. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  34. ^ (EN) Martin Burke, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  35. ^ (EN) Meg Inglima, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  36. ^ (EN) Jun-ichi Kanemaru, Anime News Network. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  37. ^ (JA) 3DCGアニメ『ソニックトゥーン』日本語吹き替え版がNetflixで国内独占配信決定!, in Famitsū, 23 giugno 2017. URL consultato il 19 gennaio 2020.
  38. ^ (EN) Ryan Drummond, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  39. ^ (EN) Jason Griffith, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  40. ^ (EN) Roger Craig Smith, Internet Movie Database. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  41. ^ Sonic / Le avventure di Sonic, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  42. ^ Sonic Underground, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  43. ^ Sonic X, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  44. ^ Sonic Generations, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  45. ^ Ralph Spaccatutto, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  46. ^ Ralph spacca internet, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  47. ^ (EN) Nintendo Power, nº 250, South San Francisco, Future US, 2010, pp. 40-41.
  48. ^ (EN) Golden Joystick Awards 2004: Winners announced!, in Computer and Video Games, 5 novembre 2004. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2012).
  49. ^ (EN) Matthew Moore, Sonic the Hedgehog voted favourite computer game star, su The Daily Telegraph, 21 ottobre 2008. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  50. ^ (EN) Jorge Ba-oh, Sonic Trounces Mario in UK Favourites Poll, su Cubed3, 22 ottobre 2008. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  51. ^ (EN) Jane Douglas, 1. Sonic the Hedgehog, su MSN. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2008).
  52. ^ (EN) The 50 Greatest Video Game Characters, su Empire, 11 giugno 2010. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  53. ^ (EN) Jeff Marchiafava, Guinness Names Top 50 Video Game Characters Of All Time, in Game Informer, 16 febbraio 2011. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  54. ^ (EN) Sonic the Hedgehog Q&A, su GameSpot, 4 febbraio 2010. URL consultato il 5 febbraio 2019.
    «Ken Ballough: Sonic is a gaming legend, first and foremost. He comes from a series of games that defined a generation in gaming history, and his iconic personality was the epitome of speed in the early ‘90s, pushing the limits of what gamers knew and expected from high-speed action and platforming games.».
  55. ^ Sonic Advance 2 Guide, p. 64.
  56. ^ (EN) Owen Good, A Look Back at 20 Years of Music History with Sonic, su Kotaku, 19 novembre 2013. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  57. ^ (EN) Tails Adventures, su The Green Hill Zone. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  58. ^ Shadow the Hedgehog Guide, p. 11, 16, 68.
  59. ^ (EN) David Hinkle, Sonic: Lost World plots a path to retail October 22, in Joystiq, 16 luglio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2015).
  60. ^ (EN) Tom Phillips, Sega announces Sonic Boom for 3DS and Wii U, in Eurogamer, 2 luglio 2014. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  61. ^ (EN) E3: Sonic to Cameo in Samba de Amigo, su The Sonic Stadium, 15 luglio 2008. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  62. ^ Shadow the Hedgehog Guide, p. 70.
  63. ^ a b c d e (EN) Cameos & Related Titles, su The Green Hill Zone. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  64. ^ (EN) Sonic The Hedgehog And Friends Join LittleBigPlanet, in G4tv.com, 19 marzo 2010. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2016).
  65. ^ (EN) SEGA in the Media: Sonic and the Simpsons, su SEGAbits, 2 agosto 2011. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  66. ^ (EN) [UPDATE: Roger Craig Smith Confirmed] Sonic Cameo Set For Wreck-It Ralph!, in The Sonic Stadium, 13 luglio 2012. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  67. ^ (EN) Sonic Boom (Working Title) – A New Animated Series Coming Fall 2014, in SEGA, 2 ottobre 2013. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2018).
  68. ^ Sonic confermato tra i personaggi di Ready Player One, in Sonic Team Italia, 7 marzo 2018. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  69. ^ [1]
  70. ^ (EN) I Simpson: episodio 7x11, Marge non essere orgogliosa, Fox, 17 dicembre 1995.
  71. ^ (EN) I Simpson: episodio 19x11, Lo show degli anni '90, Fox, 27 gennaio 2008.
  72. ^ a b c d e (EN) Sonic the Hedgehog Cameo Apparances, su Sonic Gear. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  73. ^ (EN) Sonic the Hedgehog enter Book of World Records, su Archie Comic, 7 luglio 2008. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2008).
  74. ^ (EN) An important update from SEGA regarding Sonic comics:, su Sonic The Hedgehog, Facebook, 19 luglio 2017. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  75. ^ (JA) Kenji Terada (testi e disegni); Sonic the Hedgehog, , Shogakukan, 1992.
  76. ^ (EN) Sonic Story Comic (1991), su Sonic the Hedgehog Manga. URL consultato il 6 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2011).
  77. ^ (EN) SHH gene, National Library of Medicine. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  78. ^ Sonic The Hedgehog e la Thanksgiving Day Parade, su Sega World Italia. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  79. ^ (EN) Mitchell McCann, Formula One Motor Racing FAQ, part 2, su Internet FAQ Consortium, 14 marzo 1997. URL consultato il 5 febbraio 2019.
    «The Sega character, Sonic the Hedgehog, appeared at most of the races, and the side of the car was painted so it appeared as a cutout showing Sonic's legs doing the driving.».
  80. ^ (EN) Living The Hedgehog Lifestyle, su Press The Buttons, 11 maggio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2019.

BibliografiaModifica

  • Sonicologia (JPG), in J - Joypad, nº 1, Edizioni Master, gennaio 2000, pp. 26-33.
  • (EN) Sonic Advance 2: Prima's Official Strategy Guide, Prima Games, 11 marzo 2003, ISBN 978-0-7615-4008-3.
  • (EN) Shadow the Hedgehog: Prima Official Game Guide, Prima Games, 22 novembre 2005, ISBN 978-0-7615-5195-9.
  • (EN) Sonic Team, Sonic Unleashed manuale di istruzioni americano, versione PlayStation 2, SEGA, 2008.
  • (EN) Sonic Team, Sonic Unleashed manuale di istruzioni americano, versione Xbox 360, SEGA, 2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica