Apri il menu principale

Sophie de Condorcet

scrittrice e traduttrice francese
Sophie de Condorcet

Sophie de Condorcet, per esteso Sophie Marie Louise de Grouchy, marchesa di Condorcet, in italiano Sofia di Condorcet (Meulan, 1764Parigi, 4 settembre 1823), è stata una scrittrice e traduttrice francese. Erudita, intelligente e istruita, parlava correntemente sia l'inglese che l'italiano e mantenne un fortunato salotto letterario. Era sorella del maresciallo dell'Impero Emmanuel de Grouchy.

Indice

BiografiaModifica

Dopo aver sposato nel 1786 il filosofo Nicolas de Condorcet, di vent'anni più anziano di lei, iniziò a tenere presso l'Hôtel des Monnaies a Parigi un salotto letterario che divenne subito rinomato e frequentato da numerosi filosofi illuministi. Non è irragionevole supporre che ella abbia giocato un ruolo nel femminismo del marito, autore del celebre opuscolo Sur l'admission des femmes au droit de cité (3 luglio 1790). In seguito all'accusa promossa contro di lei dal Club dei Giacobini, dopo la morte del marito, incarcerato con l'accusa di tradimento dopo alcuni mesi di latitanza a Bourg-la-Reine il 25 marzo 1794 e trovato misteriosamente morto nel carcere due giorni dopo, Sofia si trovò in ristrettezze finanziarie e dovette aprire un negozio per poter avere un mezzo di sostentamento. Nel 1799 riuscì a recuperare una parte dei suoi beni, potendo così riprendere la sua attività letteraria, riaprì il salotto letterario che l'aveva resa famosa e che divenne un focolaio d'opposizione al Primo Impero, e pubblicò le opere del defunto marito.

Oltre alle sue Lettres sur la sympathie, si dedicò anche alla traduzione di Thomas Paine e Adam Smith.

Alla sua morte il suo corpo venne inumato nel Cimitero del Père-Lachaise (divisione 10).[1]

OpereModifica

OriginaliModifica

  • (FR) Lettres sur la sympathie ; suivies des Lettres d'amour, Montréal, Étincelle, 1994

TraduzioniModifica

  • Adam Smith, Théorie des sentimens moraux, ou, Essai analytique sur les principes des jugemens que portent naturellement les hommes, d'abord sur les actions des autres et ensuite sur leurs propres actions, Paris, F. Buisson, 1798

NoteModifica

  1. ^ (FR) François Marie Marchant de Beaumont, Manuel et itinéraire du curieux dans le cimetière du Père la Chaise, Paris, Emler frères, 1828, pp. 105-106.

BibliografiaModifica

(in lingua francese, salvo diverso avviso)

  • Madeleine Arnold-Tétard, Sophie de Grouchy, marquise de Condorcet : la dame de cœur, Paris, Christian, 2003
  • M. d'Arvor, Les Femmes illustres de la France : Madame de Condorcet (1764-1822), Paris, P. Boulinier, Librairie Moderne, 1897
  • Thierry Boissel, Sophie de Condorcet, femme des Lumières, 1764-1822, Paris, Presses de la Renaissance, 1988
  • Antoine Guillois, La Marquise de Condorcet: sa famille, son salon, ses amis, 1764-1822, Paris, P. Ollendorff, 1897
  • Charles Léger, Captives de l'amour, d'après des documents inédits ; lettres intimes de Sophie de Condorcet, d'Aimée de Coigny et de quelques autres cœurs sensibles, Paris, C. Gaillandre, 1933
  • Henri Valentino, Madame de Condorcet ; ses amis et ses amours, 1764-1822, Paris, Perrin, 1950
  • (IT) Carlo Del Teglio, Il ricamo della regina , Cattaneo Paolo Grafiche, Oggiono - Lecco 2012.
  • Jacques-Alphonse Mahul, Annuaire nécrologique, ou Supplément annuel et continuation de toutes les biographies ou dictionnaires historiques, 3ème année, 1822, Paris : Ponthieu, 1823, p.69-70 [1]
Controllo di autoritàVIAF (EN61645306 · ISNI (EN0000 0001 1065 5973 · LCCN (ENnr89016450 · GND (DE11891488X · BNF (FRcb124616902 (data) · ULAN (EN500354246

Natalia Ginzburg - La famiglia Manzoni

Altri progettiModifica