Apri il menu principale

Sorry (Justin Bieber)

singolo di Justin Bieber del 2015
Sorry
Sorry JB.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaJustin Bieber
Tipo albumSingolo
Pubblicazione23 ottobre 2015
Durata3:21
Album di provenienzaPurpose
GenereTropical house
EtichettaDef Jam Recordings
ProduttoreSkrillex, Blood Diamonds
FormatiDownload digitale
Certificazioni
Dischi d'oroGermania Germania[1]
(vendite: 150 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (7)[2]
(vendite: 490 000+)
Belgio Belgio[3]
(vendite: 30 000+)
Canada Canada (4)[4]
(vendite: 320 000+)
Danimarca Danimarca (3)[5]
(vendite: 180 000+)
Italia Italia (6)[6]
(vendite: 300 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (5)[7]
(vendite: 75 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[8]
(vendite: 2 400 000+)
Spagna Spagna (5)[9]
(vendite: 200 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (8)[10]
(vendite: 8 000 000+)
Dischi di diamantePolonia Polonia[11]
(vendite: 100 000+)
Justin Bieber - cronologia
Singolo precedente
(2015)
Singolo successivo
(2015)

Sorry è un singolo del cantante canadese Justin Bieber, il secondo estratto dal quarto album in studio Purpose e pubblicato il 23 ottobre 2015.[12]

Indice

Il singoloModifica

La canzone è dedicata a Selena Gomez, ex compagna di Justin. Lo ha rivelato lui stesso in un'intervista al The Ellen Show.

AccoglienzaModifica

La maggior parte della critica musicale ha espresso pareri generalmente positivi nei confronti della canzone. Bobby Fi di Jezabel ha dichiarato che Bieber ha pubblicato i tre singoli migliori del 2015, Where Are Ü Now, What Do You Mean? e Sorry, e ha definito il brano come "la fredda fusione delle canzoni pop, una traccia che farà continuare a muovere i suoi ascoltatori in estasi sonora anche dopo che il sole diventa freddo". Il singolo ha raggiunto 2 miliardi di visualizzazioni su youtube in un anno e si trova al terzo posto dei video piu visti su youtube.[13]

TracceModifica

  1. Sorry – 3:21

Successo commercialeModifica

Stati UnitiModifica

Negli Stati Uniti d'America, Sorry ha esordito alla 2ª posizione della Billboard Hot 100 nella settimana del 14 novembre 2015, vendendo 227.000 copie, diventando il secondo singolo di Bieber a debuttare nelle prime dieci posizioni della classifica statunitense, subito dopo What Do You Mean?, e il secondo a raggiungere tale posizionamento dopo Boyfriend, uscito nel 2012. La canzone è stata in seguito sorpassata da Hello di Adele, che ha debuttato direttamente al primo posto. Con What Do You Mean? e Sorry, che hanno occupato rispettivamente la 1ª e la 2ª posizione della Billboard Hot 100, Purpose è diventato il quarto album nella storia di Billboard ad aver generato due singoli che hanno conquistato i primi due posti della classifica americana, dopo Daydream e Butterfly di Mariah Carey e Recovery di Eminem.[14]

La settimana successiva, Sorry ha venduto ulteriori 129.000 copie, scendendo alla #4 nella Hot 100 e alla #3 delle Digital Songs: tuttavia, la canzone è saltata dalla 37ª alla 27ª posizione negli airplay delle radio, registrando un totale di 46 milioni di audience nel Paese, mentre nella sua terza settimana di permanenza, grazie alla pubblicazione di Purpose, il brano è risalito nuovamente al secondo posto, con 82.000 unità distribuite.[15] Nel frattempo, i singoli What Do You Mean? e Love Yourself, pubblicato il 9 dicembre, si sono stabiliti rispettivamente al quinto e quarto posto della Billboard Hot 100, che hanno reso l'artista non solo il terzo ad aver raggruppato tre brani nelle prime 5 posizioni (dopo i Beatles nel 1964 e 50 Cent nel 2005), ma anche quello con più singoli piazzati nella Hot 100 in assoluto (ben 17 brani), infrangendo il record raggiunto dai Beatles e da Drake.[16] Il 12 dicembre 2015, poco dopo la performance di Bieber agli American Music Awards, Sorry è salito alla numero uno nelle Digital Songs, con 178.000 copie, mentre il 2 gennaio 2016 è diventato il primo singolo di Bieber ad aver conquistato la vetta del Mainstream Top 40.[17]

Dopo sette settimane consecutive al secondo posto, Sorry ha detronizzato Hello, il che lo ha reso, sempre dopo What Do You Mean?, il secondo brano del cantante ad aver occupato il 1º posto della Billboard Hot 100,[18] dopo aver venduto altre 128.000 copie e aver registrato un'audience di 145 milioni di spettatori, e mentre il brano stava trascorrendo tre settimane consecutive in tale posizione, Love Yourself ha fatto il suo ingresso nella top 5, tanto che Bieber si ritrova a concorrere contro sé stesso per il dominio della classifica.[19] Alla fine, è stata proprio Love Yourself a rimpiazzare Sorry al comando della Billboard Hot 100, e con questo Justin Bieber diventa il 12° artista in 57 anni, a spodestarsi nella classifica (l'ultimo cantante ad averlo fatto era stato The Weeknd, anch'egli canadese)[20].

Sorry ha venduto oltre 4 milioni di copie negli Stati Uniti d'America, ed è stato certificato quadruplo disco di platino dalla Recording Industry Association of America.[21]

Regno UnitoModifica

Nel Regno Unito, Sorry ha fatto la sua prima entrata alla 2ª posizione della Official Singles Chart, ancora una volta dietro ad Hello di Adele, la quale aveva debuttato in precedenza il 30 ottobre 2015 in vetta alla classifica[22]. La canzone ha in seguito scalzato quest'ultima, raggiungendo la vetta delle classifiche in Gran Bretagna il 20 novembre (una settimana dopo la pubblicazione di Purpose), con 104.000 copie vendute combinate a circa 5,35 milioni di streaming: in quella settimana, Bieber vantava tre singoli nelle prime 5 posizioni della UK Singles Chart, ovvero What Do You Mean? (5º posto), Sorry (1º posto) e Love Yourself (3º posto); nessun altro artista, nell'arco di 34 anni, ci era mai riuscito, da quando John Lennon aveva raggiunto tale traguardo nel 1981.[23]

La settimana successiva, la canzone è rimasta in vetta, mentre Love Yourself lo ha affiancato alla seconda posizione, facendo di Bieber il primo cantante ad aver dominato le due prime posizioni della classifica britannica dai tempi di Madonna, nel 1985.[24] La terza settimana, come pure accaduto negli Stati Uniti, Justin Bieber ha spodestato sé stesso con Love Yourself in cima alla classifica, il primo dal 1963[25]; i due brani hanno mantenuto le rispettive posizioni per due settimane consecutive, battendo il record detenuto dai Beatles, che hanno generato due singoli che, in tre settimane, hanno protetto i primi due posti a cavallo tra il 1967 e il 1968.[26]

Nel 2015, Sorry si è classificato come il decimo singolo più venduto del Regno Unito, con circa 934.000 vendite secondo la Official Charts Company.[27]

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ (DE) Gold-Platinum-Datenbak, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 18 settembre 2016.
  2. ^ (EN) Accreditations - 2017 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'11 aprile 2017.
  3. ^ (NL) Goud en Platina - 2016, Ultratop. URL consultato il 18 settembre 2016.
  4. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 18 settembre 2016.
  5. ^ (DA) Certificeringer, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 18 settembre 2016.
  6. ^ Sorry (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 5 marzo 2018.
  7. ^ (EN) NZ Top 40 Singles Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 18 settembre 2016.
  8. ^ (EN) Justin Bieber, Sorry, British Phonographic Industry. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  9. ^ (ES) Certificazione Spagna, su promusicae.es. URL consultato il 18 settembre 2016.
  10. ^ (EN) Justin Bieber, Sorry – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 23 giugno 2017.
  11. ^ (PL) Platynowe płyty CD - Archiwum, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato l'11 agosto 2016.
  12. ^ Brittany Spanos, Watch Justin Bieber's Colorful Dance Video for 'Sorry', su Rolling Stone, 22 ottobre 2015. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  13. ^ Bobby Finger, Calling It: Justin Bieber Has Released the Three Best Singles of 2015, su Jezebel, 23 ottobre 2015. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  14. ^ Adele No. 1 on Hot 100, Justin Bieber Debuts at No. 2 With 'Sorry', su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  15. ^ Adele's 'Hello' Tops Hot 100 for Second Week; Ariana Grande, Meghan Trainor Hit Top 10, su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  16. ^ Adele Tops Hot 100 for Fourth Week; Justin Bieber, Alessia Cara Hit Top 10, su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  17. ^ Adele Scores Her Longest Hot 100 Reign With Eighth Week at No. 1 for 'Hello', su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  18. ^ Adele's 'Hello' Leads Hot 100 for Fifth Week, su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  19. ^ Justin Bieber Nos. 1 & 2 on Hot 100, The Chainsmokers Hit Top 10, su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  20. ^ Justin Bieber Replaces Himself at No. 1 on Hot 100 With 'Love Yourself', su Billboard. URL consultato il 2 marzo 2016.
  21. ^ (EN) Justin Bieber's "Love Yourself" Crosses the 1.5 Million US Sales Mark, su Headline Planet. URL consultato il 2 marzo 2016.
  22. ^ Adele smashes Official Chart records with comeback single Hello, su www.officialcharts.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  23. ^ Justin Bieber dethrones Adele, breaks all-time Official Chart record, su www.officialcharts.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  24. ^ Bieber continues his record breaking streak on the singles chart, su www.officialcharts.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  25. ^ Justin Bieber replaces himself at the top of the Official Singles Chart, su www.officialcharts.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  26. ^ Justin Bieber sets a new Official Singles Chart record, su www.officialcharts.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  27. ^ The Official Top 40 Biggest Songs of 2015 revealed, su www.officialcharts.com. URL consultato il 2 marzo 2016.
  28. ^ http://www.ariacharts.com.au/chart/singles
  29. ^ http://www.ultratop.be/nl/song/16b806/Justin-Bieber-Sorry
  30. ^ http://www.ultratop.be/fr/song/16b806/Justin-Bieber-Sorry
  31. ^ https://www.billboard.com/artist/305459/justin-bieber/chart?page=1&f=793
  32. ^ http://danishcharts.com/showitem.asp?interpret=Justin+Bieber&titel=Sorry&cat=s
  33. ^ http://ifpi.fi/tilastot/virallinen-lista/singlet/2015/44
  34. ^ http://www.snepmusique.com/tops-semaine/top-singles-telecharges/
  35. ^ Copia archiviata, su musicline.de. URL consultato il 2 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  36. ^ https://www.billboard.com/artist/305459/justin-bieber/chart?f=848
  37. ^ http://www.chart-track.co.uk/index.jsp?c=p%2Fmusicvideo%2Fmusic%2Farchive%2Findex_test.jsp&ct=240001&arch=t&lyr=2015&year=2015&week=44
  38. ^ http://www.fimi.it/classifiche#/category:digital/id:2135
  39. ^ http://lista.vg.no/
  40. ^ http://nztop40.co.nz/chart/singles?chart=4174
  41. ^ http://www.dutchcharts.nl/showitem.asp?interpret=Justin+Bieber&titel=Sorry&cat=s
  42. ^ http://www.officialcharts.com/charts/singles-chart/
  43. ^ (ES) JUSTIN BIEBER - WHAT DO YOU MEAN? (SONG), Productores de Música de España. URL consultato il 26 settembre 2015.
  44. ^ a b http://www.swisscharts.com/song/Justin-Bieber/Sorry-1488902
  45. ^ http://www.sverigetopplistan.se/

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica