Apri il menu principale
Soumaila Coulibaly
Soumaila Coulibaly.jpg
Nazionalità Mali Mali
Altezza 179 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista offensivo
Ritirato 1 gennaio 2013
Carriera
Squadre di club1
1994-1997 Djoliba ? (?)
1997-2000 Zamalek 42 (6)
2000-2007 Friburgo 209 (37)
2007-2009 Borussia M'gladbach 30 (3)
2009-2010 FSV Francoforte 9 (0)
2011-2012 Yanbian Baekdu 31 (8)
Nazionale
1995-2009 Mali Mali 59 (6)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 dicembre 2014

Soumaila Coulibaly (Bamako, 15 aprile 1978) è un ex calciatore maliano, centrocampista offensivo.

Suo fratello minore Boubacar Coulibaly milita nella squadra riserve dell'SV Wehen, in Oberliga Hessen.[senza fonte]

CarrieraModifica

Dopo gli esordi con i compatrioti del Djoliba e gli egiziani dell'Al-Zamalek, nel 2000 passa alla formazione tedesca del Friburgo, e ne diventa capitano nella stagione 2006-2007.[senza fonte]

Nel 2007 firma con il Borussia Mönchengladbach un contratto valido fino a giugno 2010. Gioca titolare fino alla vigilia del derby col Colonia del 22 ottobre 2007, quando viene trovato a notte fonda in una discoteca di Colonia col compagno di squadra Steve Gohouri e per questo punito ed escluso dalla rosa dei convocati per quella gara.[1] Negli incontri successivi viene regolarmente lasciato in panchina, ritrovando il posto da titolare a fine novembre; il Borussia Mönchengladbach conquista anticipatamente il titolo di Campione d'inverno.

Con l'arrivo sulla panchina del Borussia Mönchengladbach dell'allenatore Hans Meyer, dal 4 novembre 2008 viene escluso dalla rosa della prima squadra.[2]

Nell'estate del 2009 passa al FSV Francoforte, con cui resta fino al 2010.

Dal 2011 al 2012 milita nella squadra cinese del Yanbian Baekdu.

NoteModifica

  1. ^ (DE) Gohouri und Coulibaly aus Kader gestrichen Rp-online.de
  2. ^ (DE) TorFabrik, su torfabrik.de. URL consultato il 04-11-2008 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2008).

Collegamenti esterniModifica