Southgate (metropolitana di Londra)

stazione della Metropolitana di Londra
Underground.svg Southgate
Southgate station building2.JPG
La stazione di Southgate
Stazione della metropolitana di Londra
Gestore TfL
Inaugurazione 1933
Stato in uso
Linea Piccadilly line flag box.png
Localizzazione Southgate, Enfield
Tipologia Stazione sotterranea
Mappa di localizzazione: Londra
Southgate
Southgate
Metropolitane del mondo

Coordinate: 51°37′57″N 0°07′41″W / 51.6325°N 0.128056°W51.6325; -0.128056

Southgate è una stazione della metropolitana di Londra della Piccadilly line tra le stazioni di Oakwood e di Arnos Grove. La stazione sorge nel sobborgo di Southgate, facente parte del borgo londinese di Enfield. È situata nella Travelcard Zone 4.

Vista notturna della stazione
Insegna della stazione e panchine

StoriaModifica

La stazione fu aperta il 13 marzo 1933 nell'ambito della seconda fase dell'estensione della Piccadilly line verso nord da Finsbury Park a Cockfosters[1]. Prima dell'apertura erano stati suggeriti i nomi alternativi di Chase Side e di Southgate Central. In occasione dell'apertura, i residenti di Southgate usufruirono di un biglietto omaggio di andata e ritorno per Piccadilly Circus.[2]

La stazione è in stile art déco in mattoni, vetro e cemento armato ed è uno dei progetti più famosi tra le molte stazioni che Charles Holden realizzò per la metropolitana. L'edificio è a pianta circolare, con un tetto in cemento armato sporgente. Dall'esterno il tetto piatto della sezione centrale sopraelevata appare sostenuto solo da una fila di finestre orizzontali a cleristorio che danno luce all'interno del vestibolo e della biglietteria. Il tetto è in realtà sostenuto da una singola colonna centrale. L'intero edificio è sormontato da un impianto di illuminazione che ricorda una bobina di Tesla.

 
Scale mobili con lampioni alla stazione di Southgate

Così come Arnos Grove, Oakwood e Cockfosters, Southgate dal 19 febbraio 1971, è un monumento classificato di Grado II (portato il 28 luglio 2009 a Grado II*)[3] e conserva molto delle decorazioni originali. Le due scale mobili hanno l'illuminazione con i lampioni originali, e pannelli di bronzo sono in evidenza in tutta la stazione. Ci sono stati comunque dei cambiamenti; verso la fine degli anni novanta uno dei tre ingressi è stato murato per utilizzarlo come nuova biglietteria e a causa del disegno dei tornelli uno dei due ingressi rimanenti viene usato solo per l'uscita.

Le scale mobili originali sono state sostituite negli anni ottanta con il modello standard dell'epoca della London Transport. La balaustra delle scale mobili è stata fabbricata in bronzo anziché in alluminio, per mantenere l'aspetto estetico degli anni trenta e per soddisfare i requisiti dell'English Heritage.

La stazione è stata rinnovata nel 2008, con una nuova piastrellatura a livello delle piattaforme, un pavimento parzialmente rinnovato nella biglietteria e nuova segnaletica. Southgate ha vinto un premio speciale ai National Railway Heritage Awards del 2008 per il miglior restauro di una stazione d'epoca.[4] L'aspetto ben preservato degli elementi originali della stazione, in particolare le scale mobili, ha reso Southgate popolare come set cinematografico per film d'epoca.

Il 16 luglio 2018 la stazione è stata rinominata "Gareth Southgate" per due giorni, in onore dell'allenatore della nazionale inglese Gareth Southgate, per avere portato l'Inghilterra al quarto posto nella Coppa del Mondo di calcio 2018.[5] La rimozione non autorizzata dell'insegna da parte di una donna non identificata che aveva postato il video della sua bravata sui social media ha spinto la TfL a rilasciare una dichiarazione precisando che la donna non era un membro del personale della metropolitana e non aveva nessuna autorità per rimuovere l'insegna.[6]

La stazione oggiModifica

Southgate è stata progettata come punto di interscambio tra bus e metropolitana e l'edificio principale si trova su un'isola spartitraffico tra Southgate Circus e Station Parade, dove si trova una serie di fermate dell'autobus.

La stazione si trova su una collina e, sebbene le piattaforme delle stazioni precedente e successiva sulla linea si trovino in superficie, quelle di Southgate sono in una breve sezione di tunnel. Le imboccature dei tunnel sono visibili guardando sia verso nord sia verso sud, un caso unico per una stazione di profondità della metropolitana. Southgate è la stazione sotterranea più a nord dell'intera rete metropolitana.

IncidentiModifica

Il 19 giugno 2018, intorno alle 19:00, ci fu un'esplosione all'ingresso della stazione, che causò cinque feriti.[7]

InterscambiModifica

La stazione è servita delle seguenti linee di autobus urbani:

  •  : 121, 125, 298, 299, 382, W6, W9, 616, 628, 688, 699 e la linea notturna N91.[8]

Nella cultura di massaModifica

La stazione è stata utilizzata come set cinematografico nel film Fine di una storia del 1999 e per l'episodio È troppo facile della serie televisiva Miss Marple del 2009..[9]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Clive's Underground Line Guides - Piccadilly Line, Dates, su davros.org. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  2. ^ R. Mott, A Southgate Boyhood, Edmonton Hundred Historical Society, 2001, p. 22, ISBN 0-902922-61-0.
  3. ^ (EN) Southgate Underground Station, including surface buildings and platforms, su historicengland.org.uk. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  4. ^ (EN) Previous Winners, su National Railway Heritage Awards, 2008 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2014).
  5. ^ (EN) World Cup 2018: Tube station named Gareth Southgate, in BBC News, 16 luglio 2018. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) Outrage as 'random' woman is filmed tearing down Gareth Southgate Tube sign, in Evening Standard. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  7. ^ (EN) Five injured in Tube station explosion, in BBC News, 19 June 2018. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Transport for London - Buses, su tfl.gov.uk. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  9. ^ (EN) The London Underground in Films & Television, su nickcooper.org.uk. URL consultato il 24 ottobre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica