Spartizione di Triparadiso

Spartizione di Triparadiso
ContestoGuerre dei Diadochi
Firma321 a.C.
LuogoTriparadiso, Siria settentrionale
CondizioniReggenza di Antipatro per Alessandro IV e Filippo III Arrideo e divisione delle satrapie dell'Impero tra i diadochi
voci di trattati presenti su Wikipedia

La spartizione di Triparadiso, avvenuta a Triparadiso nel 321 a.C., è un accordo per la spartizione dei territori conquistati da Alessandro Magno tra i suoi generali (diadochi), in cui venne nominato un nuovo reggente e si stabilì la nuova ripartizione delle satrapie. Questo accordo seguì la spartizione di Babilonia avvenuta nel 323 a.C. subito dopo la morte di Alessandro Magno.

Contesto storicoModifica

Nel giugno del 323 a.C., Alessandro Magno morì lasciando un enorme impero senza un erede. La sua successione, presso la dinastia degli Argeadi, non convince nessuno: Filippo III, figlio di Filippo II e fratellastro di Alessandro, non è adatto a governare a causa della sua pazzia, inoltre, Rossane, la moglie di Alessandro, era incinta ma ciò non garantiva che il figlio risultasse maschio. Da ciò, i generali che avevano accompagnato Alessandro nelle sue battaglie, i diadochi, decidono di prendere in mano l'impero, garantendone così il mantenimento teorico della sua unità. Una prima divisione dell'impero fu operata con la spartizione di Babilonia nel 323 a.C. A Perdicca venne affidato il ruolo di reggente dell'appena nato Alessandro IV. Antipatro, rimane stratega d'Europa (Macedonia e Stati greci) come fin dall'inizio della campagna di Alessandro in Asia. Viene anche stabilito che i satrapi nominati da Alessandro, nella parte orientale dell'impero, mantengano il loro governo, mentre le satrapie occidentali, a parte la Lidia, vengono attribuite ai grandi generali macedoni. I più importanti sono:

La pace però è solo temporanea, infatti Perdicca viene quasi immediatamente sospettato di voler governare da solo l'immenso impero Macedone, specialmente dopo la notizia che il reggente era pronto a sposare la sorellastra di Alessandro, Cleopatra, per legittimarsi al trono. La scintilla della ribellione fu il trafugamento del corpo di Alessandro, diretto in macedonia per ordine di Perdicca, da parte di Tolomeo, il quale lo portò nella sua provincia d'Egitto.

Perdicca scelse di marciare personalmente contro Tolomeo una volta per tutte, lasciando il compito di difendere l'Asia Minore ad Eumene, contro gli incombenti Antigono ed Antipatro. Mentre Eumene riuscì a difendersi, gli innumerevoli fallimenti in Egitto portarono Perdicca ad essere tradito ed ucciso dai suoi stessi ufficiali, tra cui Seleuco. Tolomeo rifiutò la proposta di diventare reggente, e nominò reggenti Pitone e Filippo Arrideo. Questa designazione incontrò la forte opposizione di Euridice, moglie del re Filippo III, che portò, con l'incontro tra tutti i diadochi avvenuto nel 321 a.C. a Triparadiso, alla loro sostituzione con Antipatro. L'incontro servì anche per spartire di nuovo le satrapie tra i vari generali.

 
L'impero macedone secondo la divisione dettata dalla spartizione di Triparadiso nel 321 a.C.

La spartizioneModifica

Arriano descrive gli esiti dell'incontro nel suo libro Gli eventi dopo Alessandro, pervenuto grazie al patriarca Fozio (820-897).

Le disposizioni adottate nell'accordo sono le seguenti:

Autolico il figlio di Agatocle, Aminta il figlio di Alessandro e fratello di Peuceste, Tolomeo il figlio di Tolomeo, e Alessandro il figlio di Polipercone, vennero nominate guardie del corpo del re.


Spartizione di Babilonia Spartizione di Triparadiso
Ruolo o
Regione
Diodoro Siculo Giustino Arriano+
Dessippo*
Diodoro Siculo Arriano
Re di Macedonia Filippo III Filippo III Filippo III+ Filippo III e
Alessandro IV
Filippo III e
Alessandro IV
Reggente Perdicca Perdicca Perdicca+ Antipatro Antipatro
Comandante dei Compagni Seleuco Seleuco n/d Cassandro I Cassandro I
Comandante delle Guardie n/d Cassandro I n/d n/d n/d
Macedonia Antipatro Antipatro Antipatro+* e
Cratero+
Antipatro Antipatro
Illiria Antipatro Filo Antipatro+* e
Cratero+
Antipatro Antipatro
Epiro Antipatro n/d Antipatro+* e
Cratero+
Antipatro Antipatro
Grecia Antipatro Antipatro Antipatro+* e
Cratero+
Antipatro Antipatro
Tracia Lisimaco Lisimaco Lisimaco+* Lisimaco Lisimaco
Frigia ellespontica Leonnato Leonnato+* Leonnato Arrideo Arrideo
Grande Frigia Antigono Antigono Antigono+* Antigono Antigono
Panfilia Antigono Nearco Antigono+* Antigono Antigono
Licia Antigono Nearco Antigono+* Antigono Antigono
Caria Asandro Cassandro I Cassandro I+ Asandro Asandro
Lidia Menandro Menandro Menandro+* Clito il Bianco Clito il Bianco
Cappadocia Eumene Eumene Eumene+* Nicanore Nicanore
Paflagonia Eumene Eumene Eumene+* Nicanore? Nicanore?
Cilicia Filota Filota Filota+* Filosseno Filosseno
Egitto Tolomeo Tolomeo Tolomeo+* Tolomeo Tolomeo
Siria Laomedonte Laomedonte Laomedonte+* Laomedonte Laomedonte
Mesopotamia Arcesilao Arcesilao Arcesilao* Amfimaco Amfimaco
Babilonia Arcone Peucesta Seleuco* Seleuco Seleuco
Pelasgia n/d Arcone n/d n/d n/d
Grande Media Peitone Atropate Peitone* Peitone Peitone
Piccola Media Atropate Atropate n/d n/d n/d
Susiana n/d Scino n/d Antigene Antigene
Persia Peucesta Tlepolemo Peucesta* Peucesta Peucesta
Carmania Tlepolemo n/d Neoptolemo* Tlepolemo Tlepolemo
Armenia n/d Frataferne n/d n/d n/d
Ircania Frataferne Filippo Frataferne Filippo? Filippo?
Partia Frataferne Nicanore n/d Filippo Filippo
Sogdiana Filippo Sciteo Filippo* Stasanore Stasanore
Battria Filippo Aminta n/d Stasanore Stasanore
Drangiana Stasanore Stasanore Stasanore* Stasandro Stasandro
Aria Stasanore Stasanore Stasanore* Stasandro Stasandro
Arachosia Sibirzio Sibirzio Sibirzio* n/d Sibirzio
Gedrosia Sibirzio Sibirzio Sibirzio* n/d Sibirzio? 2
Paropamisia Ossiarte Ossiarte? 3 Ossiarte* Ossiarte Ossiarte
Punjab Tassile Tassile Tassile* Tassile Tassile
Indo Poro Peitone, figlio di Agenore Poro* Poro Poro
Gandhara Peitone, figlio di Agenore Peitone, figlio di Agenore Peitone, figlio di Agenore Peitone, figlio di Agenore Peitone, figlio di Agenore
Note 1 = In Dessippo e Arriano si suggerisce che Ossiarte sia stato lasciato come satrapo di Battria
2 = Non detto esplicitamente, ma probabile
3 = Si legge Ossiarte per l'"Extarches" di Giustino

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica