Differenze tra le versioni di "Sorgue"

30 byte rimossi ,  2 anni fa
m
smistamento lavoro sporco e fix vari
m (Bot: aggiornato nome parametro)
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
|mappa =
}}
La '''Sorga''' ('''Sorgue''' in francese) è un fiume del [[Vaucluse]] ([[Francia]]), subaffluente di sinistra del [[Rodano (fiume)|Rodano]] (tramite il fiume [[Ouvèze]] al quale, in ogni modo, conferisce la prevalenza delle portate di magra e di piena).
 
== La sorgente ==
 
== Il corso ==
Il fiume è lungo appena una trentina di chilometri, ma, specie durante la piena, quando sovente esonda nelle campagne di [[L'Isle-sur-la-Sorgue]], diviene uno dei maggiori tributari del [[Rodano (fiume)|Rodano]]. La sua sorgente ispirò a [[Francesco Petrarca]] (che soggiornò nei pressi) i celebri versi ''[[Chiare, fresche e dolci acque|Chiare, fresche et dolci acque]]''<ref>[http://www.oilproject.org/lezione/chiare-fresche-e-dolci-acque-testo-parafrasi-4269.html La canzone petrarchesca "Chiare, fresche e dolci acque": parafrasi<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>.
 
In condizioni di piena, la sorgente ha la caratteristica di esondare con impressionante violenza e velocità, dalla sommità del cilindro (con diametro di una decina di metri), all'interno di una caverna (sulle cui pareti sono stati collocati una serie di idrometri per la misurazione del livello dell'acqua, che può raggiungere anche una quota di 5 o 6 metri superiore a quella dell'orlo del coronamento del cilindro), mentre in magra l'acqua fuoriesce direttamente dalle fessure della roccia, lungo l'alveo del fiume per una lunghezza di un centinaio di metri, a quote inferiori di alcune decine di metri rispetto allo sbocco della caverna. L'acqua sorgiva è purissima ed è considerata, in magra, addirittura potabile.
1 170 271

contributi