Biblioteca europea di informazione e cultura: differenze tra le versioni

La '''Biblioteca europea di informazione e cultura''' - più conosciuta come '''Biblioteca europea di Milano''', o '''BEIC''' - è una [[biblioteca digitale]] [[multimedia]]le.
 
==Storia delStoria progetto==
Il progetto per la realizzazione di una nuova grande [[biblioteca]] moderna per la [[Milano|città di Milano]] - sul modello di quelle istituite a cavallo del [[II millennio]] a [[Parigi]], [[Monaco di Baviera]], [[San Francisco]] e altrove - nasce alla fine degli anni novanta per iniziativa dell'associazione “Milano Biblioteca del 2000”.<ref name="Bibl">''La Biblioteca europea di Milano, Vicende e traguardi di un Progetto,'' a cura di [[Antonio Padoa-Schioppa]], Milano, Skira, 2014</ref> Con lo stanziamento di [[Fondazione Cariplo]] e altre istituzioni viene redatto lo [[studio di fattibilità]], relativo alla configurazione architettonica e a quella [[Biblioteconomia|biblioteconomica]].<ref>{{cita web|url=http://www.aib.it/aib/commiss/cnur/boisolim.html|autore=[[Giovanni Solimine]]|titolo=Il progetto delle collezioni della BEIC|opera=Current issues in collection development: Italian and global perspectives|sito=Aib.it|città=Bologna|data=18 febbraio 2005|accesso=28 marzo 2017}}</ref>
 
20 747

contributi