Differenze tra le versioni di "Afro Basaldella"

m
Bot: Formattazione delle date; modifiche estetiche
m (Bot: orfanizzo redirect Sebastian Matta)
m (Bot: Formattazione delle date; modifiche estetiche)
[[File:Afro, senza titolo, 1955.jpg|thumbminiatura|Bozzetto di Afro (1955), [[Collezione Mosaici Moderni]] della [[Pinacoteca di Ravenna]]]]
{{Bio
|Nome = Afro Libio
|Attività = pittore
|Nazionalità = italiano
|PostNazionalità = , considerato tra i più importanti artisti del dopoguerra e tra i principali esponenti dell'Informale italiano insieme ad Alberto Burri e a Lucio Fontana, appartenne negli [[anni 30]]trenta anche alla Scuola Romana (la stessa di [[Giorgio De Chirico]] e [[Renato Guttuso]])
}}
 
== Gli anni della formazione ==
 
Dopo la morte del padre, pittore e decoratore, Basaldella compì i suoi primi studi a [[Firenze]] e a [[Venezia]], dove si diplomò in pittura nel [[1931]].
Nel 1932 Basaldella trascorse un periodo a [[Milano]], frequentando il fratello Mirko e lo studio di [[Arturo Martini]]. L'anno seguente espose a Milano alla [[Galleria il Milione]].
 
== La maturazione ==
 
Nel capoluogo lombardo Afro ebbe la possibilità di conoscere altri artisti italiani dell'epoca, come [[Renato Birolli|Birolli]], [[Ennio Morlotti]] e lo stesso [[Arturo Martini]].
Afro continuò ad esporre le sue opere nel circuito internazionale. Fu invitato alla seconda Documenta, ed espose al MIT ed in vari musei europei. Vinse il primo premio alla Carnegie Triennial di [[Pittsburgh]], ed il premio italiano al Solomon R. Guggenheim Museum di New York. Il Guggenheim comprò il suo quadro del [[1957]] "Night Flight".
 
== Gli ultimi anni ==
Nei primi [[anni 1970|anni settanta]] Afro cominciò ad accusare problemi di salute. Morì nel 1976. L'anno dopo, Cesare Brandi pubblicò una monografia su di lui. Nel [[1978]] la [[Galleria Nazionale d'Arte Moderna]] di Roma gli rese omaggio dedicandogli un'ampia retrospettiva. Nel [[1992]] l'opera completa fu esposta a Palazzo Reale a Milano. Il Catalogo ragionato dell'opera di Afro fu presentato nel novembre [[1997]] all'American Academy a Roma, e nel [[1998]] alla [[Peggy Guggenheim Collection di Venezia|Fondazione Guggenheim]] di [[Venezia]].
 
== Bibliografia ==
* {{DBI
|nome = BASALDELLA, Afro
|nomeurl =
* {{DBF|tipo=Liruti|id=basaldella-afro|titolo=BASALDELLA AFRO|autore=Alessandro Del Puppo|accesso=24 dicembre 2017}}
 
== Altri progetti ==
{{ip}}
 
== Collegamenti esterni ==
* {{cita web|url=http://www.eugeniodavenezia.eu/it/amici_pittori.php?id=5|titolo=Biografia di Afro Basaldella}}
* {{cita web|http://www.arte.rai.it/articoli/lastrazione-secondo-afro-basaldella/18627/default.aspx|L'astrazione secondo Afro Basaldella, sul portale RAI Arte}}
* {{cita web|http://www.golcondarte.it/artigianato_artistico/creazioni-in-liberta-afro-e-il-gioiello|I gioielli di Afro Basaldella}}
* {{cita web|http://fondazioneafro.altervista.org/it/la-fondazione|La fondazione Archivio Afro}}
{{Controllo di autorità}}
{{Portale|biografie|pittura}}
491 877

contributi