Apri il menu principale

Modifiche

* il 3º Corpo d'Armata presso [[Robecco sul Naviglio|Robecco]] fra il naviglio e il Ticino<ref>{{Cita|Pieri|p. 603 e carta di p. 606}}</ref><ref name="Cita|Giglio|pp. 264-265">{{Cita|Giglio|pp. 264-265}}</ref>.
 
[[File:Silvestro lega ritorno dei bersaglieri da una ricognizione 1861.jpg|thumb|left|upright=1.5|Ritorno dei bersaglieri da una ricognizione durante la seconda guerra di indipendenza.<ref>Dipinto di [[Silvestro Lega]].</ref>]]
[[File:Carta Battaglia di Magenta.jpg|thumb|upright=1.5|Una carta francese del 1859 della [[battaglia di Magenta]]. Secondo le fonti attuali la collocazione delle unità austriache risulta approssimativa.]]
 
I francesi, intanto, tra il 2 e il 3 giugno erano riusciti a creare una piccola testa di ponte sulla sponda sinistra del Ticino, presso [[Turbigo]] (14&nbsp;km a nord-ovest da Magenta). Ciò permise la costruzione di un ponte di barche attraverso il quale poté attraversare il fiume e il naviglio il 2º Corpo di linea ([[Patrice de Mac-Mahon|Mac-Mahon]]). Avutane notizia, il comandante del 1º Corpo austriaco [[Eduard Clam-Gallas|Clam-Gallas]] vi mandò una forte ricognizione che però, a seguito della reazione francese ([[battaglia di Turbigo]]), dovette ritirarsi affrettatamente a Magenta<ref name="Cita|Giglio|pp. 264-265"/>. Oltre al corpo di Mac-Mahon da nord, Napoleone III preparava l'attacco principale da Novara, cioè da ovest.