Differenze tra le versioni di "Ciak"

26 byte rimossi ,  2 anni fa
decade -> decennio + min
(decade -> decennio + min)
[[File:2009-06-23-flemming-by-RalfR-20.jpg|miniatura|Un ciak mentre è usato sul set]]
[[File:Clapperboard, O2 film, September 2008.jpg|miniatura|Un ciak elettronico]]
 
Il '''ciak''' (in inglese ''clapperboard'') è un termine [[onomatopea|onomatopeico]] che definisce una delle attrezzature più caratteristiche del [[cinema]], tanto da simboleggiare il cinema stesso, composta da una tavoletta (o lavagna) su cui sono riportati tutti i dati della [[scena (cinema)|scena]] in fase di ripresa, e da un'asticella mobile che produce un [[rumore (acustica)|rumore]] caratteristico (detto appunto "ciak").
 
Lo strumento è utilizzato per assicurare la sincronizzazione di immagini e suoni nonché per identificare in maniera univoca scena, inquadratura e ripresa nelle registrazioni. Si presume che sia stato inventato nellanel secondasecondo decadedecennio del novecentoNovecento da Francis William Thring, regista e produttore australiano.<ref>Peter Fitzpatrick, The Two Frank Thrings, Monash University Publishing</ref>
 
== Uso ==
 
== Ciak statunitense e ciak italiano ==
Nel cinema storicamente si sono usati due tipi di ciak, quello statunitense e quello italiano, che si differenzia dal primo perché ha l'asticella (clachette) in basso invece che in alto <ref>''http://linguaggio-macchina.blogspot.it/2011/10/pensieri-sul-set-3-il-senso-del-ciak.html''</ref>; inoltre è provvisto di un manico per reggerlo meglio ed evitare di coprire le scritte con le dita. Inizialmente il ciak italiano era costruito dai macchinisti in compensato e, per segnare le numerazioni, adottava un sistema ingegnoso: sulla parte superiore aveva delle finestrelle con scanalature ai lati, dove venivano inseriti i numeri su cartoncini neri, tenuti insieme in gruppi dall'uno al dieci con un anello come un mazzo di chiavi; ogni ciak era corredato da 5 o 6 di questi mazzi, uno dei quali riportava tutte lettere dell'alfabeto anziché numeri. Il sistema era il più veloce per il cambio dei numeri e il cinema statunitense lo apprezzava molto.
 
I numeri sul ciak indicano: il numero della scena, il numero dell'inquadratura, il numero della ripresa (take). Inoltre tra i numeri può essere inserita una lettera, che serve talvolta ad indicare un rifacimento (R), oppure lo stesso ciak battuto per due macchine che saranno indicate con le lettere (A e B), o ancora quando si gira nuovamente la stessa inquadratura con una variante, che può essere un cambio d'obiettivo, o un cambio di battute, o di movimento.
121 324

contributi