Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 10 mesi fa
nessun oggetto della modifica
== Biografia ==
Ragazzo prodigio, figlio di un [[violino|violinista]] di Metz, Jean-Baptiste-Martin Thomas, e di una cantante, Ambroise Thomas apprese la musica da suo padre, imparando nel contempo a suonare il [[pianoforte]] e il violino. Il padre morì nel [[1823]] lasciando la famiglia senza risorse. La madre si trasferì a Parigi nel [[1827]] e l'anno dopo Ambroise entrò al [[Conservatorio di Parigi]] dove studiò con Zimmerman, Doulen, [[Jean-Francois Lesueur|Jean-François Lesueur]] per la composizione e Kalkbrenner per il pianoforte. Vinse il primo premio di pianoforte nel [[1829]], il primo premio di armonia nel [[1830]] e, dopo un primo tentativo infruttuoso nel [[1831]], il [[Prix de Rome]] nel [[1832]] con la [[cantata]] ''Herman et Ketty''.
[[File:AThomas.jpg|thumb|Thomas in una foto di [[Nadar]]]]
 
[[File:Statue d'Ambroise Thomas.jpg|thumb|right|Statua di Thomas ([[Parigi]], [[Parc Monceau]]).]]
Durante un suo soggiorno in [[Italia]] a [[Villa Medici (Roma)|Villa Medici]], egli compose essenzialmente della [[musica da camera]] e divenne amico di Hippolyte Frandin, che gli fece un ritratto, ed [[Jean-Auguste-Dominique Ingres|Ingres]], allora direttore dell'Accademia di Francia. Egli andò, in seguito, a [[Vienna]], [[Monaco di Baviera]] e [[Lipsia]]. Egli era a quei tempi, secondo la descrizione di Léon Escudier, «un giovane uomo di linea slanciata, dalla fisionomia espressiva, con degli occhi azzurri di una dolcezza ammaliante, dal passo noncurante e dai modi eleganti e garbati. Questo giovane uomo ha la voce flessuosa e penetrante e non si fa pregare molto per sedersi al pianoforte e suonare. Egli suona bene questo strumento, non alla maniera dei virtuosi da concerto sempre in cerca di approvazione e produttori di sonorità assordanti; ma un poeta che sa parlare al cuore e trovare i colori per dipingere i suoi trasporti e i suoi sogni.»
 
Al suo ritorno a Parigi nel [[1837]], Thomas si indirizza alla composizione di opere, che saranno tutte brillanti. Anche se le opere di questo periodo, composte in uno stile leggero e molodioso, ottengono un buon successo, nessuna riesce a rimanere in repertorio: ''La Double Échelle'' del ([[1837]]), che ebbe i complimenti di [[Hector Berlioz]]; ''Le Caïd'' del [[1849]], operetta brillante che riportò un grande successo; ''Le Songe d'une Nuit d'Été'' del [[1850]], fantasia drammatica ben accolta, o il Falstaff da [[William Shakespeare]]; ''Raymond'' del [[1851]], la cui [[ouverture]] rimase popolare, ''Le Roman d'Elvire'', ecc. Grazie al successo di ''Caïd'', Ambroise Thomas viene eletto trionfalmente all'Académie des Beaux-Arts de l'Institut de France nel [[1851]], surclassando Berlioz che non ottenne alcun voto.
 
[[File:AThomas.jpg|thumb|Thomas in una foto di [[Nadar]]]]
Fu all'età di oltre cinquant'anni che la sua opera ''[[Mignon]]'' del [[1866]], riportò un notevole successo dopo un debutto mediocre. Da allora Thomas, la cui fama era stata relativamente modesta, assurse al rango di grande compositore. Nel 1894 ''Mignon'' era già stata rappresentata oltre 1.000 volte solamente all'[[Théâtre national de l'Opéra-Comique|Opéra-Comique]] ed era un successo in tutti i teatri d'[[Europa]].
 
112

contributi