Differenze tra le versioni di "Schema (psicologia)"

→‎Inquadramento del problema: aggiungo "senza fonte"
(aggiungo wikilink)
(→‎Inquadramento del problema: aggiungo "senza fonte")
Uno dei temi più controversi nello studio della [[Memoria (psicologia)|memoria]], in [[psicologia]], è la precisione nel richiamare alla mente i ricordi, specie dopo un lungo periodo di tempo.
 
Lo stesso psicologo svizzero [[Jean Piaget]] dovette ammettere che un drammatico evento che aveva funestato la propria infanzia, e del quale, ovviamente, conservava un vivido ricordo, non era in realtà mai avvenuto: quanto egli ''credeva'' di rammentare, era soltanto il frutto di suggestioni indotte dal racconto menzognero inventato dalla sua bambinaia, come ebbe modo di apprendere molti anni più tardi, per confessione della donna medesima.{{senza fonte}}
 
Normalmente gli psicologi accettano l'idea che la memoria di eventi occorsi nel passato remoto ([[memoria di lungo termine]]) sia una [[memoria ricostruttiva]]: in breve, ci comportiamo – inconsciamente – come il [[paleontologo]] che da pochi reperti di osso ricostruisce, ipoteticamente, l'intero [[Scheletro (anatomia)|scheletro]] di [[dinosauro]].
Utente anonimo