Differenze tra le versioni di "Verme delle sabbie"

m
m
Il verme delle sabbie è una creatura estremamente pericolosa per un viaggiatore del deserto, data la sua aggressività, la sua enorme mole e la sua immunità a quasi qualsiasi arma. Nonostante il verme non si nutra abitualmente di esseri umani (che gli sarebbero comunque tossici dato l'elevato contenuto di acqua), esso attacca istintivamente ogni fonte di rumori ritmici come quelli prodotti da un uomo che cammina; ciò rende molto pericoloso avventurarsi nei deserti di Arrakis a piedi.
 
Fanno eccezione a questa regola i Fremen, che hanno sviluppato una particolare relazione con i vermi. Per prima cosa essi hanno imparato ad evitare gli attacchi imitando l'andatura irregolare degli animali del deserto. Hanno inoltre sviluppato uno strumento chiamato ''martellatore'', una sorta di bastone dotato di una estremità appuntita per essere piantato nella sabbia e di un dispositivo che genera una vibrazione ritmica. Questo strumento viene usato come diversivo o come esca per attirare un verme in un luogo desiderato. La ragione di ciò è che i Fremen hanno sviluppato una tecnica nota solo ad essi per usare i vermi come mezzo di trasporto. Ciò conferisce a questa popolazione una mobilità che ha assicurato loro un vantaggio su molti nemici, principalmente gli [[Casa Harkonnen|Harkonnen]] che non ne hanno mai sospettato l'esistenza.
 
Per cavalcare un verme prima di tutto si usa un martellatore per attirarne uno, poi il Fremen lascia che gli passi a breve distanza (questa è la parte più delicata, se il Fremen non calcola perfettamente la distanza può mancare il verme o esserne travolto) e aggancia uno dei segmenti della corazza del verme con uno speciale gancio detto ''[[Amo (pesca)|amo]] per creatori''. A questo punto si usa il gancio per sollevare un lembo del segmento esponendo la delicata pelle sottostante. Per evitare il contatto con la sabbia abrasiva, il verme istintivamente ruota su sé stesso portando la parte esposta verso l'alto, trascinando così il suo cavaliere sul "dorso". Finché il cavaliere mantiene sollevato il segmento con il gancio, il verme rimarrà in superficie, inoltre sollevando altri lembi lungo la circonferenza del verme è possibile farlo ruotare, guidandone la direzione. A questo punto altri Fremen possono agganciarsi al verme con la stessa tecnica e viaggiare su di esso, aiutando nel "pilotare" l'animale sollevando altri segmenti di corazza o colpendogli la coda per aumentare la velocità. Inoltre sono state sviluppate delle strutture che possono essere agganciate al verme per permettere di viaggiare anche a coloro che non hanno l'agilità necessaria per usare i ganci, come gli anziani e i feriti. Un verme può essere cavalcato per circa mezza giornata, durante la quale può percorrere diverse centinaia di [[Miglio (unità di misura)|miglia]], dopodiché si ferma esausto e rimane immobile finché non viene liberato dai ganci, per poi seppellirsi nella sabbia a riposare.
 
Cavalcare il verme è per i Fremen anche un importante [[rito di [[iniziazione]] per i giovani.
 
I vermi furono usati a scopo militare da [[Paul Atreides|Paul Muad'Dib]] come trasporto truppe nell'attacco alla città di Arrakeen, durante l'omonima battaglia contro le truppe imperiali.
 
I Fremen impiegano i denti cristallini dei vermi per ricavarne un [[pugnale]] chiamato ''cryss''. Di eccezionale qualità, il cryss è l'arma preferita da questo popolo, nonché un elemento fondamentale per molti dei suoi rituali. Un pugnale cryss, una volta sfoderato, non può essere riposto senza avere bevuto il sangue di un nemico. Una particolare versione di questi coltelli richiede la costante esposizione al [[campo elettromagnetico]] di un essere vivente senza la quale si decompone rapidamente. Un pugnale cryss di questo tipo è la proprietà più preziosa del suo possessore.
 
La preghiera che i Fremen recitano all'apparizione di un verme: "Benedetto sia il Creatore e la Sua acqua. Benedetta sia la Sua venuta e la Sua partenza. Possa il Suo passaggio purificare il mondo. Possa Egli conservare il mondo per il Suo popolo. Benedetto sia Shai-hulud".
 
== Influenza culturale ==
74 497

contributi