Differenze tra le versioni di "Divisione Nord-Sud"

nessun oggetto della modifica
m (Sostituisco Collegamenti esterni ai vecchi template e rimuovo alcuni duplicati)
]]
 
== Descrizione ==
=== Significato del termine ===
[[Immagine:North South Divide 3.PNG|thumb|La suddivisione geopolitica Nord - Sud come è considerata<ref>[http://www.s-cool.co.uk/topic_quicklearn.asp?loc=ql&topic_id=13&quicklearn_id=1&subject_id=20&ebt=151&ebn=&ebs=&ebl=&elc=4 Contrasts in Development] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20071209010801/http://www.s-cool.co.uk/topic_quicklearn.asp?loc=ql&topic_id=13&quicklearn_id=1&subject_id=20&ebt=151&ebn=&ebs=&ebl=&elc=4 |data=9 dicembre 2007 }}</ref>]]
Il [[sottosviluppo]] è una condizione di arretratezza sociale ed economica in cui vive la [[popolazione]] di un paese rispetto ai paesi con sistemi economici più avanzati. I paesi poveri sottosviluppati o in via di sviluppo, nelle analisi geopolitiche, erano inizialmente raggruppati nel cosiddetto [[Terzo mondo]], contrapposto al Primo mondo, i paesi industrializzati ad economia capitalista, e al Secondo mondo, i paesi a [[economia pianificata]] dell'Europa socialista.
Per avere un quadro più preciso del grado di sviluppo di un paese, nel [[1990]] l'[[Organizzazione delle Nazioni Unite|ONU]] ha introdotto l'Isu, l'[[Indice di sviluppo umano]], che si ottiene dalla combinazione di tre dati: la [[speranza di vita]] alla [[nascita]], il [[reddito]] [[pro capite]] e il [[Stati per tasso di alfabetizzazione|tasso di alfabetizzazione]].
 
=== Classificazione dei paesi poveri ===
Sono tantissime le diverse classificazioni dei paesi poveri ed in genere le misure della ricchezza, delle risorse o della qualità della vita nel mondo.
{{Vedi anche|Classificazioni dei paesi poveri}}
 
=== Le città ===
==Globalizzazione e povertà==
[[Immagine:Jakarta slumlife18.JPG|thumb|Bidonville a Jakarta]]
A causa delle pessime condizioni di vita, milioni di [[famiglia|famiglie]] contadine si trasferiscono dai villaggi rurali alle periferie delle grandi città nella speranza di trovare lavoro e condizioni di vita migliori. Intorno alle megalopoli, si formano delle gigantesche [[bidonville]], cioè insiemi di baracche e tuguri costruiti con mezzi di fortuna, come [[cartone]] o [[lamiera|lamiere]], che ospitano milioni di persone. Le bidonville non hanno acqua corrente, sono sprovviste di qualsiasi servizio e sono malsane. Alcuni esempi di città del Sud del mondo circondate da bidonville sono [[Città del Messico]], [[Città del Capo]], [[Bombay]], [[Giacarta]].
 
=== Le malattie ===
Negli ultimi anni, grazie al miglioramento delle condizioni socio-sanitarie e allo sviluppo di farmaci efficaci e di vaccini, le malattie infettive sono diventate più prevenibili e curabili, anche se, nei paesi del Sud del mondo, esse continuano a rappresentare un enorme problema sanitario e la causa principale di mortalità della popolazione; malattie come morbillo, polmonite e infezioni intestinali sono le cause principali di mortalità infantile.
 
Nel Sud del mondo sono causate prevalentemente dalle cattive condizioni igieniche, dalle problematiche alimentari, dalle trasmissione tramite punture di insetti particolari come la [[febbre gialla]] e la [[Tripanosomiasi africana umana|malattia del sonno]], dal clima arido in molti paesi, soprattutto dell'Africa, dalla mancanza di ospedali locali, ambulatori e altre strutture sanitarie, di personale sanitario e di farmacie.
 
A questo deve aggiungersi il costo dei farmaci: in molti casi essi risultano troppo costosi in rapporto al reddito delle singole famiglie ed insostenibili per i bilanci statali.
 
Oggi la preoccupazione sanitaria primaria è la comparsa e propagazione di nuove malattie come l'[[Ebolavirus|ebola]], e la diffusione di altre come la [[dengue]] un tempo con areali limitati di diffusione.
 
=== Globalizzazione e povertà ===
[[Immagine:Office of CBP Air and Marine helicopter and boats.jpg|thumb|Pattugliamento di controllo dei confini marittimi contro l'immigrazione clandestina da parte dello ''[[United States Customs and Border Protection|U.S. Customs and Border Protection]]''.]]
Negli ultimi vent'anni è diventata comune l'espressione “[[globalizzazione]] dell'economia” a indicare il carattere mondiale dell'economia del nuovo millennio.
Ad un [[Civiltà occidentale|Occidente]] ricco e in calo [[demografia|demografico]] fa riscontro un Terzo mondo povero e in [[Tasso di natalità|rapido]] accrescimento. Le [[città]] europee e nordamericane devono affrontare il fenomeno dell'[[immigrazione]], spesso [[Immigrazione illegale|clandestina]], che se per alcuni politici potrebbe determinare problemi di ordine sociale, per altri un modello di [[Società multietnica]] appare la risorsa con la quale garantire lo sviluppo economico e coprire, nel tempo, i vuoti di una popolazione in diminuzione.
 
==Le= causeGli aiuti dal nord del sottosviluppomondo ===
 
Ormai molti paesi sottosviluppati possono cercare di migliorare le loro condizioni solo con aiuti da nazioni sviluppate e dalle associazioni internazionali, che hanno più volte varato e tuttora varano programmi di aiuto ai paesi in via di sviluppo, tramite la spedizione di viveri, prestiti a fondo perduto, organizzazioni di medici (come "[[Medici senza frontiere]]") che possano curare le gravi malattie diffuse fra la popolazione.
 
La distribuzione dei prodotti sul posto spesso si è rivelata carente a causa dei precari sistemi di [[trasporto]], della disorganizzazione delle pubbliche amministrazioni o persino dall'accaparramento delle merci migliori da parte di privilegiati.
 
Si è inoltre deciso di non avviare progetti di costruzione di opere e [[infrastrutture]] colossali, bensì mirare a piccoli progetti, soprattutto in campo agricolo. Per esempio, in alcuni paesi, con i finanziamenti del Nord del mondo, sono state costruite grandi [[diga|dighe]] inutilizzate a causa delle insufficienti conoscenze dei tecnici locali o anche solo per la mancanza di pezzi di ricambio. Piccoli interventi come la costruzione di [[pozzo|pozzi]] artesiani e la manutenzione di minime reti di [[irrigazione]] risultano ben più efficienti.
 
== Le cause del sottosviluppo ==
 
===Prima del Colonialismocolonialismo===
Secondo diversi storici, le cause del sottosviluppo del sud del mondo sono da ricercarsi prima del colonialismo, le nazioni europee avrebbero dunque solo sfruttato a loro favore un sottosviluppo già esistente. A sostegno di questa tesi si cita ad esempio l'[[Etiopia]], che nonostante sia sempre stata una nazione indipendente (eccetto per pochi anni nel [[XX secolo|ventesimo secolo]]) è uno degli stati più poveri del pianeta. Secondo molti anzi il colonialismo avrebbe lasciato un'eredità positiva come ad esempio strade, ferrovie, e portando una lingua comune in vaste zone<ref>Nicholas Kristof, The New York Times, 10 aprile 2010, [http://kristof.blogs.nytimes.com/2010/04/10/zimbabwe-and-the-causes-of-african-poverty/ Zimbabwe and the Causes of African Poverty - NYTimes.com]</ref>.
 
Si calcola che oltre 2 miliardi di persone nel mondo non abbiano la possibilità di consumare una quantità di [[caloria|calorie]] sufficiente a soddisfare il loro fabbisogno giornaliero. Il clima arido, la [[malnutrizione]] e la denutrizione, le pessime condizioni igieniche causano gravi malattie.
 
==Le malattieEconomia ==
Negli ultimi anni, grazie al miglioramento delle condizioni socio-sanitarie e allo sviluppo di farmaci efficaci e di vaccini, le malattie infettive sono diventate più prevenibili e curabili, anche se, nei paesi del Sud del mondo, esse continuano a rappresentare un enorme problema sanitario e la causa principale di mortalità della popolazione; malattie come morbillo, polmonite e infezioni intestinali sono le cause principali di mortalità infantile.
 
Nel Sud del mondo sono causate prevalentemente dalle cattive condizioni igieniche, dalle problematiche alimentari, dalle trasmissione tramite punture di insetti particolari come la [[febbre gialla]] e la [[Tripanosomiasi africana umana|malattia del sonno]], dal clima arido in molti paesi, soprattutto dell'Africa, dalla mancanza di ospedali locali, ambulatori e altre strutture sanitarie, di personale sanitario e di farmacie.
 
A questo deve aggiungersi il costo dei farmaci: in molti casi essi risultano troppo costosi in rapporto al reddito delle singole famiglie ed insostenibili per i bilanci statali.
 
Oggi la preoccupazione sanitaria primaria è la comparsa e propagazione di nuove malattie come l'[[Ebolavirus|ebola]], e la diffusione di altre come la [[dengue]] un tempo con areali limitati di diffusione.
 
==Economia==
 
[[File:GDP nominal per capita world map IMF 2008.png|thumb|Mappa che mostra le stime del [[Prodotto interno lordo|PIL]] delle nazioni (anno 2008)]]
 
Molti di loro lo esportano a causa del debole consumo interno per la scarsa popolazione o per il limitato livello di sviluppo economico. Fra i paesi in via di sviluppo produttori di petrolio si trovano [[Arabia Saudita]], [[Emirati Arabi]], [[Libia]], [[Iran]], [[Nigeria]], [[Messico]], [[Iraq]], [[Venezuela]] e altri Paesi.
 
==Le città==
[[Immagine:Jakarta slumlife18.JPG|thumb|Bidonville a Jakarta]]
A causa delle pessime condizioni di vita, milioni di [[famiglia|famiglie]] contadine si trasferiscono dai villaggi rurali alle periferie delle grandi città nella speranza di trovare lavoro e condizioni di vita migliori. Intorno alle megalopoli, si formano delle gigantesche [[bidonville]], cioè insiemi di baracche e tuguri costruiti con mezzi di fortuna, come [[cartone]] o [[lamiera|lamiere]], che ospitano milioni di persone. Le bidonville non hanno acqua corrente, sono sprovviste di qualsiasi servizio e sono malsane. Alcuni esempi di città del Sud del mondo circondate da bidonville sono [[Città del Messico]], [[Città del Capo]], [[Bombay]], [[Giacarta]].
 
==Gli aiuti dal nord del mondo==
 
Ormai molti paesi sottosviluppati possono cercare di migliorare le loro condizioni solo con aiuti da nazioni sviluppate e dalle associazioni internazionali, che hanno più volte varato e tuttora varano programmi di aiuto ai paesi in via di sviluppo, tramite la spedizione di viveri, prestiti a fondo perduto, organizzazioni di medici (come "[[Medici senza frontiere]]") che possano curare le gravi malattie diffuse fra la popolazione.
 
La distribuzione dei prodotti sul posto spesso si è rivelata carente a causa dei precari sistemi di [[trasporto]], della disorganizzazione delle pubbliche amministrazioni o persino dall'accaparramento delle merci migliori da parte di privilegiati.
 
Si è inoltre deciso di non avviare progetti di costruzione di opere e [[infrastrutture]] colossali, bensì mirare a piccoli progetti, soprattutto in campo agricolo. Per esempio, in alcuni paesi, con i finanziamenti del Nord del mondo, sono state costruite grandi [[diga|dighe]] inutilizzate a causa delle insufficienti conoscenze dei tecnici locali o anche solo per la mancanza di pezzi di ricambio. Piccoli interventi come la costruzione di [[pozzo|pozzi]] artesiani e la manutenzione di minime reti di [[irrigazione]] risultano ben più efficienti.
 
==Degrado ambientale==
Utente anonimo