Apri il menu principale

Modifiche

 
Oltre ai Cacciatori delle Alpi (che costituivano una forza pari ad una brigata), l'esercito piemontese alla vigilia della guerra vedeva questi comandanti e queste unità schierate: comandante in capo Vittorio Emanuele II (ma alla confluenza con il corpo di spedizione francese il comando sarebbe passato a Napoleone III così come previsto dal trattato di alleanza); capo di stato maggiore [[Enrico Morozzo Della Rocca]], ministro della Guerra al campo [[Alfonso La Marmora]].
* 1ª Divisione, generale [[Angelo Bongiovanni di Castelborgo]] (1802-1862);
* 2ª Divisione, generale [[Manfredo Fanti]];
* 3ª Divisione, generale [[Giovanni Durando]];