Differenze tra le versioni di "Seconda guerra d'indipendenza italiana"

(leggero aumento delle dimensioni delle immagini)
 
Oltre ai Cacciatori delle Alpi (che costituivano una forza pari ad una brigata), l'esercito piemontese alla vigilia della guerra vedeva questi comandanti e queste unità schierate: comandante in capo Vittorio Emanuele II (ma alla confluenza con il corpo di spedizione francese il comando sarebbe passato a Napoleone III così come previsto dal trattato di alleanza); capo di stato maggiore [[Enrico Morozzo Della Rocca]], ministro della Guerra al campo [[Alfonso La Marmora]].
* 1ª Divisione, generale [[Angelo Bongiovanni di Castelborgo]] (1802-1862);
* 2ª Divisione, generale [[Manfredo Fanti]];
* 3ª Divisione, generale [[Giovanni Durando]];