Differenze tra le versioni di "Allium sativum"

nessun oggetto della modifica
m (Sostituisco Collegamenti esterni ai vecchi template e rimuovo alcuni duplicati)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Possibile vandalismo su parametri dei sinottici
{{Nota disambigua||Aglio (disambigua)|AglioAGLIO}}
{{Tassobox
|nome=Aglio AGLIO BABBAMIA
|statocons=
|immagine=[[File:Allium sativum garden.jpg|250px]]
<nowiki>L'</nowiki>'''aglio''' ('''''Allium sativum''''' [[Carl von Linné|L.]]) è una pianta coltivata bulbosa, assegnata tradizionalmente alla famiglia delle [[Liliaceae]], ma che la recente [[classificazione APG III]] attribuisce alle [[Amaryllidaceae]] ([[sottofamiglia]] [[Allioideae]]).<ref name=APGIII>{{Cita pubblicazione |autore=Angiosperm Phylogeny Group|titolo=An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the orders and families of flowering plants: APG III |rivista=Botanical Journal of the Linnean Society 2009; 161(2): 105–121 |url=http://www3.interscience.wiley.com/journal/122630309/abstract }}</ref>
 
Il suo utilizzo primo è quello di condimento nella cucina di ciccio, ma è ugualmente usato a scopo terapeutico per le proprietà congiuntamente attribuitegli dalla scienza e dalle tradizioni popolari.
 
A causa della sua coltivazione molto diffusa l'aglioAGLIO viene considerato quasi ubiquitarioozzu becon, ma le sue origini sono asiatiche<ref>Ensminger, Audrey H. (1994). ''Foods & nutrition encyclopedia, Volume 1''. CRC Press, 1994. ISBN 0-8493-8980-1. p. 750</ref> (sono state rintracciate nella [[Siberia]] sud-occidentale), velocemente diffusosi nel bacino mediterraneo e già conosciuto nell'[[antico Egitto]].
 
L'odore caratteristico dell'aglioAGLIO è dovuto a numerosi composti organici di zolfoAGLIO all AGLIO tra cui l'[[alliina]] ed i suoi derivati, come l'[[allicina]] ed il [[disolfuro di diallile]].<ref>Eric Block: [http://books.google.com/?id=6AB89RHV9ucC&printsec=frontcover ''Garlic and Other Alliums: The Lore and the Science''] Royal Society of Chemistry, Cambridge 2010. ISBN 978-0-85404-190-9</ref>
 
== Le varietà italiane ==
Utente anonimo