Apri il menu principale

Modifiche

132 byte rimossi ,  11 mesi fa
fix parametro cita
 
==Etimologia e storia del nome==
La denominazione europea e americana del [[Alabama (fiume)|fiume Alabama]] e dello Stato, trae origine dal [[Alabama (popolo)|popolo Alabama]], una tribù parlante [[lingue muskogean]] i cui membri vivevano appena sotto la confluenza del [[Coosa]] e del [[Tallapoosa (fiume)|Tallapoosa]] nel fiume Alabama.<ref name="Read">{{Cita libro|cognome=Read |nome=William A. |titolo=Indian Place Names in Alabama |anno=1984 |editore=University of Alabama Press |isbn=0-8173-0231-X |oclc=10724679 }}</ref> Nel linguaggio Alabama, la parola per una persona Alabama è ''Albaamo'' (o anche Albaama o Albàamo in altri dialetti, con la forma plurale Albaamaha).<ref>{{Cita libro|coautori=Sylestine, Cora; Hardy; Heather; and [[Timothy Montler|Montler, Timothy]] |titolo=Dictionary of the Alabama Language |editore=University of Texas Press |città=Austin |anno=1993 |isbn=0-292-73077-2 |url=http://www.ling.unt.edu/~montler/Alabama/ |oclc=26590560 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081024054330/http://www.ling.unt.edu/~montler/Alabama/ |dataarchivio=24 ottobre 2008 |df=mdy-all }}</ref>
 
Secondo un'altra teoria, la parola Alabama deriva dalla relativa [[Choctaw|lingua Choctaw]] ed è stata adottata dalle tribù Alabama come loro nome.<ref>"Alabama, n. and adj.". [[Oxford English Dictionary|OED]] Online. Marzo 2016. Oxford University Press. http://www.oed.com/view/Entry/248152?redirectedFrom=alabama& (accessed April 22, 2016)</ref><ref name="ADAH1">{{Cita web |url=http://www.archives.alabama.gov/statenam.html |titolo=Alabama: The State Name |accesso=2 agosto 2007 |opera=All About Alabama |editore=Alabama Department of Archives and History |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20070628215841/http://www.archives.alabama.gov/statenam.html |dataarchivio=28 giugno 2007 |urlmorto=sì |df=mdy }}</ref> L'ortografia della parola varia tuttavia in modo significativo tra le fonti storiche.<ref name="ADAH1"/> Il primo utilizzo appare in tre conti derivanti dalla spedizione di [[Hernando de Soto]] del [[1540]] con [[Garcilaso de la Vega]] utilizzando Alibamo, mentre il Cavaliere di Elvas e Rodrigo Ranjel scrissero ''Alibamu'' e ''Limamu'' rispettivamente, nel cercare di traslitterare il termine.<ref name="ADAH1"/> Già nel [[1702]], i francesi chiamarono la tribù degli Alibamon, con mappe francesi identificative del fiume "Rivière des Alibamons".<ref name="Read"/> Altre compilazioni del nome risultano essere ''Alabamo'', ''Albama'', ''Alebamon'', ''Alibama'', ''Alibamou'', ''Alabamu'', ''Allibamou''.<ref name="ADAH1"/><ref name="Wills">{{Cita libro|cognome=Wills |nome=Charles A. |titolo=A Historical Album of Alabama |anno=1995 |editore=The Millbrook Press |isbn=1-56294-591-2 |oclc=32242468 }}</ref><ref name="Griffith">{{Cita libro|cognome=Griffith |nome=Lucille |titolo=Alabama: A Documentary History to 1900|anno=1972 |editore=University of Alabama Press|isbn=0-8173-0371-5 |oclc=17530914 }}</ref><ref name="Weiss">and possibly ''Alabahmu''.{{Senza fonte|date=December 2014}}<!-- source might be in print only--> The use of state names derived from [[Indigenous languages of the Americas|Native American languages]] is common in the US; an estimated 27&nbsp;states have names of Native American origin. {{Cita libro|cognome=Weiss |nome=Sonia |titolo= The Complete Idiot's Guide to Baby Names |anno=1999 |editore=Mcmillan USA |isbn=0-02-863367-9 |oclc=222611214 }}</ref>
 
Le fonti non sono tuttavia d'accordo sul significato della parola. Un articolo del 1842 del ''Jacksonville repubblicano'' propose che il significato di essa fosse "Here we rest" (qui ci riposiamo).<ref name="ADAH1"/> Questa teoria è stata resa popolare nel [[1850]] attraverso gli scritti di Alexander Beaufort Meek.<ref name="ADAH1"/> Gli esperti nelle lingue Muskogean non sono stati tuttavia in grado di trovare alcuna prova per sostenere tale traduzione.<ref name="Read"/><ref name="ADAH1"/>
 
Gli studiosi ritengono che il termine derivi da ''alba'' in Choctaw (che significa "piante" o "erbacce") e ''amo'' (che significa "tagliare", "per tagliare" o "per raccogliere").<ref name="ADAH1"/><ref name="Rogers">{{Cita libro|cognome=Rogers |nome=William W.|autore2=Robert D. Ward|autore3=Leah R. Atkins|autore4=Wayne Flynt |titolo=Alabama: the History of a Deep South State |anno=1994 |editore=University of Alabama Press |isbn=0-8173-0712-5 |oclc=28634588 }}</ref><ref name="Swanton1">{{Cita pubblicazione|cognome=Swanton |nome=John R. |wkautore=John R. Swanton |anno=1953 |titolo=The Indian Tribes of North America |rivista=Bureau of American Ethnology Bulletin |volume=145 |pp=153–174 |url=http://www.hiddenhistory.com/PAGE3/swsts/alabam-1.htm |accesso=2 agosto 2007 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20070804025900/http://www.hiddenhistory.com/PAGE3/swsts/alabam-1.htm |dataarchivio=4 agosto 2007 |urlmorto=no |df=mdy |hdl=2027/mdp.39015005395804 }}</ref> Il significato potrebbe essere stato "stribbie del boschetto"<ref name="Rogers"/> o "raccoglitori di erbe",<ref name="Swanton1"/><ref name="Swanton2">{{Cita pubblicazione|cognome=Swanton |nome=John R. |wkautore=John R. Swanton |anno=1937 |titolo=Review of Read, Indian Place Names of Alabama|rivista=American Speech|pp=212–215|numero=12 |doi=10.2307/452431 |volume=12 |jstor=452431}}</ref> riferendosi al disboscamento della terra per la coltivazione<ref name="Wills"/> o la raccolta di piante medicinali.<ref name="Swanton2"/>
 
==Storia==
===Insediamento pre-europeo===
[[File:Moundville Archaeological Site Alabama.jpg|thumb|Sito archeologico di Moundville]]
Prima della colonizzazione europea convissero per migliaia di anni popoli indigeni di diverse culture. Il commercio con le tribù situate a nord-est del [[Ohio (fiume)|fiume Ohio]] iniziò durante il ''Burial Mound Period'' (1000 a.C. - 700 d.C.) e continuò fino alla [[Colonizzazione europea delle Americhe]].<ref name="NewYorkTimesAlmanac">{{Cita news|url=http://travel2.nytimes.com/2004/07/15/travel/NYT_ALMANAC_US_ALABAMA.html |titolo=Alabama |data=11 agosto 2006 |opera=The New York Times Almanac 2004 |accesso=23 settembre 2006 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131016195242/http://travel2.nytimes.com/2004/07/15/travel/NYT_ALMANAC_US_ALABAMA.html |dataarchivio=16 ottobre 2013 |urlmorto=sì |df=mdy }}</ref> La cultura agraria coinvolse la maggior parte dello stato dal 1000 al 1600 d.C.; allora venne costruito l'attuale [[Moundville (sito archeologico)|sito archeologico di Moundville]] a [[Moundville (Alabama)|Moundville]].<ref>{{Cita libro|cognome= Welch |nome= Paul D. |titolo= Moundville's Economy |editore= University of Alabama Press |anno= 1991 |isbn= 0-8173-0512-2 |oclc= 21330955 }}</ref><ref>{{Cita libro|cognome= Walthall |nome= John A. |titolo= Prehistoric Indians of the Southeast-Archaeology of Alabama and the Middle South |editore= University of Alabama Press |anno= 1990 |isbn= 0-8173-0552-1 |oclc= 26656858 }}</ref>
 
Tra i [[nativi americani]] che una volta popolavano l'Alabama vi erano [[Alabama (popolo)|Alabama]] (Alibamu), [[Cherokee]], [[Chickasaw]], [[Choctaw]], [[Creek (popolo)|Creek]], [[Koasati]] e [[Mobile (popolo)|Mobile]].<ref>{{Cita web
===Colonizzazione europea===
Con l'esplorazione nel XVI secolo, gli spagnoli furono i primi europei a raggiungere l'Alabama.
Nel [[1540]] fu esplorato da [[Hernando de Soto]]. Più di 160 anni dopo, i francesi fondarono il primo insediamento europeo della regione a Old Mobile, nel 1702.<ref name="US50">{{Cita web|url=http://www.theus50.com/alabama/ |titolo=Alabama State History |accesso=23 settembre 2006 |editore=theUS50.com |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060825052401/http://www.theus50.com/alabama/ |dataarchivio=25 agosto 2006 |urlmorto=no |df=mdy }}</ref> Nel 1711 la città fu trasferita nell'attuale sito di [[Mobile (Alabama)|Mobile]]. Questa zona è stata rivendicata dai francesi dal 1702 al 1763 come parte della [[Louisiana francese]].<ref name=alahisttmln>{{Cita web|titolo=Alabama History Timeline|url=http://www.archives.alabama.gov/timeline/al1801.html|editore=Alabama Department of Archives and History|accesso=27 luglio 2013}}</ref> Dopo che i francesi vennero sconfitti dagli inglesi nella [[Guerra dei sette anni]], l'Alabama entrò a far parte, dal 1763 al 1783, della [[Florida occidentale]]. Dopo la vittoria degli Stati Uniti nella [[Guerra d'indipendenza americana]], il territorio venne spartito tra gli USA e la [[Spagna]]. Quest'ultima mantenne il controllo del territorio occidentale dal 1783 fino alla resa della guarnigione spagnola alle forze armate statunitensi il 13 aprile 1813.<ref name=alahisttmln/><ref name="annexed1">{{Cita libro|cognome=Thomason|nome=Michael|titolo=Mobile: The New History of Alabama's First City|anno=2001|editore=University of Alabama Press|città=Tuscaloosa|isbn=0-8173-1065-7|p=61}}</ref>
 
Thomas Bassett, un [[Lealisti (rivoluzione americana)|lealista]] della monarchia britannica durante il periodo rivoluzionario, fu uno dei primi coloni bianchi dello stato fuori da Mobile. Si stabilì nel distretto di Tombigbee nei primi anni settanta del Settecento.<ref>{{Cita web|url=http://www.archives.state.al.us/aha/markers/washington.html |titolo=Alabama Historical Association Marker Program: Washington County |editore=Archives.state.al.us |accesso=1º giugno 2011 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20110822222441/http://www.archives.state.al.us/aha/markers/washington.html |dataarchivio=22 agosto 2011 |df=mdy-all }}</ref>
I confini del distretto erano approssimativamente limitati all'area entro poche miglia del [[Tombigbee (fiume)|fiume Tombigbee]] e includevano parti di quella che oggi è la parte meridionale della [[Contea di Clarke (Alabama)|Contea di Clarke]], la parte settentrionale della [[Contea di Mobile]] e la maggior parte della [[Contea di Washington (Alabama)|Contea di Washington]].<ref name="oldsw">{{Cita libro|titolo=The Old Southwest 1795–1830: Frontiers in Conflict |cognome=Clark |nome=Thomas D. |autore2=John D. W. Guice |anno=1989 |editore=University of New Mexico Press |città=Albuquerque |isbn=0-8061-2836-4 |pp=44–65, 210–257}}</ref><ref name="colonial mobile">{{Cita libro|titolo=Colonial Mobile: An Historical Study of the Alabama-Tombigbee Basin and the Old South West from the Discovery of the Spiritu Sancto in 1519 until the Demolition of Fort Charlotte in 1821 |cognome=Hamilton |nome=Peter Joseph |anno=1910 |editore=Hougthon Mifflin |città=Boston |oclc=49073155 |pp=241–244}}</ref> Quelle che ora sono le contee di [[Contea di Baldwin (Alabama)|Baldwin]] e [[Contea di Mobile|Mobile]] entrarono a far parte della Florida occidentale spagnola nel 1783, parte dell'indipendente Repubblica della Florida occidentale nel 1810, e furono infine aggiunte al Territorio del Mississippi
nel 1812. Buona parte dell'attuale nord Alabama era conosciuta come ''terre Yazoo''.<ref>{{Cita libro|cognome=Cadle|nome=Farris W|titolo=Georgia Land Surveying History and Law|anno=1991|editore=University of Georgia Press|città=Athens, Ga.}}</ref><ref name="pickett">{{Cita libro|cognome=Pickett|nome=Albert James|titolo=History of Alabama and incidentally of Georgia and Mississippi, from the earliest period|anno=1851|editore=Walker and James|città=Charleston|pp=408–428}}</ref>
Prima della concessione del Mississippi di costituire uno stato indipendente il 10 dicembre 1817, la parte orientale del territorio, scarsamente popolata, fu separata e denominata [[Territorio dell'Alabama]]. Il [[Congresso degli Stati Uniti]] creò il territorio dell'Alabama il 3 marzo 1817. St. Stephens, ora abbandonato, servì da capitale territoriale dal 1817 al 1819.<ref name="eoaststephens">{{Cita web|url=http://www.encyclopediaofalabama.org/face/Article.jsp?id=h-1674 |titolo=Old St. Stephens |opera=Encyclopedia of Alabama |editore=Auburn University |accesso=21 giugno 2011}}</ref> L'Alabama venne ammesso come 22º stato il 14 dicembre 1819; il Congresso scelse [[Huntsville (Alabama)|Huntsville]] come località per la prima Convenzione costituzionale. Dal 5 luglio al 2 agosto 1819, i delegati si riunirono per preparare la nuova costituzione statale. Huntsville servì come capitale temporanea dal 1819 al 1820, quando la sede del governo si trasferì a Cahaba, nella [[Contea di Dallas (Alabama)|Contea di Dallas]].<ref>{{Cita web|titolo=Huntsville |url=http://www.encyclopediaofalabama.org/face/Article.jsp?id=h-2498 |opera=The Encyclopedia of Alabama |editore= Alabama Humanities Foundation |accesso=22 gennaio 2013}}</ref> Cahaba, ora città fantasma, fu la prima capitale statale permanente dal 1820 al 1825.<ref name="Cahaw">{{Cita web|titolo=Old Cahawba, Alabama's first state capital, 1820 to 1826|opera=Old Cahawba: A Cahawba Advisory Committee Project|url=http://www.cahawba.com/|accesso=22 settembre 2012}}</ref>
 
L'economia della regione centrale (''[[Black Belt (Alabama)|Black Belt]]'') vedeva l'impiego di schiavi neri nelle piantagioni di cotone.<ref name="SSpaces"/> Nelle altre zone i bianchi poveri praticavano l'agricoltura di sussistenza. Gli abitanti dello stato nel 1810 erano meno di 10.000, che aumentarono a più di 300.000 nel 1830.<ref name="fever">{{Cita web|url=http://www.encyclopediaofalabama.org/face/Article.jsp?id=h-3155 |titolo=Alabama Fever |autore=LeeAnna Keith |data=13 ottobre 2011 |opera=Encyclopedia of Alabama |editore=Auburn University |accesso=22 settembre 2012}}</ref> La maggior parte delle tribù native americane furono [[Deportazione degli indiani|completamente rimosse]] dallo stato nel giro di pochi anni dal passaggio dell'[[Indian Removal Act]].<ref name="ala">{{Cita web|url=http://www.encyclopediaofalabama.org/face/Article.jsp?id=h-1598 |titolo=Alabama |autore=Wayne Flynt |data=9 luglio 2008 |opera=Encyclopedia of Alabama |editore=Auburn University |accesso=22 settembre 2012}}</ref> Dal 1826 al 1846 [[Tuscaloosa]] fu la capitale dell'Alabama. Il 30 gennaio 1846, la legislatura dell'Alabama annunciò che avrebbe approvato il trasferimento della capitale da Tuscaloosa a [[Montgomery (Alabama)|Montgomery]]. La prima sessione legislativa nella nuova capitale si riunì nel dicembre 1847.<ref name="capitols">{{Cita web|url=http://www.archives.state.al.us/capital/capitals.html |titolo=Capitals of Alabama |opera=Alabama Department of Archives and History |accesso=8 luglio 2011 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20110716220255/http://www.archives.state.al.us/capital/capitals.html |dataarchivio=16 luglio 2011 |urlmorto=no |df=mdy }}</ref>
 
===Guerra civile e ricostruzione===
 
==Geografia fisica==
L'Alabama è il trentesimo Stato più grande degli [[Stati Uniti d'America|Stati Uniti]] con un'estensione di 135.760&nbsp;km²: il 3,2% della superficie è coperto d'acqua, rendendo l'Alabama 23º per quantità di acque di superficie, dandogli anche il secondo più grande sistema idroviario interno degli Stati Uniti.<ref>{{Cita web|url= http://factfinder.census.gov/servlet/GCTTable?_bm=n&_lang=en&mt_name=DEC_2000_SF1_U_GCTPH1R_US9S&format=US-9S&_box_head_nbr=GCT-PH1-R&ds_name=DEC_2000_SF1_U&geo_id=01000US |titolo= GCT-PH1-R. Population, Housing Units, Area, and Density (areas ranked by population): 2000 |anno=2000 |accesso=23 settembre 2006 |opera=Geographic Comparison Table |editore= U.S.Census Bureau}}</ref> Circa tre quinti della superficie dello Stato sono coperti da una pianura dolce con una discesa generale verso il [[Mississippi (fiume)|fiume Mississippi]] ed il [[Golfo del Messico]]. La regione settentrionale dello Stato è prevalentemente montuosa, con il [[Tennessee (fiume)|fiume Tennessee]] che taglia una grande valle creando numerosi torrenti, ruscelli, fiumi, montagne e laghi.<ref name="NetState">{{Cita web|url=http://www.netstate.com/states/geography/al_geography.htm |titolo=The Geography of Alabama |opera=Geography of the States |editore=NetState.com |data=11 agosto 2006 |accesso=23 settembre 2006 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060917172224/http://www.netstate.com/states/geography/al_geography.htm |dataarchivio=17 settembre 2006 |urlmorto=no |df=mdy }}</ref>
 
Lo Stato confina con il [[Tennessee]] a nord, la [[Georgia (Stati Uniti d'America)|Georgia]] a est, la [[Florida]] a sud, e il [[Mississippi]] a ovest. L'Alabama ha inoltre tratti costieri con il Golfo del Messico nel lembo meridionale dello Stato.<ref name="NetState"/> Lo Stato varia in elevazione dal livello del mare<ref name="usgs">{{Cita web|data=29 aprile 2005 |url=http://erg.usgs.gov/isb/pubs/booklets/elvadist/elvadist.html#Highest |titolo=Elevations and Distances in the United States |editore=U.S Geological Survey |accesso=3 novembre 2006 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20080116113632/http://erg.usgs.gov/isb/pubs/booklets/elvadist/elvadist.html |dataarchivio=16 gennaio 2008 |urlmorto=sì |df=mdy-all }}</ref> della [[Baia di Mobile]] a più di 1.800 piedi (550&nbsp;m) dei [[Appalachi|monti Appalachi]] nel nord-est. Il punto più alto è il Monte Cheaha,<ref name="NetState"/> con un'altezza di 2.413 piedi (735&nbsp;m).<ref name=ngs>{{Cita web|url=http://www.ngs.noaa.gov/cgi-bin/ds_mark.prl?PidBox=DG3595 |titolo=NGS Data Sheet for Cheaha Mountain |editore=U.S. National Geodetic Survey |accesso=8 giugno 2011}}</ref> Il territorio dell'Alabama è costituito da 22 milioni di acri (89.000&nbsp;km 2) di foresta, il 67% della superficie totale.<ref>[http://www.alabamaforests.org/Introduction/index.html Alabama Forest Owner's Guide to Information Resources, Introduction], Alabamaforests.org {{webarchive |url=https://web.archive.org/web/20150427181510/http://www.alabamaforests.org/Introduction/index.html |date=27 aprile 2015 }}</ref> La [[Contea di Baldwin (Alabama)|contea suburbana di Baldwin]], lungo la costa del Golfo, è la più grande contea dello Stato sia in termini di superficie territoriale sia di superficie d'acqua.<ref>{{Cita web|url=http://factfinder.census.gov/servlet/GCTTable?_bm=y&-context=gct&-ds_name=DEC_2000_SF1_U&-mt_name=DEC_2000_SF1_U_GCTPH1R_ST2S&-CONTEXT=gct&-tree_id=4001&-redoLog=true&-geo_id=04000US01&-format=ST-2 |titolo=Alabama County (geographies ranked by total population): 2000 |data=2000 |opera=Geographic Comparison Table |editore=U.S. Census Bureau |accesso=14 maggio 2007|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081011232646/http://factfinder.census.gov/servlet/GCTTable?_bm=y&-context=gct&-ds_name=DEC_2000_SF1_U&-mt_name=DEC_2000_SF1_U_GCTPH1R_ST2S&-CONTEXT=gct&-tree_id=4001&-redoLog=true&-geo_id=04000US01&-format=ST-2|dataarchivio=11 ottobre 2008|urlmorto=sì}}</ref>
 
Tra le aree in Alabama amministrate dal [[National Park Service]] vi sono l'Horseshoe Bend National Military parco nei pressi di [[Alexander City]], il Little River Canyon National Preserve vicino a [[Fort Payne]], il Russell Cave National Monument a [[Bridgeport (Alabama)|Bridgeport]] oltre al Tuskegee Airmen National Historic Site e il Tuskegee Institute National Historic Site nei pressi di [[Tuskegee]].<ref>{{Cita web|url=http://home.nps.gov/applications/parksearch/state.cfm?st=al |titolo=National Park Guide |accesso=23 settembre 2006 |opera=Geographic Search |editore=National Park Service – U.S. Department of the Interior |città=Washington, D.C |urlarchivio= http://home.nps.gov/state/al/index.htm?program=parks |dataarchivio= 30 settembre 2006 |urlmorto= no}}</ref>
[[File:Alabama population map.png|thumb|Densità di popolazione dell'Alabama]]
 
Lo [[Ufficio del censimento degli Stati Uniti d'America|United States Census Bureau]] stima che la popolazione dell'Alabama sia di 4.858.979 abitanti al 1º luglio 2015,<ref name=PopEstUS>{{Cita web|url=http://www.census.gov/popest/data/state/totals/2015/tables/NST-EST2015-01.csv |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20151223235718/http://www.census.gov/popest/data/state/totals/2015/tables/NST-EST2015-01.csv |urlmorto=sì |dataarchivio=23 dicembre 2015 |formato=CSV |titolo=Table 1. Annual Estimates of the Resident Population for the United States, Regions, States, and Puerto Rico: April 1, 2010 to July 1, 2015 |data=26 dicembre 2015 |editore=[[United States Census Bureau|U.S. Census Bureau]] |accesso=26 dicembre 2015 }}</ref> che rappresenta un aumento di 79.243, o dell'1,66%, dal censimento del 2010.<ref>{{Cita web|url=http://www.census.gov/2010census/popmap/ipmtext.php?fl=01 |titolo=2010 Census Interactive Population Search |editore=2010.census.gov |accesso=29 dicembre 2014}}</ref> Questo include un aumento naturale dall'ultimo censimento di 121,054 persone (cioè 502,457 nascite meno morti 381,403) e un incremento dovuto alla migrazione netta di 104,991 persone nello Stato.<ref name=census_cum>{{Cita web|titolo=Annual Estimates of the Population for the United States, Regions, States, and Puerto Rico: April 1, 2010 to July 1, 2012 |url=http://www.census.gov/popest/data/national/totals/2012/index.html |editore=U.S. Census Bureau |accesso=24 dicembre 2012 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20090205023552/http://www.census.gov/popest/states/tables/NST-EST2008-04.csv |dataarchivio=5 febbraio 2009 |urlmorto=sì |df=mdy }}</ref>
 
L'immigrazione da fuori degli Stati Uniti ha determinato un incremento netto di 31,180 persone, e la migrazione all'interno del paese ha prodotto un guadagno netto di 73,811 persone.<ref name=census_cum/> Lo Stato ha avuto 108.000 nati all'estero (2,4% della popolazione dello Stato), di cui circa 22,2% erano immigrati clandestini (24.000).
 
===Agricoltura===
I prodotti dell'agricoltura includono il pollame e le uova, il bestiame, aticoli per vivaio, arachidi, cotone, cereali come il mais e il sorgo, verdura, latte, soia, e le pesche. Anche se conosciuto come "Lo Stato del cotone", Alabama si classifica tra l'ottavo ed il decimo posto per la produzione di cotone nazionale.<ref>{{Cita web|url=http://cber.cba.ua.edu/pdf/ab2005q4.pdf |titolo=Alabama and CBER: 75 Years of Change |accesso=23 settembre 2006 |anno=2005 |opera=Alabama Business |editore=Center for Business and Economic Research, Culverhouse College of Commerce, The University of Alabama |formato=PDF |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060927141609/http://cber.cba.ua.edu/pdf/ab2005q4.pdf |dataarchivio=27 settembre 2006 |urlmorto=no |df=mdy }}</ref><ref>{{Cita web|url=http://www.aces.edu/dept/nass/bulletin/2005/pg05.pdf |titolo=State Highlights for 2004–2005 |accesso=23 settembre 2006 |anno=2005 |opera=Alabama Cooperative Extension System |editore=USDA, NASS, Alabama Statistical Office |formato=PDF |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060921005808/http://www.aces.edu/dept/nass/bulletin/2005/pg05.pdf |dataarchivio=21 settembre 2006 |urlmorto=no |df=mdy }}</ref>
 
===Industria===
Le produzioni industriali comprendono i prodotti siderurgici (compresi ghisa e tubo d'acciaio), carta, legname e prodotti del legno; estrazione (soprattutto carbone); prodotti di plastica, auto e camion e abbigliamento. Inoltre, l'Alabama produce prodotti aerospaziali ed elettronici, per lo più nella zona di Huntsville, la localizzazione della [[NASA]] George C. Marshall Space Flight Center e l'US Army Aviation e Missile Command, con sede in Redstone Arsenal.
L'Alabama è parte del più grande corridoio di crescita industriale della nazione. La maggior parte di questa crescita è dovuta al settore in rapida espansione della produzione automobilistica, Honda, Hyundai Motor Manufacturing Alabama, Mercedes-Benz USA International, e Toyota Motor Manufacturing Alabama. Lo stato attualmente è al 4º posto nella nazione per le esportazioni di veicoli. Dal 1993, l'industria automobilistica ha generato più di 67.800 nuovi posti di lavoro nello Stato.<ref>{{Cita web|url=http://www1.eere.energy.gov/vehiclesandfuels/facts/2008_fotw539.html |titolo=Vehicle Technologies Program: Fact #539: 6 ottobre 2008, Light Vehicle Production by State |editore=.eere.energy.gov |data=6 ottobre 2008 |accesso=24 ottobre 2010|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20081006202740/http://www1.eere.energy.gov/vehiclesandfuels/facts/2008_fotw539.html|dataarchivio=6 ottobre 2008 |urlmorto=sì}}</ref> Le case automobilistiche hanno rappresentato circa un terzo dell'espansione industriale nello stato nel 2012.<ref>{{Cita news|cognome=McCreless |nome=Patrick |titolo=Automakers account for about a third of the state's industrial expansion |url=http://www.annistonstar.com/view/full_story/20677539/article-Automakers-account-for-about-a-third-of-the-state-s-industrial-expansion?instance=home_news#ixzz2DioLu4sx |giornale=The Anniston Star |data=31 ottobre 2012 |accesso=15 giugno 2013 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20131022035218/http://www.annistonstar.com/view/full_story/20677539/article-Automakers-account-for-about-a-third-of-the-state-s-industrial-expansion?instance=home_news#ixzz2DioLu4sx |dataarchivio=22 ottobre 2013 |df=mdy-all }}</ref> Gli otto modelli prodotti presso le fabbriche automobilistiche dello stato hanno totalizzato vendite combinate di 74.335 unità nel 2012. I tre modelli più venduti in questo periodo sono stati la [[Hyundai Elantra]], la [[Mercedes-Benz Classe GL]] e la [[Honda Ridgeline]].<ref>{{Cita news|cognome=Kent|nome=Dawn|titolo=U.S. auto sales see gains in March, as Alabama-made models rise 4 percent |url=http://www.al.com/business/index.ssf/2013/04/us_auto_sales_see_gains_in_mar.html#incart_river |accesso=15 giugno 2013 |editore=AL.com |data=2 aprile 2013}}</ref>
 
===Turismo===
 
==Legge e governo==
Il documento fondativo per il governo dello stato è la Costituzione dell'Alabama, che è stata ratificata nel 1901. Con quasi 800 emendamenti e 310.000 parole, è considerata da molti la costituzione più lunga del mondo; la sua lunghezza è circa quaranta volte quella della [[Costituzione degli Stati Uniti]].<ref>Tim Lockette, [http://www.annistonstar.com/article_c928bd51-fbf1-5056-a30c-1bf4b19eb012.html?mode=jqm Is the Alabama Constitution the longest constitution in the world?Truth Rating: 4 out of 5], ''Anniston Star''.</ref><ref>Campbell Robertson, [https://www.nytimes.com/2012/10/31/us/alabama-simmers-before-vote-on-its-constitutions-racist-language.html?pagewanted=all Alabama Simmers Before Vote on Its Constitution's Racist Language], ''New York Times'', 10 ottobre 2012.</ref><ref name="Washington Post">{{Cita news|url=https://www.washingtonpost.com/ac2/wp-dyn/A16443-2004Nov27?language=printer |cognome=Roig-Franzia |nome=Manuel |titolo=Alabama Vote Opens Old Racial Wounds |opera=The Washington Post |data=28 novembre 2004 |accesso=22 settembre 2006 |urlmorto=sì |urlarchivio=https://archive.is/20121210050145/http://www.washingtonpost.com/ac2/wp-dyn/A16443-2004Nov27?language=printer |dataarchivio=10 dicembre 2012 |df=mdy-all }}</ref><ref name="Constitution">{{Cita web|url=http://www.legislature.state.al.us/CodeOfAlabama/Constitution/1901/Constitution1901_toc.htm |titolo=Constitution of Alabama – 1901 |opera=The Alabama Legislative Information System |accesso=22 settembre 2006 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20060923081542/http://www.legislature.state.al.us/CodeOfAlabama/Constitution/1901/Constitution1901_toc.htm |dataarchivio=23 settembre 2006 |urlmorto=sì |df=mdy }}</ref> C'è stato un movimento significativo per riscrivere e modernizzare la costituzione dell'Alabama.<ref>{{Cita web|url=http://www.constitutionalreform.org/ |titolo=Alabama Citizens for Constitutional Reform |editore=Constitutionalreform.org |accesso=24 ottobre 2010 |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20100915165938/http://www.constitutionalreform.org/ |dataarchivio=15 settembre 2010 |urlmorto=sì |df=mdy }}</ref> Alcuni critici ritengono che l'elezione dei [[Chief justice|giudici]] abbia contribuito a un tasso di esecuzioni estremamente elevato.<ref>[https://www.nytimes.com/2000/03/01/us/questions-of-death-row-justice-for-poor-people-in-alabama.html SARA RIMER, "Questions of Death Row Justice For Poor People in Alabama"]. ''New York Times'', 1 March 2000. Accessed 11 Marzo 2017.</ref> L'Alabama ha il tasso di pena di morte pro capite più alto nel paese. In alcuni anni impone più condanne a morte di quanto non faccia il [[Texas]], uno stato che ha una popolazione cinque volte più elevata.<ref name="npr.org">{{Cita web|autore=Rebecca Buckwalter-Poza |url=http://www.npr.org/2014/07/25/335418230/with-judges-overriding-death-penalty-cases-alabama-is-an-outlier |titolo=With Judges Overriding Death Penalty Cases, Alabama Is An Outlier |sito=NPR.org |data=27 luglio 2014 |accesso=21 luglio 2016}}</ref>
 
===Tasse===
L'aliquota generale delle imposte sulle vendite dello stato è del 4%.<ref>{{Cita web|url=http://www.taxadmin.org/fta/rate/sl_sales.html |titolo=Comparison of State and Local Retail Sales Taxes |accesso=26 maggio 2007 |urlmorto=bot: unknown |urlarchivio=https://web.archive.org/web/20070520231150/http://www.taxadmin.org/fta/rate/sl_sales.html |dataarchivio=20 maggio 2007 |df=mdy }}. taxadmin.org, July 2004, Recuperato il 18 dicembre 2013.</ref>
 
L'Alabama incassa le imposte sul reddito dai suoi residenti alle seguenti tariffe:<ref name="taxes_state"/>
Sebbene inusuale in [[Civiltà occidentale|Occidente]], le punizioni corporali nelle scuole non sono rare in Alabama; secondo i dati governativi per l'anno scolastico 2011-2012, 27.260 studenti almeno una volta hanno subito una punizione fisica.<ref name="CORPUN_US_SCHOOL">{{Cita web|url=http://corpun.com/counuss.htm |titolo= Corporal punishment in US schools |editore=''[[World Corporal Punishment Research]]'' |cognome= Farrell |nome= Colin |data=Febbraio 2016 |accesso=4 aprile 2016}}</ref>
 
Secondo il rapporto del 2011 dell'''U.S. News & World Report'', in Alabama erano presenti tre università classificate nelle 100 migliori scuole pubbliche in America (l'[[Università dell'Alabama]] al 31º posto, l'[[Università di Auburn]] al 36° e l'Università dell'Alabama a Birmingham al 73°).<ref>{{Cita web|titolo=Top Public Schools |url=http://colleges.usnews.rankingsandreviews.com/best-colleges/rankings/national-universities/top-public/spp%2B50 |opera=U.S. News & World Report |accesso=17 settembre 2011 |urlarchivio=https://www.webcitation.org/61mTinjiN?url=http://colleges.usnews.rankingsandreviews.com/best-colleges/rankings/national-universities/top-public/spp+50 |dataarchivio=18 settembre 2011 |urlmorto=sì |df=mdy }}</ref>
 
==Media==