Apri il menu principale

Modifiche

→‎Morte ed eredità: Snellimento del titolo
Poco dopo, il Manifesto programmatico del Congresso del Guomindang affermava oltre ai tre principi, tre indirizzi politici: ''alleanza con l'Unione Sovietica, cooperazione con i comunisti, e aiuto ai contadini e agli operai''. Per quanto riguarda il governo della Cina, Sun Yat-sen si riproponeva di riunificare militarmente il paese e, dopo una fase di tutela politica che avrebbe abituato progressivamente i cinesi all'uso della democrazia, la creazione di una Repubblica democratica. La [[Costituzione]] della Repubblica, pensava Sun, avrebbe potuto innestare elementi provenienti dalla tradizione cinese sul sistema occidentale. In particolare ai tre poteri legislativo, esecutivo e giudiziario si sarebbero uniti il potere degli esami di selezione dei funzionari e il potere di controllo derivante dall'antico censorato cinese.
 
== Morte di Sun Yat-sen e suaed eredità ==
Il 12 marzo [[1925]] Sun Yat-sen morì a [[Pechino]] di [[Cancro (malattia)|cancro]] al fegato. Nel [[1926]] a [[Nanchino]] iniziò la costruzione del [[Mausoleo di Sun Yat-sen|mausoleo in suo onore]] ai piedi della [[Montagna Viola]] e completato nel [[1929]]. Il 1º giugno 1929 i resti di Sun vennero trasferiti da Pechino al Mausoleo a Nanchino dove si trovano tutt'ora e meta per migliaia di turisti e sostenitori ogni anno, cinesi e non, sia dalla [[Taiwan|Repubblica di Cina]] (Taiwan) che dalla [[Repubblica Popolare Cinese]], tra cui importanti politici di entrambe le Cine.
 
Utente anonimo