Differenze tra le versioni di "Presidenza di Franklin Pierce"

ortografia
m (Bot: aggiungo sortkey " " per categoria principale (v. discussione))
(ortografia)
Visto dai compagni di Partito come gradito e accomodante per tutte le [[correnti politiche]] Pierce, allora un politico ben poco conosciuto, ottenne la nomina presidenziale al 49º scrutinio della Convention nazionale.
 
Come presidente supervisionò a tutta una serie di riforme nei [[Dipartimenti dell'Esecutivo federale degli Stati Uniti d'America|Dipartimenti esecutivi]] del [[Governo federale degli Stati Uniti d'America]] le quali migliorarono la resa degli impiegati reponsabiliresponsabili. Contemporaneamente tentò anche di imporre degli standard imparziali per il servizio nella [[funzione pubblica]], ma cercando di soddisfare al contempo interamente anche le diverse fazioni del proprio Partito grazie alla pratica del [[clientelismo]], uno sforzo che in gran parte fallì facendo passare molti dei suoi precedenti sostenitori all'opposizione attiva.
 
Pose il [[veto]] ai finanziamenti volti al miglioramento civile e strutturale interno e richiese una tariffa doganale più bassa. In sintonia con l'espansionista "Young America movement" sosterrà l'acquisto di terreni da parte del finanziere [[James Gadsden]] dal [[Messico]] (il cosiddetto ''[[Acquisto Gadsden]]'') e guidò un fallito tentativo di acquisire la [[Capitaneria generale di Cuba]] dall'[[impero spagnolo]]. L'amministrazione di Pierce verrà severamente criticata dopo che molti dei suoi diplomatici pubblicarono il ''Manifesto di Ostenda'', che richiedeva l'annessione dell'isola di Cuba anche con la forza se necessario.
423 477

contributi