Apri il menu principale

Modifiche

Correggendo il testo
L'ICP era finalizzato alla realizzazione di edilizia economica e popolare precipuamente sull'area urbana di [[Roma]], il cui allora [[sindaco]], il [[principe]] [[Prospero Colonna (di Paliano)|Prospero Colonna]], aveva caldeggiato e ispirato la legge sul piano dei valori etici: "''interpretazione fedele dei sentimenti delle classi diseredate dalla fortuna''"<ref name=aterroma />.
 
[[File:ALBERONE1.jpg|thumb|upright=1.3|Roma Piazza dell'Alberone, edificio IACP del [[1927]] di [[Camillo Palmerini]] (1995)]]
Già nel [[1906]] l'ICP aveva completato le sue prime realizzazioni, fra le quali quelle al [[quartiere Flaminio]], nel [[1907]] iniziarono quelle del [[rione]] [[San Saba (rione di Roma)|San Saba]]<ref name=aterroma /> il cui completamento si ebbe negli [[anni 1920|anni venti]] e che per le soluzioni applicate ha nel corso del tempo acquisito valore urbanistico e progettuale autonomo e peculiare<ref>[[Ettore Maria Mazzola]] (a cura di), ''"Contro storia" dell'architettura moderna: il caso di Roma'', Volume 46 di ''Saggi e documenti di storia dell'architettura'', Alinea Editrice, 2004 - ISBN 8881258765</ref>. I progetti dell'allora giovane [[architetto]] [[Quadrio Pirani]] spiccano nelle citazioni di settore e San Saba nel tempo diviene, secondo [[Vittorio Sgarbi]], "''un momento essenziale della visita a Roma''"<ref>Vittorio Sgarbi, ''L'Italia delle meraviglie'', Bompiani, 2012 - ISBN 8858706951</ref>.
 
Un intervento di analoga progressiva rivalutazione in epoche successive è quello che l'ICP attuò al quartiere [[Garbatella]]<ref name=aterroma />, per il quale progettarono [[Marcello Piacentini]] e [[Gustavo Giovannoni]] e la cui prima pietra fu posata dal re [[Vittorio Emanuele III]] il 18 febbraio [[1920]], ora "compleanno del quartiere"<ref>Cosmo Barbato, ''[http://www.caragarbatella.it/a2010/2010/febbraio-2010/quel-18-febbraio-1920-nasceva-il-quartiere-giardino Quel 18 febbraio 1920 nasceva il quartiere giardino]''</ref>.
 
[[File:GARBATELLA113A.jpg|thumb|upright=1.3|left|La Garbatella, quartiere di Roma]]
Sulla scia dell'esempio capitolino, nacquero altri Istituti di analogo oggetto in molte parti d'Italia. Solo per fare qualche esempio, nel [[1908]] l'[[Istituto autonomo per le case popolari della provincia di Napoli|IACP della provincia di Napoli]]<ref>[http://www.storiacity.com/art/istituto-autonomo-case-popolari-a-napoli/ Storiacity]</ref>, nel [[1914]] l'[[Istituto autonomo case popolari di Venezia]]<ref>[http://www.atervenezia.it/informazioni-generali/la-storia-il-profilo-operativo-e-le-cifre-dellente/later-di-venezia-e-la-sua-storia/ Ater Venezia]</ref> e [[Istituto Autonomo Case Popolari di Treviso|quello di Treviso]]<ref>[http://www.atertv.it/2_21/default.ashx Ater Treviso]</ref>, nel [[1919]] quello di [[Varese]]<ref>[http://www.alervarese.it/Profilo/Storia.aspx Aler Varese] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20150114032715/http://www.alervarese.it/Profilo/Storia.aspx |data=14 gennaio 2015 }}</ref> e nel [[1937]] l'[[Istituto fascista Autonomo per le Case Popolari della Provincia di Viterbo]]<ref>[http://www.atervt.it/storia Ater Viterbo]]</ref>.
 
4 829

contributi