Differenze tra le versioni di "Dragut"

43 byte aggiunti ,  1 anno fa
La sua grande occasione venne nel [[1544]], quando Khayr al-Din Barbarossa si ritirò, lasciando a lui il comando della flotta ottomana. Dagli ottomani fu allora chiamato ''Spada vendicatrice dell'Islam'', per la spietatezza delle sue azioni. Con una serie di alleanze, fra cui anche una discussa con i [[Francia|francesi]], nemici degli [[Spagna|spagnoli]], riuscì a diventare viceré di [[Algeri]], Signore di Tripoli e di al-[[Mahdiyya]] per conto di [[Solimano il Magnifico]].
 
Nel [[1545]] compie razzie di prigionieri alle Cinque Terre. Il 25 luglio 1546 il corsaro Dragut sbarca a [[Laigueglia]] e cattura tutti gli abitanti caricandoli sulle sue navi. Successivamente gli stessi vengono liberati dal Capitano Berno che riesce ad impadronirsi della nave corsara sulla quale viaggiavano i laiguegliesi rapiti.
Continuò a imperversare nelle coste del [[Mediterraneo]]. Il 4 luglio [[1549]] assediò [[Rapallo]] in [[Liguria]], depredando la città e le chiese di oggetti sacri religiosi. Dopo tre giorni il [[corsaro]] ripartì dal borgo ruentino, portando via come schiave più di cento fanciulle rapallesi. Nello stesso anno Dragut, sbarcato a [[Palmi]] e attardatosi presso una fonte ombrosa, fu sorpreso e ributtato in mare dagli abitanti.<ref>Vedi G.VALENTE, ''Calabria, Calabresi e Turcheschi nei secoli della pirateria'', Ed. Frama's, 1973, pag.157.</ref>.
 
Utente anonimo