Differenze tra le versioni di "Luciano Lama"

m
(template cita "xxxx"; fix formato data)
Ma l'intesa del gennaio 1982 che modifica la copertura della contingenza dura solo per due anni. Il leader della Cgil non riesce ad evitare la rottura con Cisl, Uil e i socialisti del suo sindacato, e soprattutto la prova del referendum. In questo periodo termina l'emergenza del terrorismo e l'azione unitaria del sindacato subisce una grave rottura: nel 1984 l'allora presidente del Consiglio dei ministri, [[Bettino Craxi|Bettino Craxi,]] decide di tagliare per decreto (il cosiddetto decreto di San Valentino) quattro punti di scala mobile. Il Pci si oppone e arriva a promuovere un referendum per abrogare tale misura di legge. La consultazione si tiene l'anno successivo ma la maggioranza degli italiani vota contro l'abrogazione del taglio e, quindi, a favore del mantenimento del decreto<ref name=":0" />.
 
Nel 1986 Lama lascia il sindacato e, dopo 17 anni, torna alla politica attiva col il Pci. Nel [[1987]] fu eletto Senatore come indipendente nelle liste del PCI quindi, nel 1991, entra nel [[Partito Democratico della Sinistra|Partito democratico della sinistra]], della cui nascita è sostenitore e fautore, e lo rappresenta a Palazzo Madama come Vicepresidente del [[Senato della Repubblica|Senato]]. eViene rieletto nel [[1992]], ma al termine del mandato preferì non ricandidarsi per motivi di età e di salute. La sua attività di parlamentare lo porta, ancora una volta, ad interessarsi dei problemi del lavoro, come membro della Commissione permanente lavoro e previdenza sociale e poi, nel 1992, come presidente di una commissione di inchiesta sulle condizioni di lavoro nelle fabbriche italiane.
 
Nel [[1988]] venne eletto [[Sindaco (Italia)|sindaco]] di [[Amelia (Italia)|Amelia]], cittadina in [[provincia di Terni]], dove da tempo possedeva una casa di campagna. Venne riconfermato nelle elezioni del [[1994]]<ref>{{Cita web|url=http://elezionistorico.interno.it/index.php?tpel=G&dtel=12/06/1994&tpa=I&tpe=C&lev0=0&levsut0=0&lev1=10&levsut1=1&lev2=80&levsut2=2&lev3=40&levsut3=3&ne1=10&ne2=80&ne3=800040&es0=S&es1=S&es2=S&es3=N&ms=S|titolo=::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Comunali del 12 Giugno 1994|sito=elezionistorico.interno.it|accesso=13 aprile 2017}}</ref>, le prime che prevedevano l'elezione diretta del sindaco, e restò in carica sino alla sua morte.
9 898

contributi