Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: Markup immagini, accessibilità
 
Nel [[1786]] si trasferì a [[Faenza]] per decorare la Galleria del Palazzo Conti-Sinibaldi e la Galleria dei Cento Pacifici (con l'aiuto del Barozzi). L'anno successivo fu nominato membro accademico d'onore dell'[[Accademia Clementina]] di [[Bologna]]. Dopo un nuovo periodo romano ([[1788]]-[[1794]]), Giani completò la sua formazione con un viaggio a [[Napoli]], [[Ercolano]] e [[Pompei]], per poi fare ritorno a [[Faenza]] dove lavorò alla Galleria di [[Palazzo Laderchi]]. Nel [[1802]] è la volta di [[Palazzo Milzetti]], sempre a Faenza, forse il suo capolavoro. Nel [[1803]] fu chiamato a [[Parigi]] per decorare i Gabinetti Napoleonici alla Malmaison. Una sua presenza al distrutto [[palazzo delle Tuileries]], sebbene tradizionalmente ripetuta, non è per nulla certa.
[[File:Ephemeral arch erected in Piazza di Ponte to celebrate the Roman Republic on March 20 1798 by Felice Giani (Museo di Roma a Palazzo Braschi).jpg|thumb|300 pxupright=1.4|''Arco effimero eretto a piazza di Ponte, per celebrare la Repubblica Romana a marzo 1798'']]
Negli anni seguenti realizzò commissioni a [[Bologna]], [[Roma]], nel nuovo palazzo imperiale di [[Venezia]], a [[Ferrara]], a [[Ravenna]] e a [[Forlì]], dove si segnalano, in particolare, gli affreschi di [[palazzo Gaddi di Forlì|palazzo Gaddi]], del [[Palazzo Talenti Framonti]] e del [[Palazzo Comunale di Forlì|Palazzo Comunale]], attualmente visibili negli uffici del sindaco. Gli è anche attribuita una ''Deposizione'', attualmente nella [[Pinacoteca civica di Forlì]]. A [[Cesena]] realizzò il ciclo decorativo di [[Palazzo Sirotti Gaudenzi]], completamente conservato e composto da varie tempere, tra cui "la partenza di Attilio Regolo" e "Edipo davanti alla grotta delle Eumenidi".
 
2 583 174

contributi