Differenze tra le versioni di "Ginecomastia"

m
inserimento link
m (inserimento link)
È normale che durante la [[pubertà]] si assista ad uno sviluppo della [[ghiandola mammaria]] anche nell'uomo ma, dopo breve tempo, questa si atrofizza. Se l'[[atrofia]] non interviene, si ha un aumento di volume che non comporta conseguenze se non di tipo [[Psicologia|psicologico]]. Una simile condizione si verifica anche in caso di eccessiva conversione del [[testosterone]] in [[estrogeni]], in alcuni casi di [[iperprolattinemia]], o per l'assunzione di ormoni femminili, o per incapacità del [[fegato]] di eliminare efficacemente gli estrogeni in eccesso. In questi casi si parla di ''ginecomastia vera''.
 
In altri casi è un accumulo di tessuto adiposo nella zona mammaria a determinare questo aumento di volume, questa condizione si definisce ''ginecomastia falsa'' o ''lipomastia''. In sostanza, lo sviluppo abnorme delle [[Mammella|mammelle]], con la conseguente crescita del “seno” maschile può essere dovuto anche a fenomeni di accumulo di grasso pettorale, nel senso che l’aumento del [[tessuto adiposo]] può comportare un effetto estetico simile alla ginecomastia, ma da non confondere con quest’ultima, dal momento che quest'ultima coinvolge le [[Ghiandola|ghiandole]].È per questo che in tali casi si parla di pseudoginecomastia o di lipomastia (a sottolineare la connessione del fenomeno con la situazione di sovrappeso del paziente) o di ''ginecomastia falsa'', per distinguerla dal disturbo che stiamo trattando <ref>{{Cita web|url=https://www.felicianociccarelli.it/ginecomastia-maschile/|titolo=Ginecomastia maschile, tutto quello che devi sapere|sito=Ciccarelli|data=2019-01-13|lingua=it-IT|accesso=2019-01-14}}</ref>.
 
Nel caso della ginecomastia vera, questa è riconducibile ad un eccesso di [[prolattina]] o di [[estrogeno|estrogeni]], quest'ultimo a sua volta riconducibile ad un eccesso di attività dell'[[aromatasi]] nel petto, oppure dei livelli di [[Globuline leganti gli ormoni sessuali|SHBG]] nel sangue. Si può ricorrere a inibitori degli estrogeni, come il [[tamoxifene]] (nome commerciale Nolvadex) o l'[[anastrozolo]] (nome commerciale Arimedex). Altri fattori che influenzano il trofismo e la funzione della ghiandola mammaria nelle donne sono: i [[Glucocorticoide|glucocorticoidi]], l'[[ormone della crescita]] (GH), l'[[insulina]] e la [[tiroxina]].
16

contributi