Nebulosa planetaria: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
m (Bot: aggiungo sortkey " " per categoria principale)
Nessun oggetto della modifica
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
[[File:The Formation of Planetary Nebulae.OGG|thumb|upright=1.4|La formazione delle nebulose planetarie.]]
 
[[File:NGC 6326 by Hubble Space Telescope.jpg|thumb|[[NGC 6326]], una nebulosa planetaria con risplendenti ciuffi di gas espanso illuminati da un stella centrale binaria<ref name="Miszalski2011">{{cita|Miszalski ''et al.'' 2011||Miszalski}}</ref>]]
 
Una '''nebulosa planetaria''' è una [[nebulosa ad emissione]] costituita da un involucro incandescente di gas ionizzato in espansione, espulso durante la fase [[ramo asintotico delle giganti|asintotica delle giganti]] di alcuni tipi di [[Stella|stelle]] nella fase finale della loro vita.<ref name="Frankowskietal2009">{{cita|Frankowski, Soker 2009|pp. 654–8|Frankowski}}</ref> Il termine assegnato a questa classe di oggetti, che non è molto appropriato, ebbe origine negli anni 1780 con l'astronomo William Herschel al quale questi oggetti, dopo averli osservati attraverso il suo telescopio, sembrarono dei sistemi planetari in fase di formazione. Gli astronomi adottarono per questi oggetti il nome dato da Herschel, senza modificarlo successivamente, anche se le nebulose planetarie non hanno nulla a che vedere con i [[Pianeta|pianeti]] del sistema solare.<ref name="hubbleSite1997">{{cita web |url=http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/1997/38/background/ |titolo=Hubble Witnesses the Final Blaze of Glory of Sun-Like Stars |accesso= 27 luglio 2013 |editore=Hubblesite.org|data=17 dicembre 1997 }}</ref> Le nebulose planetarie spesso contengono stelle, ma non contengono pianeti visibili. Si tratta di un fenomeno relativamente breve, della durata di poche decine di migliaia di anni, rispetto alla tipica durata stellare di diversi miliardi di anni.