Apri il menu principale

Modifiche

2 267 byte aggiunti ,  8 mesi fa
m
Annullate le modifiche di 79.44.213.21 (discussione), riportata alla versione precedente di Daolr
 
Esistono vari tipi di metalli, scoperti in epoche distanti nel tempo, perché ben pochi metalli sono reperibili in natura allo stato nativo e perché ogni metallo ha una sua particolare [[Punto di fusione|temperatura di fusione]] che rende più o meno facile la sua estrazione dalle [[Roccia|rocce]] che lo contengono. I primi metalli storicamente lavorati (il [[rame]] e lo [[stagno (elemento chimico)|stagno]]) hanno naturalmente una temperatura di fusione relativamente bassa, già ottenibile con gli antichi forni di circa 10.000 anni fa (epoca in cui, presumibilmente, iniziò la lavorazione del rame).
 
== Definizione ==
Risulta particolarmente complesso definire chimicamente cosa sia un metallo.<ref>{{Cita libro|nome=Connelly, N.|cognome=G.|nome2=Royal Society of Chemistry (Great|cognome2=Britain)|nome3=International Union of Pure and Applied|cognome3=Chemistry.|titolo=Nomenclature of inorganic chemistry. IUPAC recommendations 2005|url=https://www.worldcat.org/oclc/60838140|accesso=2018-10-23|data=2005|editore=Royal Society of Chemistry,|p=10|citazione=The problem is to define the term ‘metal’.|OCLC=60838140|ISBN=0854044388}}</ref> In generale, la definizione di metallo riguarda gli elementi chimici. Tuttavia, come riconosce anche la IUPAC, il termine è convenzionalmente entrato in uso anche per indicare le leghe formate da elementi metallici.<ref name="meaningless" />
 
Un vocabolario di concetti di chimica organica afferma che si potrebbe definire metallo: a) ogni elemento che genera cationi quando un suo sale viene solubilizzato in acqua, oppure b) ogni elemento dotato di elevata conducibilità elettrica e termica, duttilità e malleabilità.<ref>{{Cita libro|nome=Orchin, Milton,|cognome=1914-|nome2=University of Cincinnati. Department of Chemistry. Organic|cognome2=Division.|titolo=The vocabulary and concepts of organic chemistry.|url=https://www.worldcat.org/oclc/61124521|accesso=2018-10-23|edizione=2nd edition|p=344|OCLC=61124521|ISBN=0471713732}}</ref> Un rapporto tecnico della IUPAC del 2002 citava come definizione di metallo quella proposta da Atkins e Jones secondo cui un metallo è un “elemento [chimico] che conduce l'elettricità, è dotato di lucentezza metallica, è malleabile e duttile, forma cationi e ossidi basici".<ref>{{Cita libro|nome=Loretta|cognome=Jones|nome2=Peter|cognome2=Atkins|titolo=Chemistry: molecules, matter, and change|url=https://www.worldcat.org/oclc/41108599|accesso=2018-10-23|edizione=4th ed|data=2000|editore=W.H. Freeman|OCLC=41108599|ISBN=0716732548}}</ref> Similmente, l'enciclopedia Treccani applica la definizione di metallo solo agli elementi chimici sulla base delle proprietà chimico-fisiche proposte da Atkins e Jones.<ref>{{Cita web|url=http://treccani.it/vocabolario/metallo1/|titolo=metallo¹ in Vocabolario - Treccani|sito=treccani.it|lingua=it-IT|accesso=2018-10-23}}</ref>
 
== Storia ==
14 891

contributi